Vaso di Pandora

Metti una domenica alle “Vele d’Epoca” sulla Leon Pancaldo

Domenica 11 settembre si è conclusa, con una parata ed una regata, la 21 edizione delle vele d’ epoca di Imperia. Per me: la seconda edizione in cui partecipa la Leon Pancaldo… ed io mi destreggio tra i ricordi e il lavoro.

Mi è sempre risultato difficile pensare di avvicinare i miei mondi, la città dell’infanzia e dell’adolescenza a cui sono tornata dopo un po’ di strada fatta altrove e dove ho fatto ritorno con i pazienti. Loro che animano e popolano i pensieri durante la settimana li ritrovo lì, sulla banchina del porto davanti a quella che per noi di Imperia è la manifestazione clou. Certo, non ha la risonanza dei più blasonati raduni di vele di Monaco e Saint Tropez, ma per una città di mare di provincia è sicuramente un momento importante. Il sindaco, gli assessori, i turisti da una parte e la gente di mare, quella vera che il mare lo vive lo annusa e se lo sente addosso, tutti insieme in un clima festoso.

Gruppi di giovani equipaggi alla ricerca dell’avventura, certi di essere protagonisti indiscussi di quello spettacolo che si para davanti agli occhi su quelle che, definite le regine del mare, affascinano i passanti.

Arriva la domenica, giorno della parata e dell’ultima uscita in mare per le vele.  Fino a giovedì, giorno dell’assemblea in comunità si discute per chi potrà salire in barca, si parla del mare. Loro almeno 2 volte alla settimana si recano in spiaggia ed un piccolo gruppo fa il bagno, ma in barca è un’altra cosa… qualcuno ricorda di soffrire di mal di mare perché una volta era stato su di una barca, qualcuno evoca la paura degli squali, la paura di cadere in mare e poi c’ è la regola del non poter fumare. Ma si sa ogni novità porta con sé una buona dose di ansia. Passano i giorni e poi la domenica si rimette tutto in discussione. Partono le lunghe telefonate con gli operatori del turno. E poi via il gruppo parte.

Li ritrovo lì sulla banchina del porto ‘un poco spaesati, timidi nelle loro manifestazioni. La prima cosa cibo e caffè, le certezze.

Non so spiegarmi il motivo, ma come una mamma porto con me cappellini che regolarmente non vogliono indossare, e la crema solare protettiva l’acqua, i fazzoletti e scorte di cibo.

E questa volta si gareggia sul serio, il vento concede momenti in cui senti il mare entrarti dentro, le vele fanno rumore e i due alberi si muovono al comando dell’equipaggio che scruta di continuo il mare, il vento e gli altri gli avversari. Un grande lavoro di équipe, uno al comando anzi meglio decisamente ognuno un poco al comando, ma sempre attenti al lavoro dell’altro che cazza, lasca, che compie gesti e manovre sconosciute ma che fanno parte di un comune sapere. Ecco cosa mi attrae dell’andar per mare, quello strano sentimento che ci rende consci di un lavoro difficile, quello che facciamo noi in comunità.

E poi osservi ed osservi ancora e provi ad entrare in sintonia con un qualche cosa che appartiene a te, ai tuoi ricordi.

Sem si addormenta in barca, al risveglio si scusa poi parla della barca del nonno. Su quella barca da piccolo si addormentava spesso. Poi la morte del nonno e la vendita della barca a vela.

Ma la regata è finita si ritorna alla banchina dove ad aspettarci troviamo gli altri desiderosi di rientrare in comunità: una giornata piena di mare, di sole e di vento.

Condividi

Commenti su "Metti una domenica alle “Vele d’Epoca” sulla Leon Pancaldo"

  1. L’importanza di un elemento affascinante e parzialmente estraneo ai più come il
    Mare traspare dalla fresca descrizione di Marcella.
    Di più: il vento , il rumore delle vele che si spiegano per spingere la Leonpancaldo verso nuovi traguardi disegna un piano concreto ed uno simbolico che possono descrivere la nostra avventura con i pazienti delle comunità.
    Brava davvero

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
famiglia con bambini passeggia su un molo al tramonto
24 Maggio 2024

Siblings e Autismo: guida per famiglie e fratelli

Ricevere la diagnosi di autismo in un bambino rappresenta un momento delicato e significativo per tutta la famiglia, ed è importante in questa fase guidare alla comprensione e all’accettazione della condizione del bambino i cosiddetti…

donna sta per andare al wc
24 Maggio 2024

Vescica iperattiva psicosomatica: cause e soluzioni

Con vescica iperattiva si indica la condizione per cui si avverte il bisogno urgente e frequente di urinare, spesso accompagnato da incontinenza. Questa condizione non è solo la conseguenza di problematiche e disfunzioni fisiche, ma…

L'empatia: la relazione che cura
24 Maggio 2024

L’empatia: la relazione che cura

Il concetto di empatia venne introdotto da  Robert Vischer, filosofo tedesco e professore di storia dell’arte, a fine ‘800, deriva dal termine empátheia, ovvero «sentire dentro» e definisce la capacità di introiezione dell’oggetto artistico da parte dello spettatore

grooming
24 Maggio 2024

Grooming: riconoscere e prevenire l’abuso online

Il grooming è una forma di adescamento online che coinvolge i minori, con l’obiettivo di stabilire una relazione di fiducia per poi sfruttarli sessualmente. In un’era sempre più digitale, è fondamentale che genitori, educatori e…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Appuntamenti
Leggi tutti gli articoli
Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd