Studi e ricerche

Binswanger e Freud quando si scrivevano

Carmelo Conforto
18 Gennaio 2014
Nessun commento
Binswanger e Freud quando si scrivevano

NOTE

1     Ho utilizzato la traduzione francese, “Correspondance”, Editè et introduit par Gerhard  Fichtner, préfacé par Jean  Gillibert, CALMANN-LE’VY,1995.

    Elisabeth Roudinesco “Freud e la psicoanalisi”, intervista a Rai Educational, 10-5-1994.

3     F. Brentano (1838-1917) affermò il primato delle scienze psicologiche sulle scienze naturali, proponendo una psicologia degli atti  di coscienza direttamente vissuti nella direzione di oggetti: la coscienza come intenzionalità che Husserl riprenderà.

    Bianca Maria d’Ippolito (2004) “La cattedrale sommersa.”, Franco Angeli, Milano.

5    E. Stein, 1917, ‘L’empatia, Franco Angeli, Milano,2000

6    Minutes of the Vienna Psychoanalytic Society.Vol. I: 1906-1908. Ed. H. Nunberg, E. Federn., New York, International Universities Press.

7    L. Ambrosiano ” Con la realtà addosso”.Seminario C. M. P. 19/2/ 2009

   M. Hack, 2008 “Le mie favole”, Ed. dell’Altana,Roma

    Vedi a questo proposito lo scritto di Edith Stein , allieva di Husserl, “L’empatia”(1917), Franco Angeli, Milano,2000.

10    Mi sono servito dei cenni biografici di Danilo Cargnello in “Alterità e alienità” e di Gerhard Fichtner nella introduzione” al carteggio.

11     L. Binswanger, 1936, “ La concezione freudiana del’uomo alla luce dell’antropologia” In : L. Binswanger (1955) “Per un’antropologia fenomenologia. Saggi e conferenze psichiatriche.”, Feltrinelli, Milano, 1970.

12     Ho tratto questi dati da: Mario Galzigna 1994, ”Binswanger e le strutture della presenza” In::L. Binswanger (1952) ‘ Il caso Suzanne Urban’, Saggi Marsilio, Venezia, 1994.

13     L. Binswanger, 1947, “Il significato della analitica esistenziale di M. Heidegger per l’auto-comprensione della psichiatria.” Trad. M. Beluffi

14     Manoscritto , citato da Fictner.

15    Vedi “Consigli al medico… del 1912 “ Egli (l’analista) deve rivolgere il proprio inconscio come un organo ricevente verso l’inconscio del malato che trasmette ; deve disporsi rispetto al’analizzato come il ricevitore del telefono rispetto al microfono trasmittente. Tuttavia in questo lavoro propone indicazioni di straordinario valore e che Binswanger non riprende, ma, come ipotizzo oltre, saranno riprese da Bion: “ Si tenga lontano dalla propria attenzione qualsiasi influsso della coscienza  e ci si abbandoni completamente alla propria – memoria inconscia- oppure in termini puramente tecnici: si stia ad ascoltare e non ci si preoccupi di tenere a mente alcunchè”.

16    Penso inevitabile intendere le parole di Freud, incluse quelle che ho sottolineato nel lavoro del 1912, come una sorta di introduzione alla formulazione radicale di Bion a proposito di una psicoanalisi senza “memoria e desiderio”, conclusione da molti intesa negativamente  (ad esempio Bleandonu, Leo Rangell). Non ho intenzione qui di commentare la raccomandazione bioniana, certo ha a che vedere con la valorizzazione della “intuizione” che si manifesta a patto di liberarla da gravami psicosensoriali onde accedere alla realtà mentale-emotiva dell’analizzando (vedi J.  E N. Symington “Il pensiero clinico di Bion” Cortina,1998)

17    In” Per un’antropologia fenomenologica” (op.cit.)

18    L.Binswanger (1930) “Sogno ed esistenza” Trad. It. con Introduzione di Michel Foucault, (1954), SE, Milano, 1993.


Pagine: Page 1 Page 2 Page 3 Page 4 Page 5 Page 6 Page 7


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri come vengono trattati i tuoi dati