Studi e ricerche

Identificato l’interruttore molecolare delle abitudini

Anna Bonfanti
9 Giugno 2016
Nessun commento
Identificato l’interruttore molecolare delle abitudini

Un gruppo di ricercatori statunitensi guidati dalla Dr.ssa Gremel ha in pubblicazione su Neuron uno studio sul modello animale, che identifica la sostanza che a livello della corteccia cerebrale è responsabile della formazione delle abitudini, cioè di una modalità comportamentale semi-automatica di azioni ripetitive che in qualche modo può semplificare l’attività corticale.

Le abitudini hanno rilevanza in quanto riducono il flusso di informazioni relativo ai rapporti fra azioni e risultati, che sono usati a livello della corteccia orbitofrontale per valutare situazioni nuove e regolarsi di conseguenza.

I ricercatori hanno provato che responsabili di questa modulazione sono gli endocannabinoidi prodotti proprio a livello della corteccia orbitofrontale.

Queste sostanze sono oppiacei endogeni ed in particolare pare che gli endocannabinoidi di tipo 1 siano coinvolti: se bloccati, come nel modello sperimentale animale, impediscono la formazione di qualsiasi abitudine.

Alterazioni della modulazione della produzione di queste sostanze possono bloccare la capacità di rompere le abitudini e quindi potrebbero avere un ruolo patogenetico in patologie quali il disturbo ossessivo-compulsivo e le dipendenze, e quindi aprire la strada a nuovi interventi terapeutici.

(Gremel et al., Endocannabinoid Modulation of Orbitostriatal Circuits Gates Habit Formation, Neuron 2016, accepted, in press).



Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri come vengono trattati i tuoi dati