Vaso di Pandora

La città che cura. Un patto per una salute mentale come bene comune

Il 18 maggio 2023 si è svolto a Palazzo Ducale a Genova il convegno “La città che cura. La salute mentale come bene comune” il terzo evento sul Patto della Salute Mentale siglato nel 2018 da ASL3 Genova con più di 60 firmatari, tra associazioni di volontariato, associazioni di familiari e utenti, regione, comune, sindacati, istituzioni private e individui.

E’ stata una giornata molto importante per Genova e la Salute Mentale non solo per la presenza di più di 400 partecipanti ma anche perché abbiamo cercato di dare nuova linfa al Patto della Salute Mentale attraverso il coinvolgimento di 50 relatori non solo sanitari e operatori della salute mentale, ma anche familiari, utenti, cittadini, amministratori pubblici, associazioni di volontariato, cooperative sociali con l’obiettivo di fare sistema e rimettere al centro dell’agenda della città il tema della salute mentale in un periodo storico in cui i servizi da una parte sono sommersi dalle richieste di cura, in particolare di giovani, e dall’altra da pressanti richieste di controllo sociale.

Il Patto della Salute Mentale rappresenta il tentativo di mettere insieme tutte le risorse e tutti gli stakeholders della salute mentale, ma anche tutte quelle istituzioni che a vario titolo possono incidere sulle politiche inerenti la salute mentale con l’obiettivo di migliorare il benessere delle persone e della collettività non solo attraverso le cure tradizionali ma anche attraverso una partecipazione e una responsabilità allargata della città, per dare forza al concetto di integrazione tra cure propriamente dette e il prendersi cure della sofferenza più soggettiva e sociale dell’individuo, per combattere lo stigma e in definitiva per affermare che nessuno è in grado di risolvere da solo i problemi di salute mentale di una città.

Il razionale del Patto si basa su due concetti chiave innovativi introdotti dall’Organizzazione Mondiale della Salute: il concetto di Healthy Cities e quello di Health in All Policies.

Healthy cities, cioè città sane, sono quelle città che sono consapevoli che la salute, nel nostro caso la salute mentale, non si crea nei servizi sanitari ma nei luoghi di vita delle persone, nei luoghi di lavoro, in famiglia, a scuola e per questo mette in atto delle politiche per tutelarla e migliorarla.

Secondo quest’ottica la salute mentale diventa un bene comune sia perché la stessa ha un forte impatto sul funzionamento della comunità, ma anche perché avendo, in un’ottica biopsicosociale, un forte legame con l’ambiente in cui si vive e si cresce, con l’educazione e gli stili di vita, con il livello economico e sociale, diventa il risultato di una responsabilità allargata e comune della città e della comunità.

In linea con questi principi il concetto di Health in All Policies, cioè salute in tutte le politiche, fa riferimento a un nuovo modo di fare salute che coinvolge, in modo sinergico e trasversale settori diversi della società, delle istituzioni e i portatori di interesse in una dimensione partecipativa e di responsabilità collettiva.(perché tutto ciò che si fa ha delle ricadute sulla salute).

Il Patto della Salute Mentale di ASL3, in questi 5 anni, ha cercato di orientarsi in questa direzione aprendo degli spazi di condivisione e di confronto aperti a tutti i firmatari e alla loro più larga rappresentanza, attraverso dei tavoli di lavoro coordinati da una Consulta Salute Mentale. I risultati sono stati importanti, nonostante il periodo Covid, come ad esempio l’aver creato in tutti i distretti cittadini delle reti collaborative, i cosiddetti circoli territoriali, tra risorse formali del sistema sanitario e risorse informali (associazioni di volontariato, di quartiere, di familiari e utenti, risorse comunali) con lo scopo di favorire l’inclusione sociale, combattere lo stigma e migliorare la qualità della vita dei pazienti; sono nati poi progetti di collaborazione con i familiari, progetti di inserimento lavorativo e di prevenzione nelle scuole su cui sarebbe troppo lungo soffermarsi.

Ciò che è importante sottolineare, in un periodo storico in cui la psichiatria e i servizi di salute mentale rischiano di essere mesi all’angolo da richieste impossibili, è la necessità di fare sistema e costruire alleanze ad ampio raggio, uscendo da un’autoreferenzialità biomedica, contaminando e contaminandosi con settori e aree non sanitarie, realizzando ponti e imparando a comunicare per fare in modo che la salute mentale diventi tema che non interessi solo gli addetti ai lavori ma diventi realmente bene comune.

Credo fortemente che il Patto della Salute Mentale rappresenti un modello innovativo e strategico di fare salute in salute mentale in grado di rispondere in modo più articolato e appropriato ai bisogni di salute di una città o di una comunità, in termini di promozione, prevenzione, cura e inclusione sociale.

Condividi

Commenti su "La città che cura. Un patto per una salute mentale come bene comune"

  1. Ammirevole iniziativa. Si tratta anche di una risposta alla crisi che traversa i Servizi. Sul numero di Maggio di “Le Scienze” Cristina Da Rold, consulente per la comunicazione per l’Ufficio Italiano della OMS, ne parla ampiamente e dettagliatamente, sotto il provocatorio titolo “Una salute mentale a gettoni”. Per noi, si tratta di cose che conosciamo: ma credo importante che appaiano su rivista non indirizzata a tecnici. Ce n’è bisogno, sempre nella prospettiva indicata da Ghio.
    Infatti sappiamo che la crisi traversa l’intero SSN ma che, mentre ognuno si sente coinvolto dal problema della malattia somatica, è invece forte pur se spesso latente la spinta a considerare il malessere mentale grave come qualcosa che “non può riguardarci personalmente “. Quindi, se qualcosa non funziona nell’intervento, può alimentare nel pubblico la spinta non a migliorarlo ma anzi a tornare al passato, a nascondere la polvere sotto il tappeto: quel tappeto che erano i manicomi.

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
Animal hoarding: una cucciolata di gattini
12 Aprile 2024

Animal hoarding: cos’è la sindrome di Noè?

L’espressiona animal hoarding si può tradurre in italiano con accumulo di animali. Il fenomeno non è molto noto nel nostro Paese, ma ciò non significa che non ci riguardi. Non è conosciuto non perché non…

Frasi del cappellaio matto: Alice con un coniglio in braccio
12 Aprile 2024

Le più iconiche frasi del Cappellaio Matto

Il Cappellaio Matto, senza ombra di dubbio, è uno dei più amati personaggi all’interno del coloratissimo mondo di Alice nel paese delle Meraviglie. Nonostante sia passato oltre un secolo dalla prima pubblicazione dell’opera di Lewis…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Appuntamenti
Leggi tutti gli articoli
Introduzione a "Lo Spiraglio" 2024
14 Marzo 2024

Introduzione a “Lo Spiraglio” 2024

Una nuova edizione de Lo Spiraglio (11-14 aprile 2024 MAXXI Roma) ha dietro un anno di incontri, di storie nuove di persone che si conoscono, che si scoprono appassionati ed esperti di cinema, che arrivano…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd