Vaso di Pandora

Non so dove vanno le persone quando scompaiono, ma so dove restano

“Non so dove vanno le persone quando scompaiono, ma so dove restano” così citava uno dei miei libri preferiti di quando ero bambina: “Il Piccolo Principe”.

Da piccola ero una bambina come tante, non ho mai avuto grosse ambizioni, desideravo prima fare la maestra e poi la scrittrice, questo finché 14 anni fa la mia strada ha incrociato quella del Gruppo Redancia.

In questi anni ho osservato da esterna come i medici psichiatri, gli psicologi, gli educatori, gli infermieri, gli oss con un perfetto lavoro di squadra collaborino giornalmente per il benessere dei pazienti sofferenti, ragazzi e ragazze spesso con storie personali molto difficili, soli e abbandonati dalle famiglie di origine e, per un anno, presso la Ct di Montezemolo, ho vissuto da vicino, seppur indirettamente, la vita in Comunità.

Ho sempre visto la sofferenza dei pazienti, la tristezza nei loro volti, la voglia di urlare il loro dolore, come qualcosa di molto distante da me, finché quella stessa sofferenza non mi ha toccata in prima persona.

Ora mi trovo anch’io ad affrontare un dolore personale molto grande per la scomparsa di una persona a me cara, una sorella seppur non di sangue che conoscevo da 31 anni, che è volata via troppo presto, a soli 41 anni, dopo una lunga battaglia, lasciando in me, nei suoi cari e soprattutto in suo marito e le sue tre figlie un vuoto incolmabile.

La tristezza, l’impotenza ed infine la rabbia sono stati i sentimenti che si sono susseguiti in maniera potente, inesorabile in questi ultimi mesi e che ancora oggi albergano in me.

Oggi tutti mi dicono che ci vorrà del tempo e tanta, tanta forza (quella che forse adesso mi manca) per poter accettare e superare questa scomparsa così prematura, ma sono certa che ce la farò, grazie anche a quello che ho imparato in questi anni di lavoro, e a tutte le persone che mi sono vicine; alcune di loro posso definirle colleghe altre amiche.

Ci vuole tanto coraggio per andare avanti ogni giorno e la voglia di alzarsi sempre con il sorriso, lo stesso che aveva lei.

Argomenti in questo articolo
Condividi

Commenti su "Non so dove vanno le persone quando scompaiono, ma so dove restano"

Lascia un commento

Leggi anche
L'acquisizione di maturità
23 Luglio 2024

L’acquisizione di maturità

Ogni anno, a giugno, il tema degli esami di maturità torna sui giornali con le  previsioni e i commenti sugli argomenti dei temi, con le interviste agli esperti che suggeriscono le strategie di studio e…

Scala Griffiths cosa è
23 Luglio 2024

Scala Griffiths: valutazione dello sviluppo infantile

La scala Griffiths è uno strumento fondamentale per la valutazione dello sviluppo infantile, utilizzata da decenni in ambito pediatrico e psicologico. Sviluppata negli anni ’50 da Ruth Griffiths, questa scala rappresenta un punto di riferimento…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
L'acquisizione di maturità
23 Luglio 2024

L’acquisizione di maturità

Ogni anno, a giugno, il tema degli esami di maturità torna sui giornali con le  previsioni e i commenti sugli argomenti dei temi, con le interviste agli esperti che suggeriscono le strategie di studio e…

D'aria, la storia della mia passione per il volo
22 Luglio 2024

D’aria, la storia della mia passione per il volo

Sono nata d'aria. Una foglia al vento. Senza radici, appoggiata alla chioma instabile di alberi granitici ed austeri, solide erinni ma elastiche di prospettive mutevoli. Così camminavo a naso all'insù: nulla era più fantastico delle…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.