Vaso di Pandora

Misure alternative alla detenzione in comunità terapeutica

In riferimento al problema del sovraffollamento degli Istituti di Pena, il ministro della giustizia Carlo Nordio ha avanzato, tra le altre, la proposta di utilizzare per i detenuti con tossicodipendenza e pene brevi le comunità terapeutiche. Tralascio ogni commento sul perché non vengano adottati provvedimenti legislativi come quello della “liberazione anticipata speciale” (progetto di legge Giachetti) o sull’indulto che potrebbero essere molto efficaci, e mi limito ad alcune considerazioni sulla proposta del ministro. Già oggi per i tossicodipendenti “certificati” è possibile, ai sensi della legge 309/1990, attivare misure alternative alla detenzione in Comunità Terapeutiche.

Serve la motivazione della persona ad intraprendere un percorso di cura impegnativo. Talora questa motivazione manca o è insufficiente, insicura e labile. Ancora più complessa è la situazione quando l’uso di sostanze è commisto con problemi psicologici o psichiatrici e rilevanti elementi sociali: mancanza di documenti di identità, residenza, casa, lavoro e rete sociale. 

La mancanza di disponibilità di risorse e posti

Per la sopravvenuta infermità mentale in corso di detenzione si possono utilizzare le misure alternative in deroga sulla base della sentenza 99 /2019 della Corte Costituzionale.  Quindi le norme ci sono e viene da chiedersi quali siano gli utilizzi reali.

Nella proposta Nordio dov’è la novità? Visto che è stata solo annunciata.

Al momento si possono fare solo ipotesi. È in atto un ripensamento delle politiche sulle droghe, abbandonando la logica della “drug war” in favore di approcci di riduzione del danno e di una maggiore tolleranza, che tra l’altro avrebbero anche il merito di ridurre le detenzioni comprese quelle preventive? Oppure si pensa ad un incentivo delle misure alternative,  magari sostenute anche economicamente dallo Stato?

Queste misure potrebbero essere realizzate in Comunità Terapeutiche o nel territorio prevedendo diritti alla casa, formazione lavoro, affettività e socialità magari sostenuti anche da budget di salute. Approcci e progetti che possono favorire la costruzione di consenso, motivazione e fiducia. Si tratterebbe di un passo decisivo verso una concezione della pena costituzionalmente intesa ed una cura olistica altamente personalizzata in grado di affrontare i micro determinanti sociali della salute e realizzare un vero superamento della cultura dello scarto e dell’abbandono. 

Come organizzare al meglio le misure alternative alla detenzione

O invece si pensa ad un rapido trasferimento di persone (quante e quali?) dagli Istituti di Pena “solo” alle Comunità Terapeutiche facendole diventare di fatto quasi appendici del circuito penale, al mero fine di decongestionare un po’ le carceri? Un’operazione che, in assenza di altri provvedimenti, può essere critica per le stesse strutture le quali correrebbero il rischio di vedere cambiato il mandato da terapeutico a custodiale. Una sorta di esportazione della pena al privato seppure “sociale”?

Provvedimenti con molteplici prescrizioni posti in capo alle persone o alle Comunità Terapeutiche? Costi a carico dello Stato o del solo sistema sanitario regionale? Punti critici che richiedono chiarimenti. La natura sostanzialmente diversa tra pena e trattamento rieducativo da un lato e programmi di cura dall’altro, obbliga ad una grande chiarezza rispetto a mandati, metodi e obiettivi, controlli. 

Per costruire un sistema penale meno “carcerecentrico” occorrono norme coerenti e lo stesso per un sistema di cura di comunità. Nel rispetto reciproco e nella doverosa collaborazione interistituzionale un punto di incontro è possibile e la proposta potrebbe essere interessante se tiene conto non solo degli aspetti penali ma soprattutto di diritti, doveri, mandati e responsabilità preservando le competenze, le condizioni per la cura e la salute secondo un consolidato patrimonio delle comunità terapeutiche. 

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
uomo si gratta la testa guardando fuori dalla finestra
28 Maggio 2024

Tricotillomania: cos’è e come trattarla

Cos’è la tricotillomania esattamente? In questo articolo andremo a esplorare i sintomi, le cause e le strategie di trattamento di questa condizione poco nota rispetto ad altri disturbi della categoria ossessivo-compulsiva (DOC), cui appartiene anche…

due donne comunicano tra loro gesticolando
28 Maggio 2024

Comunicazione paraverbale: di che si tratta?

Molti di noi non sanno esattamente cosa sia la comunicazione paraverbale o non ne hai mai sentito parlare prima. Eppure, con comunicazione paraverbale si indica un aspetto fondamentale della comunicazione umana. Questa si compone di…

Due esperienze in CT di Roma
28 Maggio 2024

Due nuove esperienze in CT di Roma

Nel corso dell’ultimo anno, mi sono recato in due Comunità Terapeutiche facenti parte del DSM della Asl Roma 1, in qualità di volontario, in base all’esistenza di una Convenzione tra la Asl Roma 1 e…

extrasistole e ansia
28 Maggio 2024

Extrasistole e ansia: come capire il collegamento

Il cuore, motore instancabile del nostro corpo, scandisce il ritmo della vita con una precisione sorprendente. Tuttavia, a volte, questa armonia può essere interrotta da un battito improvviso e inaspettato: l’extrasistole. Questa sensazione, spesso descritta…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Studi e Ricerche
Leggi tutti gli articoli
L'empatia: la relazione che cura
24 Maggio 2024

L’empatia: la relazione che cura

Il concetto di empatia venne introdotto da  Robert Vischer, filosofo tedesco e professore di storia dell’arte, a fine ‘800, deriva dal termine empátheia, ovvero «sentire dentro» e definisce la capacità di introiezione dell’oggetto artistico da parte dello spettatore

Comportamentismo: dagli inizi alle sue applicazioni
3 Maggio 2024

Comportamentismo: dagli inizi alle sue applicazioni

Il comportamentismo nasce da considerazioni epistemologiche certamente fondate. Oltre un secolo fa un giovane Karl Jaspers, allora giovane psichiatra operante nella Clinica del grande neurologo e istologo Franz Nissl, scriveva il suo fondamentale testo “Allgemeine…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd