Vaso di Pandora

Tecnologie avanzate e ansia lavorativa: una nuova era per il mondo del lavoro

Negli ultimi anni, le tecnologie avanzate ha avuto un impatto rivoluzionario non solo sulle modalità di lavoro, ma anche sulla salute mentale dei lavoratori.

L’avvento di innovazioni come la realtà virtuale (VR), la realtà aumentata (AR) e l’intelligenza artificiale (IA) solleva una questione fondamentale: la tecnologia è un alleato o un nemico per la salute mentale nel contesto lavorativo?

Mentre alcuni vedono in queste tecnologie un potenziale per ridurre l’ansia e migliorare il benessere psicologico, altri temono che possano aumentare la pressione e l’isolamento, intensificando così lo stress e la sensazione di sorveglianza.

Tecnologie avanzate: alleato o nemico per il lavoro?

Queste nuove modalità tecnologiche offrono straordinarie possibilità di interazione, gestione delle attività e flessibilità nel lavoro, promettendo di rendere l’ambiente lavorativo più adattivo e reattivo alle esigenze individuali.

Tuttavia, la paura che la tecnologia possa erodere ulteriormente i confini tra vita lavorativa e personale, imponendo un regime di costante connettività e disponibilità, è altrettanto reale. Questo dualismo rappresenta una delle principali sfide della nostra epoca, con implicazioni profonde per il futuro del lavoro e della nostra salute mentale.

La trasformazione tecnologica sta riscrivendo i confini tradizionali del lavoro, della salute e del nostro futuro, ma è essenziale bilanciare le opportunità che offre con gli effetti potenzialmente alienanti che può portare.

L’impatto delle tecnologie emergenti

Le tecnologie di realtà virtuale e aumentata stanno trovando applicazioni innovative nel campo della formazione e del supporto psicologico. Ad esempio, uno studio condotto dalla Stanford University ha evidenziato che l’utilizzo della VR per la formazione può ridurre i livelli di stress dei dipendenti, preparandoli meglio a gestire situazioni lavorative stressanti.

Inoltre, la realtà aumentata può aiutare a ridurre il carico cognitivo fornendo informazioni in tempo reale che supportano i lavoratori nelle loro attività quotidiane, migliorando la precisione e riducendone lo stress.

Secondo una ricerca pubblicata su “Journal of Applied Psychology”, l’uso di AR in ambienti industriali ha portato a una riduzione del 23% degli errori di lavoro e a un miglioramento del 35% nella velocità di completamento dei compiti, dimostrando un impatto positivo sulla riduzione dell’ansia lavorativa.

Tuttavia, l’impatto della tecnologia avanzata può risultare dannoso e controproducente come ci dice ad esempio, un articolo pubblicato su “The Lancet Psychiatry” che ha messo in luce come l’uso eccessivo di dispositivi digitali e la conseguente iperconnessione possano aumentare i livelli di ansia nei lavoratori, portando a burnout e disturbi psicologici.

La sensazione di essere costantemente monitorati e la pressione di rimanere sempre disponibili possono creare un ambiente lavorativo stressante, nonostante le intenzioni originali di efficienza e supporto.

Filosofia, tecnologia e futuro del lavoro

Navigando nell’era delle tecnologie avanzate, dobbiamo riflettere profondamente sugli insegnamenti di pensatori influenti del passato come Michel Foucault, il quale ci mette in guardia contro i rischi che le “tecnologie del potere” infiltrino sottilmente ogni aspetto della nostra vita, trasformando potenzialmente la nostra libertà in una nuova forma di controllo.

Allo stesso tempo, la visione di Jürgen Habermas sulla “azione comunicativa” in contrapposizione all’ agire strumentale, offre una prospettiva ottimistica, suggerendo che la tecnologia può facilitare forme di lavoro più democratiche e partecipative, riducendo l’alienazione e promuovendo un’autentica collaborazione tra individui.

Martin Heidegger, dal canto suo, ci invita a considerare che la nostra relazione con la tecnologia non è mai neutrale; essa svela il mondo in modi che possono emanciparci o limitarci.

In questo contesto, è fondamentale che l’uso delle tecnologie emergenti nel lavoro non sia guidato solo dall’efficienza o dal controllo, ma che sia attento a promuovere il benessere e l’autonomia dei lavoratori.

Dobbiamo quindi chiederci non solo come la tecnologia può aumentare la produttività, ma anche come può migliorare la qualità della vita lavorativa e personale.

Guardando al futuro, le organizzazioni dovrebbero orientarsi non solo verso l’adozione di nuove tecnologie, ma anche verso un loro impiego consapevole e eticamente responsabile. Ciò implica creare un ambiente di lavoro che favorisca il benessere e l’autonomia dei dipendenti, piuttosto che esacerbarne l’ansia e la percezione di sorveglianza. In tal modo, le tecnologie avanzate non saranno solo strumenti per facilitare il lavoro, ma diventeranno alleati potenti per costruire una cultura lavorativa che valorizza sia l’efficienza sia il benessere umano.

Questa è la chiave per un futuro lavorativo sostenibile e umanizzato, in cui la tecnologia serve l’uomo e non il contrario.

Argomenti in questo articolo
Condividi

Commenti su "Tecnologie avanzate e ansia lavorativa: una nuova era per il mondo del lavoro"

  1. Contributo molto stimolante. Mi pare un buon punto di partenza il riferimento a Heidegger, che si è occupato a fondo del problema della tecnica: non ne è avversario, come qualcuno aveva detto, ma da filosofo invita a superare il discorso pratico della tecnologia con le sue realizzazioni e sfide. Invita a superare la ricerca dell’esattezza per passare al riflettere sul senso della tecnica. Per lui non è la scienza che produce l’approccio tecnico, ma l’opposto: è la spinta ad agire sul mondo dominandolo e trasformandolo – lavoro della tecnica – a richiedere lo sviluppo di una guida: il pensiero scientifico. E’ una visione che, credo, deve qualcosa al pragmatismo dell’americano John Dewey e, tornando più indietro, al “verum ipsum factum” di Giambattista Vico.
    La branca che più tipizza le attuali evoluzioni delle tecnologia è quella dell’informazione. I cambiamenti in atto non temono confronti con quelli del passato, come la creazione della scrittura e quella della stampa che come ognuno sa hanno trasformato in profondità il nostro modo di vivere e stare insieme. Basti pensare come la stampa, consentendo la diffusa consultazione del messaggio biblico, ha dato impulso al crescere del protestantesimo con i suoi legami con il capitalismo borghese che domina in Occidente ma, con altre modalità, un po’ in tutto il mondo.
    E non a caso il confronto odierno fra USA e Cina riguarda non secondariamente l’informatica, i suoi sviluppi ed usi: vedi l’espansione di Tik Tok vissuta in Occidente con apprensione e qualche misura di contrasto. La tecnologia non è mai neutrale.
    E’ certo che quanto accade trasformerà il nostro mondo: sta già accadendo. L’IA comincia a sostituirsi a noi pure nel progettare e costruire, e fors’anche nel decidere cosa progettare e costruire (anche se forse sarà sempre l’uomo a definire i parametri di base).
    Tutto ciò è bane o male? Un esempio fra i più elementari e banali: il diffondersi delle attività lavorative on line ha una doppia faccia, poichè certo è comodo ma tende a limitare in quantità e qualità i rapporti personali.
    E qualcuno – mi pare Italo Svevo – indicava la doppia faccia delle evoluzioni e scoperte tecnologiche, dicendo che l’intelligenza abbonda in chi le crea ma spesso scarseggia in chi le usa.
    Condivido, e ritengo fondamentale, l’invito all’attenzione nel governare i cambiamenti .

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
Limerenza: una coppia abbracciata
22 Giugno 2024

Limerenza: l’ossessione amorosa e come gestirla

Con il nome di limerenza indichiamo una forma di ultra-attaccamento verso una persona. È una deviazione affettiva che porta l’individuo a diventare morboso, al punto da apparire ossessivo. Così ottiene l’effetto opposto rispetto a quello…

soppressione del peso: una ragazza tiene in mano una bilancia
21 Giugno 2024

Soppressione del peso: pericoli e gestione

Si definisce soppressione del peso la differenza tra il peso più alto raggiunto da un individuo e quello registrato quando si giunge alla statura adulta. La massima altezza che possiamo toccare è un valore indipendente…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Psichiatria e Psicoterapia: nemiche o alleate?
19 Giugno 2024

Psichiatria e Psicoterapia: nemiche o alleate?

Partecipando all’’Open day della Scuola di Psicoterapia Istituzionale, avvenuta a Genova, il 17 maggio scorso, mi ha offerto l’opportunità di sviluppare una riflessione: è possibile prendere in considerazione la Psichiatria e la Psicoterapia come i…

Tecnologia e innovazione per l’inclusione
18 Giugno 2024

Tecnologia e innovazione per l’inclusione LGBTQ+

Giugno è il mese del Pride: occasione unica, opportunità,  pretesto, espediente di marketing, tutto vero e tutto falso, o perlomeno, tutto potenzialmente vero e falso allo stesso tempo. Nel mondo LGBTQ+ ogni argomentazione è complessa,…

Nuove Rems?
13 Giugno 2024

Nuove REMS?

Nella bozza dell’annunciato provvedimento del Ministro Schillaci sulle liste di attesa vi è l'art. 21 che stanzia 40 milioni di Euro per la realizzazione di nuove REMS o la manutenzione di quelle esistenti.

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd