Vaso di Pandora

Sull’utilità della depressione

La Depressione è senza dubbio uno dei grandi mali della nostra modernità. Essa è praticamente riscontrabile in una ampissima fascia di persone alle prese con la sofferenza mentale, ed è presente a prescindere dal contesto sociale, culturale e religioso di riferimento. Si può dire che, per la sua ampiezza e trasversalità, essa sia uno degli accadimenti psichici più frequenti per l’animale Uomo. Nella mia pratica di psicoterapeuta capita di frequente di incontrare persone che sono alle prese con questo male oscuro che Churchill, il grande statista britannico, definiva “il cane nero che è sempre pronto a mostrare il suo sorriso”. Ebbene sì, anche un uomo passato alla storia per la sua ferrea volontà, per la sua capacità di ispirare fiducia e di infondere coraggio a un popolo terrorizzato dal conflitto più spaventoso che l’Umanità abbia mai conosciuto finora, soffriva di Depressione. 

Insieme a lui, moltissimi attori, cantanti, politici e divi dello spettacolo che dietro i loro sorrisi sui rotocalchi o davanti alle telecamere hanno lottato per anni con il “cane nero”, a volte purtroppo soccombendo nel tentativo. Ma come spiegare tutto ciò? Come è possibile che una persona che “ha tutto”, come spesso viene sconsideratamente ricordato a chi soffre di questa condizione, possa cadere nel nero abisso interiore che noi chiamiamo Disturbo Depressivo? La risposta non è facile, anche se la domanda è antichissima. I Greci, nella loro saggezza, avevano inteso che essa fosse causata da un eccesso di bile nera, un secreto dell’organismo che era associato alla terra (e difatti la Depressione tende al basso) e che molto intelligentemente nella medicina ippocratica veniva collegato anche alla collera. Da qui, il termine Melancolia, da Melas (nero) e Chole (bile) ad indicare la caratteristica tristezza priva di energie che caratterizza tale condizione, la quale veniva collegata al dio Saturno dai Romani. Vecchio, gonfio, paludoso e divoratore dei propri figli, Saturno è il dio dell’immobilismo e della stagnazione, condizione nella quale coloro caduti sotto il suo astro vivono. Termine interessante Melancolia, usato come titolo anche dal regista Lars Von Trier per un’opera grandiosamente priva di speranza che ben rende lo scoramento interno e la mancanza di prospettiva di chi vive questa esperienza. Devo ammettere che francamente lo preferisco a quello clinico di Depressione, ormai troppo psichiatrizzato per rendere appieno l’aspetto esistenziale di questa condizione, che a mio avviso è indispensabile per poter arrivare a una piena comprensione del messaggio della “nera signora che siede al nostro tavolo”, come la definiva Jung e che, sempre secondo lo psichiatra svizzero, bisognava a tutti i costi ascoltare.

Fu Sigmund Freud, con una delle frasi che io considero più belle in assoluto tra ciò che ha scritto, a descrivere la Depressione come “l’ombra dell’Oggetto che ricade sull’Io”. Frase non solo tecnicamente ineccepibile, ma di una potenza figurativa che ancora oggi stupisce. Collegandosi alla brillante intuizione dei medici dell’antichità, Freud ipotizzò che la rabbia diretta verso l’Altro, verso il Genitore troppo fragile o minaccioso per accoglierla, veniva rivolta verso sé e interiorizzata, creando una drammatica guerra civile interiore in cui una parte, facendo le veci del carnefice, attacca senza pietà l’altra, fragile e bisognosa di affetto, fino a mortificarla e a farle considerare sé stessa come un problema per il mondo.

Tutti noi sappiamo quanto le parole delle persone alle prese con questa Oscurità siano intrise di svalutazione del Sé, di autocolpevolizzazione, dalla percezione di inutilità alle drammaticissime forme psicotiche, dove la persona affetta da Depressione si considera addirittura una catastrofe non solo per i propri familiari, ma per il genere umano nella sua interezza, arrivando a forme di autolesionismo o di reclusione estreme, fino a lasciarsi morire.

Naturalmente, a nulla servono le parole di incoraggiamento, anche se accompagnate dalle migliori intenzioni: esse non fanno altro che sottolineare il senso di inadeguatezza di chi vive questa condizione, poiché nelle frasi degli altri vien vista solo l’ennesima attestazione della propria incapacità di uscire dalla palude nella quale sono immersi. 

Cosa fare allora? Ciò che propongo è paradossale, ma io credo che l’unico modo di risalire dal pozzo sia quello di accettare intanto la discesa. Accettare il messaggio della “nera signora” vuol dire tentare di disvelarne il senso intimo e profondo, e per farlo non vi è altra soluzione che scendere in basso, al pari degli eroi mitologici che per ricevere un vaticinio riguardo alle loro imprese erano costretti a discendere nell’Ade per interrogare i grandi veggenti. Naturalmente, ogni discesa negli Inferi necessitava di un sacrificio, così come ogni discesa nelle profondità della psiche comporta dolore e sofferenza, e ciò è particolarmente vero nella Malinconia. Il termine Depressione quindi a mio avviso non è indicato per identificare una psicopatologia, ma piuttosto un Movimento, quella direzione che parafrasando Hillman ci porta a scoprire il senso tragico della vita, e quindi a tenerci in contatto con Thanatos, ovvero con la morte e con tutto ciò che ha a che fare con essa. Proprio da qui si può forse ripartire per ricontattare Eros, ovvero la Vitalità nella sua forma più alta, e tentare quel faticoso riequilibrio delle due grandi forze che secondo il pensiero psicoanalitico si contendono la nostra anima.

Se, per citare Savinio, la Malinconia è una “sosta della speranza”, allora dobbiamo anche partire dall’accettazione che a volte si può persino legittimamente smettere di sperare per un periodo della nostra vita, purchè ci si ricordi che la cosa che teme maggiormente il nostro Inconscio non è la morte ma una vita non vissuta, come Jung sottolineava con umanità ad una inconsolabile vedova, cercando di farle cogliere l’insegnamento profondo che si cela dietro un dolore così insostenibile. 

Facile, troppo facile a dirsi, complicatissimo da realizzare, ma non per questo impossibile. Ci vuole innanzitutto accettazione, consapevolezza, affetto, sana rabbia…. e un po’ di speranza, che col tempo arriverà.

Bibliografia di riferimento

Freud, S. Lutto e melanconia (in Metapsicologia) in Opere, 1915-1917, vol. VIII, Boringhieri, Torino 1976

Gherli, F. (a cura di) Regola sanitaria salernitana : Regimen sanitatis salernitanum / Salerno : Ente provinciale per il turismo, 1954

Hillman, J. Psicologia archetipica; con un saggio di Silvia Ronchey Roma: Treccani, 2021

Jung, C.G.  Jung parla: interviste e incontri / a cura di William McGuire e R. F. C. Hull; traduzione di Adriana Bottini Milano: Adelphi, 2009

Jung, C.G. Psicologia dell’inconscio Bollati Boringhieri, 2012.

Jung, C.G. L’uomo e i suoi simboli Tea, 2007.

Savinio, A. Nuova Enciclopedia Milano: Adelphi, 2011

Argomenti in questo articolo
Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
famiglia con bambini passeggia su un molo al tramonto
24 Maggio 2024

Siblings e Autismo: guida per famiglie e fratelli

Ricevere la diagnosi di autismo in un bambino rappresenta un momento delicato e significativo per tutta la famiglia, ed è importante in questa fase guidare alla comprensione e all’accettazione della condizione del bambino i cosiddetti…

donna sta per andare al wc
24 Maggio 2024

Vescica iperattiva psicosomatica: cause e soluzioni

Con vescica iperattiva si indica la condizione per cui si avverte il bisogno urgente e frequente di urinare, spesso accompagnato da incontinenza. Questa condizione non è solo la conseguenza di problematiche e disfunzioni fisiche, ma…

L'empatia: la relazione che cura
24 Maggio 2024

L’empatia: la relazione che cura

Il concetto di empatia venne introdotto da  Robert Vischer, filosofo tedesco e professore di storia dell’arte, a fine ‘800, deriva dal termine empátheia, ovvero «sentire dentro» e definisce la capacità di introiezione dell’oggetto artistico da parte dello spettatore

grooming
24 Maggio 2024

Grooming: riconoscere e prevenire l’abuso online

Il grooming è una forma di adescamento online che coinvolge i minori, con l’obiettivo di stabilire una relazione di fiducia per poi sfruttarli sessualmente. In un’era sempre più digitale, è fondamentale che genitori, educatori e…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Workaholic: dipendenti dal lavoro
22 Maggio 2024

Workaholic: dipendenti dal lavoro

Nell’attuale mondo frenetico, la linea tra impegno lavorativo e ossessione può sfumare facilmente. La figura del “workaholic“, o dipendente dal lavoro, emerge come il simbolo di una cultura che celebra l’eccesso come emblema di successo.…

Rissa nella Rems di Subiaco
10 Maggio 2024

Rissa nella Rems di Subiaco. Che fare?

Il 20 aprile si è avuta notizia sul quotidiano Il Tempo di un episodio di violenza di due ospiti della Rems di Subiaco contro un altro paziente. Secondo un sindacalista l’aggressione sarebbe stata determinata da…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd