Studi e ricerche

OPG…OPG… La disumanizzazione dell’essere umano

Giovanni Giusto
15 Novembre 2013
2 commenti
OPG…OPG… La disumanizzazione dell’essere umano

2.1 LE MISURE DI SICUREZZA

 

Il sistema delle misure di sicurezza deriva concettualmente dai contenuti ideologici della Scuola Positiva che si proponeva di sostituire alla pena commisurata alla gravità del reato una “misura indeterminata” che doveva durare per tutto il tempo di persistenza della pericolosità.

Le misure di sicurezza sono state progressivamente inserite nel diritto positivo di molti paesi europei come sistema parallelo rispetto alla normale pena classica che, pur conservando i paradigmi dei principi classici della pena (determinatezza, inderogabilità, proporzionalità), mirava a compensare alcune carenze che erano insite in essa. In particolare (Ponti, 2008):

  • la protezione nei confronti dei soggetti plurirecidivi (i “sani pericolosi”) era considerata insufficiente;
  • la società non si reputava abbastanza tutelata dalle possibili offese dei delinquenti riconosciuti non imputabili per infermità di mente (“folli pericolosi”);
  • un’ultima carenza era la mancanza di interventi risocializzativi e curativi, fini a cui la pena non adempiva, a quell’epoca e  che le misure di sicurezza avrebbero idealmente dovuto fornire .

Le misure di sicurezza ricoprivano una triplice funzione (Ponti, 2008):

  • isolare dal corpo sociale i soggetti più pericolosi al di là dei termini editali della pena, talché la misura avrebbe dovuto prolungarsi fino a quando fosse cessata la pericolosità;
  • curare le infermità dei delinquenti con disturbo mentale;
  • rieducare i plurirecidivi attraverso l’obbligo del lavoro e l’abitudine ad esso, che a quel tempo si riteneva il trattamento più idoneo a tale scopo.

Gli istituti per l’esecuzione delle misure di sicurezza sono disciplinati dall’ articolo 62 O.P. che distingue:

  • ospedale psichiatrico giudiziario per rei riconosciuti al momento del fatto portatori di totale infermità di mente;
  • casa di cura e di custodia per i soggetti seminfermi di mente e ritenuti pericolosi, misura da eseguirsi una volta scontata la pena (sia pur ridotta per il vizio parziale);
  • casa di lavoro o colonia agricola per i delinquenti abituali, professionali, per tendenza e per gli altri soggetti mentalmente sani, ma pur sempre riconosciuti pericolosi;
  • riformatorio giudiziario per i minori socialmente pericolosi.

L’OPG e la casa di cura e di custodia sono le uniche misure che trovano ancora applicazione, mentre le altre per i soggetti non infermi non vengono di fatto più utilizzate.

Arturo Rocco, nella redazione del codice penale, ha introdotto al fianco della pena, determinata nel tempo e diretta risposta dell’azione delittuosa, le misure di sicurezza, mezzi rivolti a combattere la pericolosità sociale del reo, e perciò nel tempo indeterminata. E’ stato così realizzato il sistema definito del doppio binario (Del Giudice, 2006)

La normativa sugli OPG risale al codice Rocco, del 1930, che affonda le sue radici nell’articolo 85 del codice penale dove viene individuato il presupposto della responsabilità nell’imputabilità del soggetto autore di reato.


Pagine: Page 1 Page 2 Page 3 Page 4 Page 5 Page 6 Page 7 Page 8 Page 9 Page 10 Page 11 Page 12 Page 13 Page 14 Page 15 Page 16 Page 17 Page 18 Page 19 Page 20 Page 21 Page 22 Page 23 Page 24 Page 25 Page 26 Page 27 Page 28 Page 29 Page 30 Page 31 Page 32 Page 33 Page 34 Page 35 Page 36 Page 37 Page 38 Page 39 Page 40 Page 41 Page 42 Page 43


2 risposte.

  1. Alfio ha detto:

    Soffro di disturbi bipolari e a causa di questi disturbi sono stato denunciato per atti persecutori e lesioni personali. Io non ricordo la vicenda ma cosa può accadere in fase processuale?

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri come vengono trattati i tuoi dati