Vaso di Pandora

Adolescenti, ecco come aiutarli

Nel mio studio mi capita spesso di lavorare con adolescenti e una delle domande che insorge più spesso è: “come hai vissuto la pandemia?“.  Le vittime silenziose di una costretta reclusione. Inizialmente poteva sembrare un‘occasione per stare finalmente in famiglia, per fermare i tempi sempre “di corsa“ ma con il tempo, in alcuni casi quel rifugio è diventato una gabbia dorata con sbarre piene di paure e frustrazioni.

Lo sviluppo neurologico durante l’adolescenza

L‘adolescenza è un periodo complesso e delicato: a livello neurologico avviene quello che viene chiamato il fenomeno del pruning, un processo cerebrale importantissimo caratterizzato dallo sfoltimento selettivo di alcune delle tante connessioni (sinapsi) formatesi mentre cresciamo. Si creano dei nuovi assetti e nuove reti neurologiche e un cutting di alcune reti che riguardavano l’infanzia, per capirci le famose isole di “inside out“ che si distruggono. Inoltre in questo periodo avviene un ritardo nel rilascio di melatonina, ormone che regola il sonno (motivo per il quale a volte è così difficile svegliarsi presto e bisogna buttarli giù dal letto). Questi cambiamenti sono accompagnati anche da picchi ormonali non facili da gestire, onde emotive che devono imparare a cavalcare per un po‘.

Tutto questo li potrebbe fare sentire spaesati e distratti, bisogna perciò avere pazienza e mantenere un ponte comunicativo che li aiuti in questa fase di assestamento e cambiamento neurologico significativo. Diventa importante per la scuola non bombardarli di informazioni e verifiche ma dare il tempo di assimilare ciò che viene insegnato, sarebbe bello poter facilitare i docenti e non farli sempre correre dietro alle scadenze e i programmi, inoltre avere degli spazi dove poter lavorare anche sulla ricerca dei propri potenziali e quelli che potrebbero essere i nuovi interessi, che si stanno sviluppando e che andranno a costruire l’identità adulta.

I postumi della pandemia tra gli adolescenti

Dopo la pandemia sono aumentati i casi di attacchi di panico, autolesionismo, pensieri suicidari, disturbi del comportamento alimentare. Nelle loro camere alcuni si sono congelati, dei rifugi isolati dalle relazioni fisiche, in presenza, che sono differenti da quelle mediate dal display. Immaginate in questo periodo così delicato di passaggio quanto possa essere costato, il non poter condividere anche con la sola presenza fisica senza dover per forza parlare i momenti di disagio, difficoltà ma anche di bellezza e scoperta, con i propri coetanei.

Se facciamo uno sforzo e torniamo indietro nella memoria sono sicura che ci ricordiamo quanto fosse importante alla loro età un abbraccio di un amico. Immaginate invece che fatica quando tutto si è scongelato e gli è stato chiesto di ricominciare ai ritmi frenetici.

Cosa fare per essere d’aiuto

Credo possa essere importante promuovere attività non performative di gruppo fuori casa, facilitando comportamenti prosociali, aiutarli a scaricare la tanta energia con il corpo attraverso lo sport, hobby, volontariato, attività in natura.

È necessario dare alla comunità educativa (scuola, sport, famiglia…) gli strumenti  per offrire ai più giovani strade differenti di espressione del disagio e del malessere che cerca di trovare una risposta ad una mancanza di senso. Un vuoto che altrimenti rischia di essere terreno fertile per l’insorgere di alcune patologie. Un lavoro di questo tipo richiede la fatica da parte del mondo adulto di entrare in contatto con se stessi e con i propri nuclei di dolore e sofferenza che ci accomunano e ci rendono vulnerabili . Solo tramite l’accettazione e l’integrazione delle nostre parti fragili possiamo evolvere e crescere, anche come società.

Diventa quindi fondamentale e urgente non banalizzare il tema della prevenzione così spesso nominata ma allo stesso tempo raramente compresa nel suo significato profondo. Prevenire vuol dire creare degli spazi dove poter guardare quel vuoto, arredarlo trasformandolo in tunnel generativi di possibilità.

Argomenti in questo articolo
Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
Limerenza: una coppia abbracciata
22 Giugno 2024

Limerenza: l’ossessione amorosa e come gestirla

Con il nome di limerenza indichiamo una forma di ultra-attaccamento verso una persona. È una deviazione affettiva che porta l’individuo a diventare morboso, al punto da apparire ossessivo. Così ottiene l’effetto opposto rispetto a quello…

soppressione del peso: una ragazza tiene in mano una bilancia
21 Giugno 2024

Soppressione del peso: pericoli e gestione

Si definisce soppressione del peso la differenza tra il peso più alto raggiunto da un individuo e quello registrato quando si giunge alla statura adulta. La massima altezza che possiamo toccare è un valore indipendente…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Patologia
Leggi tutti gli articoli
Adolescenti, ecco come aiutarli
10 Giugno 2024

Adolescenti, ecco come aiutarli

Nel mio studio mi capita spesso di lavorare con adolescenti e una delle domande che insorge più spesso è: “come hai vissuto la pandemia?“.  Le vittime silenziose di una costretta reclusione . Inizialmente poteva sembrare…

I labirinti della psichiatria moderna
20 Maggio 2024

I labirinti della psichiatria moderna

Nonostante gli sforzi compiuti da ricercatori e clinici la psichiatria moderna presenta zone di ombra difficili da illuminare. Le diagnosi più importanti non correlano con il funzionamento, e’ noto che pazienti schizofrenici riescano a cavarsela…

10 Ottobre 2023

Aveva un occhio nero ed uno blu

Scrivere di Claudia non è semplice. Ci ha lasciati giovedì mattina, spiazzati ed impreparati. Claudia non era ammalata fisicamente. Aveva un male che si chiama solitudine, che si chiama mancanza. Cristian, il suo unico figlio,…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd