Studi e ricerche

OPG…OPG… La disumanizzazione dell’essere umano

Giovanni Giusto
15 Novembre 2013
2 commenti
OPG…OPG… La disumanizzazione dell’essere umano

5.7 ATTIVITÁ

 

Vi sono locali attrezzati per le attività scolastiche (licenza elementare e media), un atelier di pittura, la biblioteca, una palestra coperta, una polivalente sportiva, il barspaccio ed una piscina all’aperto. Sono inoltre presenti laboratori di informatica, falegnameria e restauro, legatoria e stampa, sartoria. I laboratori sono gestiti in convenzione con il centro di avviamento professionale ENAIP di Mantova, che fornisce formatori specializzati, secondo un progetto finanziato dal Fondo Sociale Europeo.

L’intero complesso di degenza è organizzato in quattro palazzine autonome di due piani, con uno spazio giorno dotato di dotati di locali comuni per la socialità (aree pranzo, sale lettura, stanze per la proiezione film e televisione) ed un piano notte con camere che ospitano da due a quattro letti, bagno personale (eccetto quelle del reparto Arcobaleno, il primo ad essere costituito). Il complesso è logisticamente concepito per rispondere alla necessità di organizzare la cura e la riabilitazione in funzione dei bisogni individuali.

Le sezioni femminili e maschili sono separate, dotate di autonomi spazi verdi; i laboratori e tutte le strutture dedicate all’esecuzione dei benefici del trattamento penitenziario sono accessibili almeno otto ore al giorno, per entrambi i sessi.

L’organizzazione strutturale, la dotazione di personale sanitario, l’intervento esterno di enti  di formazione scolastica e professionale, anche attraverso l’integrazione con il volontario onlus, permette di soddisfare tutti i dettami del regolamento penitenziario di cui al decreto presenziale 30 giugno 2000.

Il personale non medico è inquadrato secondo il contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto sanità, e così anche il personale medico, secondo il contratto nazionale della Dirigenza medica e veterinaria.

Nel complesso l’organico svolge compiti di assistenza, vigilanza, terapia e riabilitazione psichiatrica. Nell’assolvere a queste funzioni fondamentali realizza “l’osservazione scientifica della personalità ed i programmi individualizzati del trattamento penitenziario, di cui agli articoli 27, 28, 29 del decreto presidenziale.

E’ organizzato in cinque equipe composte da psichiatra, psicologo, educatore, assistente sociale e personale del comparto sanitario, infermieri professionali, operatori tecnici addetti all’assistenza, ausiliari specializzati.

L’assetto organizzativo – funzionale, le linee di realizzazione dei livelli di responsabilità sanitaria e tecnico amministrativa dell’Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Castiglione delle Stiviere, rispondono alla normativa nazionale quadro, a partire dalla legge istitutiva del servizio sanitario nazionale, la 883 del 23 dicembre 1978, come integrata dal decreto legislativo n. 502 del 30 dicembre 1992 e successive modificazioni.


Pagine: Page 1 Page 2 Page 3 Page 4 Page 5 Page 6 Page 7 Page 8 Page 9 Page 10 Page 11 Page 12 Page 13 Page 14 Page 15 Page 16 Page 17 Page 18 Page 19 Page 20 Page 21 Page 22 Page 23 Page 24 Page 25 Page 26 Page 27 Page 28 Page 29 Page 30 Page 31 Page 32 Page 33 Page 34 Page 35 Page 36 Page 37 Page 38 Page 39 Page 40 Page 41 Page 42 Page 43


2 risposte.

  1. Alfio ha detto:

    Soffro di disturbi bipolari e a causa di questi disturbi sono stato denunciato per atti persecutori e lesioni personali. Io non ricordo la vicenda ma cosa può accadere in fase processuale?

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri come vengono trattati i tuoi dati