Vaso di Pandora

Ma i malati aspettano

Commento all’articolo apparso su La Repubblica il 15 maggio 2018

Credo che sia necessario partire dalla considerazione che, finalmente, la Regione Lazio, dopo un decennio “lacrime e sangue”, stia faticosamente cercando di iniziare a rimettere in sesto la rete dei Servizi Psichiatrici Territoriali.

Tanto è che vanno salutati con rispetto gli sforzi che sono stati descritti nell’articolo. Ciò non toglie che, forse, oltre che dedicarsi a “fotografare” i tentativi di ricostruire Servizi e assumere personale, andrebbe riavviata una pellicola per provare a descrivere un film, che ci permetta di capire che cosa è successo e, soprattutto, come invertire il trend che ci ha portato in questa situazione.

Dieci anni fa, la Spesa Sanitaria della Regione Lazio per la Psichiatria era così suddivisa: 70 % alle Cliniche Psichiatriche Private Convenzionate, per un totale di 800 posti letto e 30% ai Servizi territoriali Psichiatrici Pubblici.

In questi 10 anni, per ridurre il deficit regionale si è dovuto ricorrere al blocco del turn-over e il numero degli operatori della Psichiatria Regionale si è ridotto del 40%.

Da ciò è scaturita un’inevitabile conseguenza: oggi quella percentuale è sicuramente peggiorata, nel senso che quel 30% dei Servizi Territoriali Pubblici si è ridotto, diciamo approssimativamente al 20%, mentre la spesa per le ex Cliniche Psichiatriche, che, nel frattempo, sono state trasformate, più sulla carta che nella realtà, in Strutture Residenziali Psichiatriche e a cui sono state aggiunte anche le Comunità Terapeutiche Private Convenzionate, dovrebbe aggirarsi intorno all’80% della Spesa complessiva per la Psichiatria.

Ma allora il punto è questo: per avviare un vero e proprio processo di cambiamento della situazione non sono più sufficienti misure tendenti a tamponare le emergenze che si sono create che, peraltro, come già accennato, va benissimo che vengano prese, ma, forse, è necessario mettere in discussione le scelte di Politica Sanitaria che sono state fatte e chiedersi verso quale Psichiatria vogliamo provare a dirigerci per invertire la tendenza di questi ultimi anni contraddistinta essenzialmente da una riduzione degli investimenti dedicati ai Servizi Territoriali e da un aumento dei fondi destinati alla gestione della degenza.

Nessuno nega che le Degenze e i Servizi territoriali siano due voci complementari della Psichiatria: il punto è che il rapporto a cui si è giunti è vicino ad un punto di non ritorno e se cede la diga dei Servizi Territoriali aumenterà inesorabilmente la necessità di ricorrere a sempre nuove degenze, con buona pace della “180”.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
7 Febbraio 2023

Come riconoscere e trattare la psicosi

Si parla di psicosi quando lo sviluppo psicologico di un individuo si allontana da quella che può essere definita “normalità”, tanto da alterarne la percezione nei confronti del mondo circostante. Spesso i comportamenti psicotici iniziano…

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Studi e Ricerche
Leggi tutti gli articoli
22 Gennaio 2023

Intelligenza artificiale, prepariamoci al futuro

L’apporto dell’informatica alla medicina va crescendo, ed è prevedibile che continuerà a farlo. Diagnosi e controlli a distanza tramite smartphone, app che orientano la terapia, consulti online, cartelle cliniche elettroniche e quant’altro fanno parte ormai…

4 Gennaio 2023

Medicina Narrativa, Gioco e Psicoterapia: le vie della cura

Nello scorso mese di Novembre è stato presentato il “Dizionario di Medicina Narrativa”redatto dal prof. Massimiliano Marinelli (docente di Medicina Narrativa presso l’Università di Medicina dell’Università Politecnica delle Marche). La mia intenzione in questo articolo…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolo Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.