Studi e ricerche

Empatia per i robot

Pasquale Pisseri
27 Aprile 2013
Nessun commento
Empatia per i robot

Empatia per i robot

di Pasquale Pisseri

(Il commento che segue si riferisce alla notizia “Psicologia: essere umano prova empatia anche per robot” (AGI) – Washington, 24 apr.)

Non mi parrebbe sorprendente. Potrebbe essere in gioco un meccanismo di identificazione simile a quello in atto quando vediamo un film o un prodotto Tv “d’azione”: molti di noi, se non tutti, si identificano in varia misura  con l’eroe, parteggiano per lui, provano disappunto quando sembra sconfitto, partecipano al suo trionfo finale… Certo, in questi prodotti l’immagine proposta ha sembianze più visibilmente umane, ma è ancor meno “reale” di un robot, che quanto meno ha una consistenza fisica. Non conosco i dati neurofisiologici relativi a queste nostre esperienze di spettatori emotivamente coinvolti, ma è verosimile che siano importanti e significativi: potrebbe dircelo Anna Bonfanti.
Ben più problematica, e anzi credo puramente ipotetica, la possibilità reciproca: che sia un robot a provare empatia, come quasi parrebbe suggerire l’espressione suggerita (e azzardata?): “la scoperta è utile alla comprensione dei meccanismi di interazione uomo – robot”.



Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri come vengono trattati i tuoi dati