Vaso di Pandora

Il danno dei social network

È ormai ampiamente dimostrato che l’utilizzo dei social network in preadolescenza e adolescenza è dannoso per la salute ed il benessere dei ragazzi, per le loro relazioni sociali e per il loro profitto scolastico. La recente ricerca del Dipartimento di Sociologia dell’Università la Bicocca riportata su Repubblica del 3 maggio “I social come una zavorra chi li usa prima dei 14 anni prende i voti più bassi” dimostra anche in Italia, come in altri paesi, la correlazione negativa tra l’uso dei social ed il rendimento scolastico. Tuttavia, va sottolineato che non tutte le attività svolte sui social network sono nocive. Secondo Marco Gui, direttore del Centro Benessere Digitale della Bicocca, le attività più dannose risultano essere quelle caratterizzate da una fruizione passiva, basate sulla visione compulsiva di short video proposti da piattaforme online come TikTok.

Il meccanismo d’azione del danno dei social network

Tra le diverse teorie proposte sulle cause del danno derivante dall’uso dei social network, aggiungo un’ipotesi da me avanzata nel mio libro “Semi di Psiche”, pubblicato nel 2016.

Le immagini in movimento, presenti sia nel cinema e nella televisione che nei video e negli short video dei social network, mostrano una stretta affinità con i sogni. Questa connessione non è una novità: Italo Calvino affermava che l’uomo non ha inventato il cinema ma lo ha scoperto, sottolineando che abbiamo dentro di noi un cinema che chiamiamo sogno. Inoltre, lo psicoanalista Anzieu ha descritto i sogni come film che proteggono l’integrità e il benessere della nostra salute mentale, riparando le ferite della vita quotidiana. Parafrasando Picasso, potremmo dire che i sogni puliscono l’anima dalla polvere dell’esistenza di tutti i giorni.

Sognare facilita l’adattamento alla realtà sociale

Da un punto di vista evoluzionistico, alcuni psicoanalisti, tra cui Blechner, Benedetti e me stesso, crediamo che sognare sia un meccanismo fondamentale per facilitare l’adattamento psicologico dell’individuo alla realtà sociale in continuo cambiamento. In questa prospettiva, il sogno crea simboli che arricchiscono il nostro pensiero e rinnovano le nostre memorie, incorporando le esperienze sociali significative vissute nel presente. Nel sogno, i contenuti del nostro pensiero mutano e creano idee innovative che facilitano l’adattamento alle rapide trasformazioni della realtà sociale che viviamo quotidianamente.

Il danno dei social network

L’eccesso di esposizione ai video può interferire con le finalità del sogno

L’avvento delle immagini in movimento, dal cinema alla televisione, ai video e agli short video dei social network, offre alla nostra mente una sorta di “cibo preconfezionato”, sogni già pronti, pre-sognati dalle varie “fabbriche dei sogni”. Se da un lato queste immagini sollevano la nostra mente dal faticoso lavoro psichico inconscio di creare sogni personali, dall’altro possono interferire con le finalità della funzione del sognare. Questa funzione non solo soddisfa in modo mascherato i desideri proibiti (Freud), non solo genera il pensiero conscio e inconscio (Bion), ma facilita anche l’adattamento alla realtà sociale interpersonale.

Il pericolo che ho segnalato dieci anni fa nel mio libro “Semi di Psiche” e che, purtroppo, la realtà attuale sta drammaticamente confermando, è che un’eccessiva esposizione alla visione di immagini in movimento, sia attraverso i video online, il cinema o la televisione, può indurre l’inconscio a confondere queste immagini con la realtà sociale in cui l’individuo vive.

L’esposizione prolungata, che coinvolge fino al 80% dei ragazzi intervistati in uno studio condotto dal Movimento Etico Digitale riportato sul Sole 24 ore (Dipendenza digitale, ragazzi online tre mesi l’anno, oltre 5 ore al giorno), può comportare il rischio che i giovani si adattino non più alla realtà interpersonale, ma piuttosto alla finzione della realtà sociale veicolata dai social network. Dal punto di vista evoluzionistico, ciò potrebbe avere conseguenze preoccupanti, conducendo a una sorta di mutazione psichica della specie umana.

Il rischio di una mutazione psichica svantaggiosa per la salute, il benessere e l’adattamento

La generazione Z potrebbe quindi risultare abituata ai video e ai sogni preconfezionati trasmessi dall’eccessiva esposizione mediatica, ma poco predisposta o addirittura inadatta agli scambi affettivi e sociali del mondo reale. Stiamo assistendo alla formazione di nuove generazioni che si adattano a contenuti virtuali uniformi, stereotipati e plasmati dai meccanismi di profitto che animano i social network, ma che risultano sempre meno preparate a vivere all’interno della società, incapaci a sviluppare relazioni affettive e scolastiche genuine e ad affrontare un futuro lavorativo concreto e non virtuale.

Il danno dei social network potrebbe contribuire a spiegare l’aumento esponenziale del disagio psicologico e sociale, dei suicidi e dei gesti autolesionistici che stiamo drammaticamente riscontrando nelle nostre nuove generazioni.

Argomenti in questo articolo
Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
uomo si gratta la testa guardando fuori dalla finestra
28 Maggio 2024

Tricotillomania: cos’è e come trattarla

Cos’è la tricotillomania esattamente? In questo articolo andremo a esplorare i sintomi, le cause e le strategie di trattamento di questa condizione poco nota rispetto ad altri disturbi della categoria ossessivo-compulsiva (DOC), cui appartiene anche…

due donne comunicano tra loro gesticolando
28 Maggio 2024

Comunicazione paraverbale: di che si tratta?

Molti di noi non sanno esattamente cosa sia la comunicazione paraverbale o non ne hai mai sentito parlare prima. Eppure, con comunicazione paraverbale si indica un aspetto fondamentale della comunicazione umana. Questa si compone di…

Due esperienze in CT di Roma
28 Maggio 2024

Due nuove esperienze in CT di Roma

Nel corso dell’ultimo anno, mi sono recato in due Comunità Terapeutiche facenti parte del DSM della Asl Roma 1, in qualità di volontario, in base all’esistenza di una Convenzione tra la Asl Roma 1 e…

extrasistole e ansia
28 Maggio 2024

Extrasistole e ansia: come capire il collegamento

Il cuore, motore instancabile del nostro corpo, scandisce il ritmo della vita con una precisione sorprendente. Tuttavia, a volte, questa armonia può essere interrotta da un battito improvviso e inaspettato: l’extrasistole. Questa sensazione, spesso descritta…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Due esperienze in CT di Roma
28 Maggio 2024

Due nuove esperienze in CT di Roma

Nel corso dell’ultimo anno, mi sono recato in due Comunità Terapeutiche facenti parte del DSM della Asl Roma 1, in qualità di volontario, in base all’esistenza di una Convenzione tra la Asl Roma 1 e…

Workaholic: dipendenti dal lavoro
22 Maggio 2024

Workaholic: dipendenti dal lavoro

Nell’attuale mondo frenetico, la linea tra impegno lavorativo e ossessione può sfumare facilmente. La figura del “workaholic“, o dipendente dal lavoro, emerge come il simbolo di una cultura che celebra l’eccesso come emblema di successo.…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd