Vaso di Pandora

Omelia per un lutto

Ho ritenuto di pubblicare l’omelia pronunciata dal prof. Sacerdote Lorenzo Cortesi in occasione del funerale celebrato da lui per mia madre.
Ne ho apprezzato la sintetica ed incisiva chiarezza che definiscono bene la fisionomia di mia madre.
Come Romolo Rossi ci ricordava, noi psichiatri abbiamo un rapporto particolarmente forte e complesso con la figura materna.
Vi ringrazio per la comprensione.

Giovanni Giusto

Omelia alla Parabola di Marta e Maria (Vangelo di Luca 10, 38-42)

La Parola di Dio che abbiamo ascoltato è come un raggio di luce che illumina l’oscurità del dolore e apre il nostro cuore alla speranza. Ho scelto queste due letture, cioè il brano del Vangelo di Luca e la pagina del libro della Sapienza, perché più di tutte ci aiutano a capire chi era Bianchina e cosa ne sarà di lei a partire da oggi: il passato, ovvero la storia che ha vissuto, e il futuro che, in un’ottica di fede, le è stato riservato.

Il Vangelo racconta di due donne, due sorelle, che in modo diverso, ma complementare, hanno riservato un’ottima accoglienza a Gesù: Maria fa gli onori di casa, si mette accanto al Maestro, ascolta la sua Parola, pende dalle sue labbra; Marta, invece, è affaccendata in cucina per preparare un buon pranzo all’ospite di riguardo. La prima è la donna contemplativa, la seconda è quella attiva.
    

Nello spirito di queste due sorelle si può ritrovare la doppia anima di Bianchina, donna di preghiera e di lavoro. Sì, innanzitutto è stata una donna di preghiera, una persona di grande fede, non quella fede bigotta o superstiziosa, ma semplice, autentica e profonda. Finché le forze gliel’hanno consentito frequentava regolarmente la chiesa, proprio questa chiesa di san Domenico, che tra tutte le chiese di Varazze, ha sempre privilegiato. Ricordo anche la sua presenza costante al santuario della Pace di Albisola, il primo venerdì di ogni mese per la giornata di ritiro e di preghiera.

Ma questo tratto spirituale dell’anima di Bianchina non era disincarnato o astratto. Come la Marta del Vangelo, è stata sempre anche una donna molto attiva. Dove c’era qualcuno che aveva bisogno lei era presente. Se uno era rimasto senza casa, lei si interessava per trovargli un’abitazione; se uno aveva perso il lavoro, lei si dava da fare per trovargli un’occupazione. Per questo a Varazze era conosciutissima. Inoltre va ricordata la sua attenzione agli anziani e agli ammalati. Quanti pomeriggi ha trascorso a La Villa o nella casa di riposo accanto alle persone più sole, più dimenticate! Non andava mai a mani vuote, aveva sempre qualcosa da donare, ma soprattutto portava un sorriso, una parola buona. Aveva una capacità tutta sua di entrare immediatamente in empatia con le persone. Sapeva amare e per questo era molto amata. Un giorno le ho detto: «Se si calcolassero tutti i chilometri che hai fatto a piedi e con la tua bicicletta, e dovessimo sommarli, corrisponderebbero come ad un giro attorno al mondo e forse anche di più». Lei mi guardava, sorrideva e scuoteva la testa.

Negli ultimi anni le forze hanno incominciato a venire meno e Bianchina, che fino ad allora aveva servito tutti, ha dovuto accettare di essere servita. Sappiamo tutti quanto sia impegnativo mettersi a disposizione degli altri e quanto sia difficile servire, ma è ancora più difficile lasciarsi servire, perché significa riconoscere la propria debolezza e il proprio limite. Bianchina ha trascorso così l’ultimo periodo della sua vita, serenamente e, anche se negli ultimi giorni non parlava più, è sempre rimasta cosciente. Giovedì sera è arrivata l’ora dell’addio; circondata dalla presenza affettuosa dei suoi cari ha concluso la sua esistenza terrena. Prima di partire per il grande viaggio ha aperto ancora una volta gli occhi per salutare chi le era vicino e poi li ha chiusi per sempre.
Tra poche settimane avrebbe compiuto 95 anni.

E adesso che ne sarà di Bianchina? Ce lo suggerisce la pagina del libro della Sapienza che abbiamo ascoltato: «Le anime dei giusti sono nelle mani di Dio, nessun tormento le toccherà […], la loro speranza è piena di immortalità». Si tratta di una bellissima immagine con la quale vogliamo ricordare Bianchina. È nella mani di Dio! Sono mani forti e tenere che custodiscono, difendono, proteggono per sempre la sua anima. La fede che Bianchina ha sempre professato ci dicono che ora è nella pace. Chi non crede si deve accontentare del ricordo, ma il ricordo con il passare del tempo si sbiadisce.

La fede, invece, ci apre alla certezza che Bianchina è viva, immersa nella luce di Dio. A lei chiediamo che continui da lassù ad essere vicina ai suoi figli, Gianni e Angelo, ai suoi amatissimi nipoti, Fabio, Alessia e Monica, ai parenti e a tutte le persone che ha amato e dalle quali è stata amata.

Argomenti in questo articolo
Condividi

Commenti su "Omelia per un lutto"

  1. Anch’io ho trovato particolarmente efficace e toccante, senza alcuna retorica, questa descrizione di tua madre. E sono stata contenta di averla sentita e per questo ti sono vicina.

    Rispondi
  2. Il lutto della madre e del padre hanno caratteristiche del tutto diverse, a mio parere, da tutti gli altri lutti. La loro traccia è presente dal momento stesso in cui si scopre la morte. Il primo pensiero infatti è: allora anche i miei genitori moriranno. E solo successivamente il pensiero si amplia alla propria morte.
    Per tutti gli altri lutti, a volte molto dolorosi ed insopportabili, mi ritrovo con la progressione tipica della elaborazione freudiana. Per il lutto dei genitori no. Non c’è il diniego e non c’è l’accettazione. In particolare la perdita della madre riapre definitivamente la personalità alla dimensione dell’assenza. E con quella dimensione per sempre si continuerà a fare i conti. La stessa dimensione con cui si misura la nascita.
    Mi scuso per i pensieri, appena accennati. In sostanza potrei dire che per Gianni Giusto, che ha generosamente condiviso omelia e lutto, forse si apre una fase nuova della vita. Può essere vista come un dono, persino al di fuori della cornice religiosa. Un dono difficile da scartare, e a cui si rinuncerebbe volentieri, ma pur sempre un dono che aiuta a calibrare il momento presente.
    Un abbraccio forte Gianni.

    Rispondi
  3. Non mi meraviglia scoprire che la mamma di Gianni sapesse donare se stessa agli altri. Credo che sia stato un grande esempio di altruismo, anche se molto da decifrare, come ci ricorda il sacerdote e penso che abbia saputo “passare il testimone”.
    Ti abbraccio, caro Gianni.

    Rispondi
  4. Ritrovo i due tratti di mamma Bianchina anche in te caro Gianni, che coniughi teoria e pratica per sostenere gli ultimi.
    un abbraccio
    Maurizio

    Rispondi
  5. In un momento triste questo ricordo è un momento di serena e vera felicità. descrive senza cadere nella banalità una grande donna e, immagino, una meravigliosa madre

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
famiglia con bambini passeggia su un molo al tramonto
24 Maggio 2024

Siblings e Autismo: guida per famiglie e fratelli

Ricevere la diagnosi di autismo in un bambino rappresenta un momento delicato e significativo per tutta la famiglia, ed è importante in questa fase guidare alla comprensione e all’accettazione della condizione del bambino i cosiddetti…

donna sta per andare al wc
24 Maggio 2024

Vescica iperattiva psicosomatica: cause e soluzioni

Con vescica iperattiva si indica la condizione per cui si avverte il bisogno urgente e frequente di urinare, spesso accompagnato da incontinenza. Questa condizione non è solo la conseguenza di problematiche e disfunzioni fisiche, ma…

L'empatia: la relazione che cura
24 Maggio 2024

L’empatia: la relazione che cura

Il concetto di empatia venne introdotto da  Robert Vischer, filosofo tedesco e professore di storia dell’arte, a fine ‘800, deriva dal termine empátheia, ovvero «sentire dentro» e definisce la capacità di introiezione dell’oggetto artistico da parte dello spettatore

grooming
24 Maggio 2024

Grooming: riconoscere e prevenire l’abuso online

Il grooming è una forma di adescamento online che coinvolge i minori, con l’obiettivo di stabilire una relazione di fiducia per poi sfruttarli sessualmente. In un’era sempre più digitale, è fondamentale che genitori, educatori e…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Workaholic: dipendenti dal lavoro
22 Maggio 2024

Workaholic: dipendenti dal lavoro

Nell’attuale mondo frenetico, la linea tra impegno lavorativo e ossessione può sfumare facilmente. La figura del “workaholic“, o dipendente dal lavoro, emerge come il simbolo di una cultura che celebra l’eccesso come emblema di successo.…

Rissa nella Rems di Subiaco
10 Maggio 2024

Rissa nella Rems di Subiaco. Che fare?

Il 20 aprile si è avuta notizia sul quotidiano Il Tempo di un episodio di violenza di due ospiti della Rems di Subiaco contro un altro paziente. Secondo un sindacalista l’aggressione sarebbe stata determinata da…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd