Vaso di Pandora

Emily Pellegrini, possiamo innamorarci di qualcuno che non esiste?

Quanto possono essere umane, almeno nell’apparenza, le immagini generate dall’intelligenza artificiale? A quanto pare, moltissimo. Il caso Emily Pellegrini ci insegna che la IA è uno strumento ormai davvero raffinato e perfettamente capace di ingannarci. O magari siamo noi a essere troppo ingenui. O forse valgono entrambi i punti di vista. Fatto sta che la sua vicenda spinge a riflettere sull’attenzione che dobbiamo porre quando ci relazioniamo a questa nuova tecnologia. L’idea che ci si possa innamorare di una persona inesistente e creata da un software ci inquieta, e ci pare anche piuttosto strana. Ciononostante, è capitato davvero a molte persone nell’ultimo periodo. Pur non essendo reale, infatti, Emily Pellegrini ha fatto strage di cuori.

Chi è Emily Pellegrini?

Quello di Emily Pellegrini è il caso più noto di una modella inesistente, creata dall’intelligenza artificiale tramite l’incrocio di corpi reperiti in rete e lineamenti generati da potenti algoritmi, capace di riscuotere un enorme successo sui social network. Il suo profilo Instagram, popolato da foto del suo volto generato artificialmente e posto sui corpi di altre modelle, ha già superato i 270mila follower. Questa ragazza virtuale non è la prima mai creata. Precedentemente ricordiamo i casi di Aitana Lopez e della prima influencer italiana virtuale: RebyG, nickname di Rebecca Galani. Si tratta una modella diciannovenne supportata da chatbot che dà consigli su qualunque tipo di argomento, a chiunque la contatti.

Le ragioni della sua notorietà

Emily Pellegrini e le altre modelle artificiali
Emily Pellegrini e altre modelle create dall’intelligenza artificiale stanno ricevendo molto successo sui social network.

La popolarità di Emily Pellegrini si deve alla rete che ha saputo costruire e alle numerose mosche che sono rimaste intrappolate nella sua ragnatela, per così dire, tra cui si dice vi siano anche calciatori e lottatori di arti marziali miste. Il suo successo è probabilmente dovuto al fatto che il creatore del profilo non si è servito soltanto di immagini fotografiche, bensì anche di video.

Può sembrare una sciocchezza ma un osservatore attento (o un esperto fotografo) non ha grossi problemi a riconoscere immagini generate da computer. Per quanto possano essere sofisticate, infatti, le fotografie generate hanno sempre imperfezioni nelle ombreggiature, negli effetti di luce o negli sfondi. Per creare foto è sufficiente registrarsi a un sito come Midjourney, Bing Image Creator o Dall-E, giusto per citare i generatori di immagini più diffusi (ma ce ne sono molti altri), avanzare una richiesta e attendere l’invio. Può riuscirci davvero chiunque.

Per quanto riguarda i video, non è la stessa cosa. Le diapositive in movimento, create da software, non sono fluide, bensì presentano uno sfarfallamento eccessivo e appaiono spesso fuori fase, mosse e sfocate. Insomma, sono pessime. Nessuno caricherebbe sul suo profilo filmati di livello tanto basso. Nessuno, eccezion fatta per chi sia privo di gusto, essendo un programma informatico. I video caricati sul profilo di Emily Pellegrini sono montati molto bene, fluidi e scorrevoli. A volte si può notare qualche lieve differenza nelle linee del volto, e capire così che non si stia osservando un viso naturale ma, di nuovo, occorre avere occhio. Ciò si deve al fatto che le sue clip esistono davvero, semplicemente appartengono ad altri.

Il corpo di Emily Pellegrini

Si configura così un comportamento lesivo della privacy, il quale potrebbe persino essere punito legalmente. Il modus operandi del creatore di Emily Pellegrini è lo stesso degli autori di filmati deepfake, quelli che incollano digitalmente volti di persone comuni sui corpi delle performer pornografiche, generando video a luci rosse personalizzati. La modella è una maschera di pixel incollata su corpi di persone che non hanno nulla a che fare con il progetto Emily. Un espediente basato sul procurarsi un fisico avvenente e incollarlo a un viso inesistente ha avuto grande successo. Ciò preoccupa. Se è così facile ingannare l’utenza di Instagram, pensiamo a quanti risvolti criminali potrebbe avere questo utilizzo dell’intelligenza artificiale.

Ci si può innamorare di Emily Pellegrini?

Chiarito chi sia Emily Pellegrini e quale sia la sua discutibile storia, giunge l’ora di porci una domanda da non sottovalutare, nella società odierna. Davvero esistono uomini – o donne, beninteso – capaci di innamorarsi di una modella virtuale? Evidentemente si. In fin dei conti, oggi gran parte della vita sentimentale passa dalla rete. Non sono affatto poche le persone che utilizzano i social per approcciare o che lo facciano attraverso le foto. Applicazioni come Tinder si basano esattamente su questo: vediamo una foto, il soggetto ci piace, cerchiamo di metterci in contatto. Quanti si accertano prima di avere a che fare con una persona che esista davvero?

Nel film Lei (2013), Joaquin Phoenix si innamora perdutamente di Scarlett Johansson, la quale non è però che un sistema operativo inserito nel suo computer e ribattezzato Samantha. A rendere la situazione ancor più particolare c’è il fatto che il protagonista sa bene che la voce con cui parla non è vera. Qui non c’è dunque alcun sottobosco ingannevole, è chiaro che ci si stia relazionando con una figura non reale. Eppure, non cambia nulla: l’innamoramento è serio e profondo. Il personaggio di Phoenix trova in Samantha tutte le caratteristiche cercate nella donna dei suoi sogni e non si cura del fatto che non potrà mai toccarla. In fin dei conti, se scriviamo ad Aitana Lopez, Emily Pellegrini o Rebecca Galani e loro ci rispondono facendoci palpitare, tali emozioni varranno meno di quelle suscitate da una conversazione con interlocutore in carne e ossa?

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
Frasi di psicologi famosi
26 Febbraio 2024

Le 10 frasi più belle di psicologi famosi

L’ambito della psicologia, con le sue profonde intuizioni sul comportamento umano e sulla mente, ha fornito al mondo un’abbondante collezione di pensieri e riflessioni significative. Gli psicologi di fama mondiale, attraverso il loro impegno costante…

L'effetto dei social media sui giovani
26 Febbraio 2024

L’effetto dei social media sui giovani

Ancora prima di affrontare l’articolo affiora un ricordo: forse tredicenne, torno a casa, un pomeriggio dopo la scuola, e all’ingresso registro qualcosa di diverso. Sul telefono grigio della SIP, sul disco, c’è un lucchetto.

Tabellone bianco con frase motivazionale
26 Febbraio 2024

Come diventare coach motivazionale

Il coach motivazionale è una figura che affianca l’individuo per conoscere i meccanismi della sua motivazione e per imparare a riconoscerli, in modo tale da imparare ad ascoltare il corpo e la mente così da…

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
Frasi di psicologi famosi
26 Febbraio 2024

Le 10 frasi più belle di psicologi famosi

L’ambito della psicologia, con le sue profonde intuizioni sul comportamento umano e sulla mente, ha fornito al mondo un’abbondante collezione di pensieri e riflessioni significative. Gli psicologi di fama mondiale, attraverso il loro impegno costante…

Tabellone bianco con frase motivazionale
26 Febbraio 2024

Come diventare coach motivazionale

Il coach motivazionale è una figura che affianca l’individuo per conoscere i meccanismi della sua motivazione e per imparare a riconoscerli, in modo tale da imparare ad ascoltare il corpo e la mente così da…

Grafologia: un testo su un foglio
25 Febbraio 2024

Grafologia: ecco come spiega la tua personalità

Inizialmente, la disciplina della grafologia era qualcosa di esotico, di cui leggere tra le pagine dei romanzi di Arthur Conan Doyle. Il suo più famoso personaggio, il celebre detective Sherlock Holmes, era infatti in grado…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd