morte


Della guerra

Giuseppe Caserta - 28 Novembre 2022 - - Nessun commento
Della guerra

“C’è un modo per liberare gli uomini dalla fatalità della guerra?”. Così scriveva nel 1932 un preoccupato Albert Einstein a Sigmund Freud, il padre fondatore della psicoanalisi. Il mondo portava ancora le ferite della Grande Guerra, e già le inquietanti notizie provenienti dalla Germania e dal suo minaccioso leader facevano presagire che un’altra simile tragedia fosse alle porte.


Al Congresso Nazionale della Società di Psicologia e Psicoterapia Relazionale “Marx puo’ aspettare”

Momento centrale della prima giornata del Congresso , tenutosi a Napoli dal 17 al 19 novembre con il titolo: “Psicoterapia e qualità della vita. Il mondo secondo noi”, è stata la presentazione del film di Marco Bellocchio “Marx può aspettare” , con il commento in diretta di Luigi Cancrini, il quale ,tra l’altro compare in un momento del film facendo alcuni commenti.


Recensione al film “Una relazione privata” di Frédéric Fonteyne

L’uomo e la donna visti nel film si incontrano tramite un’inserzione su una rivista pornografica per vivere una “relazione privata”, fare qualcosa di indicibile – questo forse può riportarci a quello di più profondo, tormentante e indicibile che i protagonisti nascondono dentro di loro – e nessuno dei due rivelerà cosa, durante tutta la storia strutturata a tratti come un’intervista.



Comunità terapeutiche psichiatriche: igiene, prevenzione e trattamento delle infezioni.

Se si potesse eliminare il corona virus con le parole la pandemia sarebbe finita. Nominare un’entità ignota crea l’illusione di poterla controllare. Controllare i terrori che il virus evoca: angosce di annichilimento, angosce depressive, angosce schizo-paranoidi che in variabile misura, toccano tutti.


Qualche pensiero sulle angosce da Coronavirus

Se si potesse eliminare il corona virus con le parole la pandemia sarebbe finita. Nominare un’entità ignota crea l’illusione di poterla controllare. Controllare i terrori che il virus evoca: angosce di annichilimento, angosce depressive, angosce schizo-paranoidi che in variabile misura, toccano tutti.