Vaso di Pandora

Guido Rodriguez: “Il mio’68, l’idea di una medicina vicina alle persone”

Rodriguez  ci richiama alla necessità di una medicina più attenta alle persone, rievocando il mitico ’68 che, fra le altre istanze, ha coerentemente portato avanti proprio questa.

Alla nostalgia di quel momento che lo ha visto fra i protagonisti egli contrappone osservazioni pessimistiche: “ si pensava che un altro mondo fosse possibile, ma ha vinto l’idea che questo mondo sta bene così….la violenza ci ha fatto perdere tutto quel che avevamo guadagnato”.
Davvero l’esperienza del’ 68 non ci ha lasciato niente?
In quel momento storico sono entrate in un discorso politico e divenute così patrimonio collettivo certe posizioni espresse fino allora da pochi pensatori. Heidegger aveva scritto: “Naturalmente si può considerare l’uomo in modo scientifico-naturale come parte della natura. Solo, resta il problema se poi ne resti ancora qualcosa di umano, che riguardi l’uomo in quanto uomo. Nella pretesa della scienza moderna siffattamente impostata parla una dittatura dello spirito la quale degrada lo spirito stesso a un operatore della calcolabilità”.
Discorso che riguardava da vicino l’arte medica, non esclusivamente ma certo in misura particolare. Per il medico è sempre stato meno faticoso dimenticare la globalità dell’uomo e attenersi  a una visione scientifico-naturale, madre dell’intervento tecnico: riparare uno o più organi come si ripara il pezzo di una macchina. I progressi scientifici e tecnici, certo preziosi, si sono alleati a questo atteggiamento emotivo del curante che poteva fare assegnamento su strumenti di intervento efficaci ed emotivamente non troppo coinvolgenti .
Questo atteggiamento, comprensibile, ha lasciato un vuoto cui  si deve la persistente fortuna delle medicine alternative, che nasce da un oscuro timore di  affidarsi totalmente alla scienza con le sue tecniche di per sé dis-umane; i terapeuti “alternativi” non disponendo di tecniche di sicura efficacia sono obbligati a puntare di più su una relazionalità che tende a considerare l’uomo come un tutto: vedi il frequente uso del termine “olistico”.
  Psichiatria: è  particolarmente sensibile a questo ordine di problemi, per la sua posizione notoriamente posta al crocevia fra scienze umane e scienze della natura. Forse anche per questo  i suoi mezzi tecnici sono tuttora non all’altezza di quelli propri di altre discipline.
La ricerca scientifica aveva a suo tempo conseguito importanti realizzazioni, nel campo delle patologie mentali su basi organiche rilevabili con i mezzi del tempo; ma non ne erano nate applicazioni terapeutiche significative, con la possibile eccezione delle terapie per la paralisi progressiva. E’ seguita poi una lunga stasi, finita negli ultimi decenni con lo sviluppo delle neuroscienze. Tuttavia anche queste più recenti acquisizioni teoriche non si sono finora tradotte in terapie rivoluzionarie. Sembra quasi che le prassi terapeutiche e la ricerca seguano due binari paralleli (con qualche scambio come nelle stazioni ferroviarie): la scoperta dei farmaci psicoattivi è avvenuta in larga parte su base empirica, e la ricerca se ne è occupata a posteriori per scoprirne i meccanismi di azione. Il fattore umano è più che mai decisivo, dopo essere stato a più riprese scotomizzato.
Cosa ci riserva  il futuro? Un regresso come pare temere o addirittura constatare Rodriguez? Limitiamoci al nostro campo, quello della psichiatria. Essa forse offre più resistenza di altri campi a possibili movimenti regressivi. Il disturbo mentale potrebbe esser definito come una malattia della relazionalità: è difficile  occuparsene tornando a scotomizzare nuovamente la dimensione relazionale.
Difficile anche ipotizzare un ritorno diretto ai manicomi: si è costituita una rete di servizi e strutture che per fortuna sarebbe difficile smantellare, come è stato difficile costruirla; in questo caso la resistenza al cambiamento diviene un fattore favorevole. Il rischio è quello di una stasi e di uno svuotamento dall’interno, per la progressiva perdita di impegno e passione negli operatori, accentuata anche da un minore investimento di risorse pubbliche. Questo a sua volta potrebbe essere reso possibile dallo spegnersi nella collettività di quell’interesse al problema che tanto si era acceso nel ’68.
E’ vero che l’angoscia per il “diverso”, l’alieno, oggi ha trovato altri bersagli: quando tempo fa un immigrato folle si è scatenato con una mannaia, la stampa ha posto l’accento sulla sua pericolosità in quanto immigrato, non in quanto folle da rinchiudere. Ma è subentrata una certa indifferenza: sarebbe ben difficile oggi raccogliere sul tema “psichiatria” una folla paragonabile a quella messa insieme, a quei tempi, da Basaglia e Cooper a Genova.
Il panorama è molto variegato: importante che sia  subentrata una nuova generazione di operatori psichiatrici, lontani da una visione piattamente organicistica pur se consapevoli dell’impossibilità di ignorare la biologia, ed è importante che questo patrimonio non vada perduto;  resta più che mai fondamentale investire sulla formazione. Gli apporti della psicanalisi e della fenomenologia  costituiscono assi portanti di un prendersi cura: proprio per questo diviene un fattore di rischio il forte prevalere quantitativo, nella letteratura scientifica, delle ricerche biologiche e di quella prassi cognitivo-comportamentale coi sui mille indici e quozienti  che tende – per usare le parole di Heidegger – a degradare lo spirito stesso a un operatore della calcolabilità.
E’ possibile che proprio la  nostra disciplina sia quella che meglio ha conservato gli aspetti positivi del ’68: bisogna che ciò non vada perduto.
Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
famiglia con bambini passeggia su un molo al tramonto
24 Maggio 2024

Siblings e Autismo: guida per famiglie e fratelli

Ricevere la diagnosi di autismo in un bambino rappresenta un momento delicato e significativo per tutta la famiglia, ed è importante in questa fase guidare alla comprensione e all’accettazione della condizione del bambino i cosiddetti…

donna sta per andare al wc
24 Maggio 2024

Vescica iperattiva psicosomatica: cause e soluzioni

Con vescica iperattiva si indica la condizione per cui si avverte il bisogno urgente e frequente di urinare, spesso accompagnato da incontinenza. Questa condizione non è solo la conseguenza di problematiche e disfunzioni fisiche, ma…

L'empatia: la relazione che cura
24 Maggio 2024

L’empatia: la relazione che cura

Il concetto di empatia venne introdotto da  Robert Vischer, filosofo tedesco e professore di storia dell’arte, a fine ‘800, deriva dal termine empátheia, ovvero «sentire dentro» e definisce la capacità di introiezione dell’oggetto artistico da parte dello spettatore

grooming
24 Maggio 2024

Grooming: riconoscere e prevenire l’abuso online

Il grooming è una forma di adescamento online che coinvolge i minori, con l’obiettivo di stabilire una relazione di fiducia per poi sfruttarli sessualmente. In un’era sempre più digitale, è fondamentale che genitori, educatori e…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Cultura
Leggi tutti gli articoli
Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd