Studi e ricerche

OPG…OPG… La disumanizzazione dell’essere umano

Giovanni Giusto
15 Novembre 2013
2 commenti
OPG…OPG… La disumanizzazione dell’essere umano

2.6 GLI INDICATORI DELLA PERICOLOSITÁ SOCIALE

 

Il compito del perito è valutare la presenza e persistenza della pericolosità sociale psichiatrica da un punto di vista clinico.

Per assolvere tale obbligo, egli deve tenere presente i seguenti indicatori, interni  (Fornari, 2005):

  • presenza e persistenza di una sintomatologia psicotica e florida e riccamente partecipata a livello emotivo, alla luce della quale il reato assume “valore di malattia”;
  • assente consapevolezza di malattia (insight);
  • non accettazione delle terapie prescritte;
  • mancata o inadeguata risposta a quelle praticate (purché adeguate sotto il profilo qualitativo e del range terapeutico ed effettivamente somministrate);
  • presenza di segni di disorganizzazione cognitiva e di impoverimento ideo-affettivo e psico-motorio (sensibile compromissione delle abilità sociali e delle risorse premorbose) che impediscano un compenso in tempi ragionevoli.

Dal momento che genesi e dinamica del disturbo mentale sono di tipo multifattoriale e circolare, il perito deve considerare anche gli indicatori esterni quali (Fornari, 2005):

  • caratteristiche dell’ambiente familiare e sociale di appartenenza (accettazione, conglobamento, rifiuto, indifferenza);
  • esistenza e adeguatezza dei Servizi psichiatrici di zona, disponibilità e capacità di formulare progetti terapeutici da parte degli stessi;
  •  possibilità di (re)inserimento lavorativo o di soluzioni alternative;
  •  tipo, livello e grado di accettazione del rientro del soggetto nell’ambiente in cui viveva prima del fatto-reato;
  • opportunità alternative di sistemazione logistica.

Attraverso questi indicatori il perito potrà escludere la pericolosità sociale psichiatrica quando si troverà di fronte a (Fornari, 2005):

  • spegnimento o anche solo sensibile attenuazione della sintomatologia psicotica florida che ha determinato il passaggio all’atto;
  • ripristino di una sufficiente consapevolezza di malattia;
  • recupero di capacità di analisi, di critica e di giudizio adeguate;
  • possibilità di ottenere, da parte del paziente, una spontanea, attendibile accettazione degli interventi terapeutici, compresi quelli farmacologici e buona compliance alle terapie;
  • disponibilità degli operatori dei Servizi psichiatrici o di altri specialisti, presso Case di cura o nel settore privato, a prendersi effettivamente in cura i soggetti;
  • soluzioni di specifici problemi concorrenti alla genesi e alla dinamica dell’atto;
  • prospettiva di rientro in famiglia o di assegnazione a strutture comunitarie;
  • reperimento o ripresa di un’attività lavorativa e di altre attività socialmente utili per una positiva (re)integrazione.

Il perito deve tener conto di tutti questi indicatori, in positivo e in negativo, per formulare il suo giudizio clinico, senza che necessariamente essi siano assenti o presenti nella loro globalità.

Inoltre, questi indicatori vengono utilizzati per decidere il tipo, i tempi e le modalità di intervento sociosanitario da attuare e da sottoporre a verifiche periodiche.

Da ciò discende la correttezza di una risposta come (Fornari, 2005):

  • Assenza di pericolosità sociale in atto

Il paziente è seguito dai Servizi psichiatrici del territorio e con essi collabora; la famiglia (o una struttura sostitutiva) ha assunto un atteggiamento positivo nei suoi confronti; il lavoro e l’ambiente svolgono una funzione favorevole; quindi, allo stato, egli non deve (o non può più) essere considerato socialmente pericoloso.

  • Pericolosità sociale persistente elevata

Il paziente presenta persistenza di sintomatologia psicotica florida (oppure segni di disorganizzazione cognitiva o una sensibile compromissione delle abilità sociali e delle sue risorse); è assente una sia pur minima forma di consapevolezza di malattia; non accetta le terapie che gli sono state proposte; le caratteristiche socioambientali sono negative; non esistono adeguati Servizi sul territorio che ne possano garantire una presa in carico a medio-lungo termine; le possibilità di reinserimento lavorativo e sociale sono pressoché assenti;

  • Pericolosità sociale persistente attenuata

La sintomatologia psicotica è andata incontro a una graduale, progressiva, ma per ora non completa e soddisfacente remissione; il paziente partecipa al programma terapeutico in atto e sta migliorando; si sta costruendo in lui una buona consapevolezza di malattia; le abilità sociali non sono compromesse (oppure si sono ripristinate); i contatti con l’ambiente esterno sono positivi e favorevoli; il soggetto ha bisogno di usufruire di un ulteriore periodo di cure e assistenza in ambiente idoneo protetto (comunità di tipo A o B).

Il perito e il magistrato che non vogliono ricorrere all’automatismo della misura di sicurezza psichiatrica  devono fare i conti non solo con il disturbo psichico del paziente ma  anche con le risorse del contesto, che spesso risultano insufficienti e con l’assenza di un sistema a rete flessibile che garantisca un continuum terapeutico. Tali elementi contribuiscono a designare se un paziente è più o meno ad alto rischio.

 

Il percorso terapeutico nel giudiziario è caratterizzato da molteplici ostacoli (Fornari, 2005):

  • la possibilità di intervento terapeutico attuale per alcuni pazienti è segnata dalle loro caratteristiche intrinseche dipendenti dalla malattia;
  • altri pazienti a causa di un accumulo svantaggioso di esperienze negative e fallimentari (snowball effect) (Zara, 2005) che hanno determinato la loro storia di vita possono recuperare solo in minima parte le abilità sociali e relazionali andate perdute;
  • altri sono impropriamente introdotti nel circuito psichiatrico giudiziario;
  • per altri le risorsi disponibili sul territorio sono insufficienti;
  • in molti casi, pur in presenza di adeguati strumenti terapeutici e organizzativi da parte dei Servizi sul territorio, esistono situazioni di difficilissima gestione e soluzione;
  • non tutti i magistrati condividono una linea di intervento che preveda trasferimenti precoci, sia pur provvisori, in OPG. Di conseguenza, la permanenza in una struttura carceraria può favorire un radicamento e una cronicizzazione del quadro psicotico in atto

I suggerimenti in chiave clinica indicati dal Prof. Fornari per affrontare in chiave clinica il problema della pericolosità sociale sono:

  1. riconsiderare in psichiatria forense il “valore di malattia” e non dimenticare mai che da valutazioni equivoche o eccessivamente dilatate discendono prognosi equivoche, che si traducono in giudizi non fondati di pericolosità;
  2. evitare di immettere nel circuito manicomiale giudiziario soggetti che non siano di stretta competenza specialistica e utilizzare solo criteri psicopatologici;
  3. facilitare  la comunicazione tra gli operatori della giustizia e quelli della sanità, dell’assistenza e il contesto familiare e relazionale del soggetto, in funzione delle possibili forme di intervento;
  4. utilizzare l’elaborato peritale anche per fornire indicazioni terapeutiche che servono al periziato;
  5. graduare la valutazione della pericolosità sociale in elevata e attenuata (quando non assente) utilizzando gli indicatori interni ed esterni;
  6. tradurre la nozione di pericolosità sociale psichiatrica in quella di necessità di cure e di assistenza specialistica (o di trattamento) in regime di coazione (internamento in OPG) o di libertà vigilata (trattamento in strutture comunitarie);
  7. ottenere che i portatori di semplici disturbi di personalità seguano percorsi sanzionatori, clinici e riabilitativi nettamente diversificati rispetto a quelli degli psicotici e dei soggetti affetti da disturbi gravi di personalità;
  8. operare affinché ogni tipo di intervento sia tempestivamente adottato, sulla base delle indicazioni cliniche fornite dai periti.


[1] INTOSSICAZIONE ACUTA:

Si intende la condizione in cui ci si trova per l’effetto immediato dell’assunzione della sostanza, condizione caratterizzata da sintomi diversi a seconda del tossico in questione, ma destinati ad esaurirsi in un lasso di tempo contenuto, con successiva piena restituito ad integrum (Gulotta, 2005).

[2] CRONICA INTOSSICAZIONE:

Si intende una situazione in cui indipendentemente dall’interruzione dell’assunzione della sostanza, ed anche a distanza di mesi o di anni dall’interruzione stessa, il soggetto continua a presentare segni somatici, neurologici e psicopatologici di intossicazione (Gulotta, 2005).

[3] Art. 133 c.p.: GRAVITÁ DEL REATO: VALUTAZIONE AGLI EFFETTI DELLA PENA. –

Nell’esercizio del potere discrezionale indicato nell’articolo precedente, il giudice deve tener conto della gravità del reato, desunta:

  1. dalla natura, dalla specie, dai mezzi, dall’oggetto, dal tempo, dal luogo e da ogni altra modalità dell’azione;
  2. dalla gravità del danno o del pericolo cagionato alla persona offesa dal reato;
  3. dall’intensità del dolo o dal grado della colpa.

Il giudice deve tener conto, altresì, della capacità a delinquere del colpevole, desunta:

  1. dai motivi a delinquere e dal carattere del reo;
  2. da precedenti penali e giudiziari e, in genere, dalla condotta e dalla vita del reo, antecedenti al reato;
  3. dalla condotta contemporanea o susseguente al reato;
  4. dalle condizioni di vita individuale, familiare e sociale del reo.


Pagine: Page 1 Page 2 Page 3 Page 4 Page 5 Page 6 Page 7 Page 8 Page 9 Page 10 Page 11 Page 12 Page 13 Page 14 Page 15 Page 16 Page 17 Page 18 Page 19 Page 20 Page 21 Page 22 Page 23 Page 24 Page 25 Page 26 Page 27 Page 28 Page 29 Page 30 Page 31 Page 32 Page 33 Page 34 Page 35 Page 36 Page 37 Page 38 Page 39 Page 40 Page 41 Page 42 Page 43


2 risposte.

  1. Alfio ha detto:

    Soffro di disturbi bipolari e a causa di questi disturbi sono stato denunciato per atti persecutori e lesioni personali. Io non ricordo la vicenda ma cosa può accadere in fase processuale?

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri come vengono trattati i tuoi dati