Vaso di Pandora

Quando gli animali vivono la comunità: la Fattoria Terapeutica

Commento all’articolo “Un pony, un asino e un cane per aiutare 35 bimbi pazienti di neuropsichiatria infantile del Gaslini a Genova”, apparso su La Repubblica, il 18 ottobre 2023

Ho conosciuto il Progetto Islander tramite i canali social di Vanni Oddera e ha sempre avuto in me molta risonanza con quello che ogni giorno succede a Villa Danilo. I nostri animali non arrivano tutti da grandi maltrattamenti, questo no, ma tutti hanno una grande capacità empatica e sono sempre pronti a mettersi a disposizione degli ospiti. A partire dalle nostre asine, Valeria e Amedea, mamma e figlia arrivate da una fattoria didattica in Piemonte, passando per le pecore e le capre, dove la piccola Marina, che non è più tanto piccola, continua a voler comandare con una certa prepotenza!

Anche Tina e Zara, le due sorelle arrivate da un canile del sud Italia, terrorizzate da qualsiasi avvicinamento e dedite alla fuga, oggi hanno raggiunto risultati sorprendenti in termini di fiducia, riconoscendo Villa Danilo come la loro casa, grande rumorosa e piena di gente che va e che viene, ma la loro casa, e facendosi rassicurare dagli ospiti quando arriva un estraneo.

Io credo che questo sia un aspetto fondamentale della nostra realtà, perché si tratta di un rapporto a doppio binario, non sono solo gli ospiti a beneficiare della relazione e del tempo con l’animale, ma entrambi. Anche il piccolo terremoto appena arrivato, Achille, unico maschietto in una Fattoria Terapeutica piena di femmine, sta lentamente prendendo le misure, è diventato inseparabile non solo con alcune ospiti, ma anche con la Padrona indiscussa della casa, la gatta Lady, terapeuta di grande valore dato il suo carattere unico.

Ecco quindi che ogni ospite in Villa Danilo ha la possibilità di dedicarsi, quando e come se la sente, a una relazione totalmente non giudicante, e concordo con l’articolo quando sottolinea che il prendersi cura di un animale permette all’ospite di mettere temporaneamente da parte le proprie ansie, sentendosi gratificato e riconosciuto dall’animale come buono e capace.

La Fattoria Terapeutica è proprio questo, un luogo in cui gli ospiti hanno la possibilità di stare meglio tramite metodi convenzionali e non, ma dove gli animali, ogni giorno, contribuiscono in modo unico accorciare tutte le distanze.

Argomenti in questo articolo
Condividi

Commenti su "Quando gli animali vivono la comunità: la Fattoria Terapeutica"

  1. Animali che fanno compagnia ai vicini di casa, agli ospiti del Cicalotto.
    Basta una carezza alle asine oppure fare le feste ad una delle cagnolone per rendere felici i nostri ospiti…c’è chi offre dell’acqua o un frutto e in particolare qualcuno che consuma i pasti condividendoli in giardino con i gatti perché con gli altri non riesce a stare. Grandi amici e confidenti con cui si può parlare senza essere giudicati.
    Il piccolo Achille è venuto a fare visita ad Emilio, il nostro nonno appena tornato dall’ospedale.

    Rispondi
  2. Quando il martedì vengo a prendere Antonella, ospite della Caup del Cicalotto, prima di salire in macchina mi dice sempre
    : “aspetti dottoressa, mi faccia salutare gli animali e i bambini”. Così Antonella chiama i giovani ospiti di Villa Danilo e poi aggiunge: “Dottoressa Monica vorrei tanto anche io avere un cane ma mi hanno detto che solo i bambini li possono avere e io, a 69 anni, bambina non lo sono più” . Antonella usufruisce comunque della vicinanza e della possibilità di vedere la capretta, l’asino, il cane e, voglio aggiungere, i suoi “bambini” .

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
L'acquisizione di maturità
23 Luglio 2024

L’acquisizione di maturità

Ogni anno, a giugno, il tema degli esami di maturità torna sui giornali con le  previsioni e i commenti sugli argomenti dei temi, con le interviste agli esperti che suggeriscono le strategie di studio e…

Scala Griffiths cosa è
23 Luglio 2024

Scala Griffiths: valutazione dello sviluppo infantile

La scala Griffiths è uno strumento fondamentale per la valutazione dello sviluppo infantile, utilizzata da decenni in ambito pediatrico e psicologico. Sviluppata negli anni ’50 da Ruth Griffiths, questa scala rappresenta un punto di riferimento…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
L'acquisizione di maturità
23 Luglio 2024

L’acquisizione di maturità

Ogni anno, a giugno, il tema degli esami di maturità torna sui giornali con le  previsioni e i commenti sugli argomenti dei temi, con le interviste agli esperti che suggeriscono le strategie di studio e…

D'aria, la storia della mia passione per il volo
22 Luglio 2024

D’aria, la storia della mia passione per il volo

Sono nata d'aria. Una foglia al vento. Senza radici, appoggiata alla chioma instabile di alberi granitici ed austeri, solide erinni ma elastiche di prospettive mutevoli. Così camminavo a naso all'insù: nulla era più fantastico delle…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.