Vaso di Pandora

Cleaning therapy, quando ordine e pulizia allontanano lo stress

Non sottovalutiamo il potere dell’igiene e del riordino. È noto che abitare uno spazio salubre, e ben pulito, possa metterci di buon umore e farci stare meglio. Le attività di pulizia e sistemazione rappresentano un modo, accessibile a chiunque, di svuotare la mente e allontanare lo stress. La prima a teorizzare, in maniera empirica e non supportata da alcuna ricerca in merito, la possibilità di sentirsi meglio al termine di un ciclo di lavori domestici è stata Marie Kondo. Secondo l’autrice, liberarsi di quel che non occorre e mantenere lindo ciò di cui non possiamo fare a meno è un vero e proprio toccasana. In seguito, il British Medical Journal ha approfondito la questione, in una ricerca che ha restituito un risultato non sottovalutabile: per allontanare la depressione sarebbero sufficienti venti minuti di pulizie al giorno. Cosa c’è di vero dietro alla cleaning therapy?

Può interessarti anche: “Pensieri intrusivi: come gestirli e conviverci

Cleaning therapy, molto più che pulizia

Agli utenti di Headspace, una app abbastanza diffusa che si occupa di meditazione e benessere mentale, si propone un’attività piuttosto particolare a chi soffra di insonnia. Per coricarsi e riuscire a consumare un sonno ristoratore, si suggeriscono lavori domestici leggeri. Per strano che possa sembrare, infatti, svuotare la lavastoviglie o mettere in ordine i cuscini del divano e il tappeto in soggiorno aiuta a prendere sonno. Perché mai? Si tratta di operazioni che stancano il corpo, ma non al punto di mettere in circolo adrenalina. Se ciò avvenisse, sarebbe ancor più difficile addormentarsi. Non solo. Compiti di questo tipo costringono la mente a concentrarsi su una sola operazione. Al termine di questa, essa sarà più libera, svuotata. Anche questo aspetto agevola il sonno.

L’intera filosofia della cleaning therapy si basa su un presupposto. Le pulizie ci consentono di prendere il controllo. Possiamo essere noi a decidere, almeno su un aspetto della nostra vita. Anche nel caso in cui non detenessimo autorità su nient’altro: lavoro, relazioni, forma fisica… sicuramente la avremo sullo stato di igiene e ordine della nostra casa. È sufficiente iniziare con poco, come per esempio la risistemazione di un cassetto o un armadio, accompagnandoci magari con il sottofondo della musica che preferiamo, per sentirsi subito meglio.

Sostenitori della cleaning therapy

Cleaning therapy: una donna armata di straccio e spray sgrassante
La cleaning therapy sostiene che svolgere lavori domestici liberi la mente, svuotandola e facendoci sentire meglio

Lo scrittore Luca Guidara ha scritto un libro dedicato alla cura della propria abitazione. Si intitola Home Sweet Home. Prendersi cura della casa e fare le pulizie non è mai stato così bello (De Agostini) e racconta quali e quanti possano essere i benefici del mantenere in ordine gli spazi che si abitano quotidianamente. Dice Guidara:

“Prendersi cura della propria casa è un atto d’amore. Vivere nell’ordine e nel pulito fa stare bene e dona serenità mentale. Lo dimostrano anche alcuni studi scientifici. La chiamano cleaning therapy: la terapia del pulito. Provare per credere! C’è chi si allena mentre pulisce casa, in tenuta sportiva con la propria playlist preferita come sottofondo. Io divido i due momenti, pulizia e allenamento, ma per chi ha poco tempo a disposizione, può essere un modo utile per fare due cose in una. L’importante è seguire i movimenti giusti senza farsi male.”

Anche Arianna Huffington, dell’omonimo Post, sostiene che la pulizia e l’ordine possano sconfiggere lo stress:

“Molto di ciò che ci tiene svegli è il disordine nelle nostre menti. Il caos nel nostro spazio fisico crea stress, ricordandoci ciò che non è ancora stato fatto.”

La società di pulizia canadese Adèle, che ha naturalmente un interesse professionale nella questione, sostiene che mettere ordine esternamente possa fare altrettanto dentro di noi:

“Pulire in casa ci permette di riordinare la mente e le idee. Iniziando lentamente, riordiniamo le stanze principali prima di affrontare cassetti e cesti pieni di chiavi, monete, fogli, ecc. Sebbene alcuni oggetti siano nascosti in scatole o armadi, occupano spazio nella nostra mente. Ridurre l’inventario mentale degli oggetti può essere un sollievo. Nella nostra routine quotidiana, è importante risistemare e organizzare ciò che abbiamo usato durante la giornata, prima di andare a letto. In questo modo, ogni mattina è un nuovo inizio con nuovi obiettivi. Svegliandoci giorno dopo giorno nella confusione del giorno prima, potremmo sentirci scoraggiati a iniziare.”

Riordinare la casa per riordinare la mente

Inserire le pulizie di casa in una routine di mindfulness ci aiuta a riorganizzare la mente, liberandola da quanto la appesantisca. Pulendo si tiene la psiche concentrata sul presente. Non sui rimpianti del passato e nemmeno sui desideri per il futuro. Ciò ci libera da molte distrazioni. L’attività fisica inevitabilmente associata al riordino fa bene al nostro corpo, proprio come l’azione di pulire lo fa alla nostra mente. Il buonumore è strettamente collegato alla cura degli spazi, non a caso, dopo aver riordinato ci sentiamo immediatamente meglio.

Può interessarti anche: “Neurodiversità: che cosa si intende? Vediamo i tipi più comuni

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
Inside Out, il significato psicologico del film
19 Luglio 2024

Inside Out, il significato psicologico del film

La società in cui viviamo sembra desiderare la rimozione delle emozioni. La realtà virtuale e la comunicazione in rete stanno sempre più spersonalizzando l’importanza emotiva, concentrandosi molto sul contenuto e molto poco sullo stato d’animo…

ansia da caldo
19 Luglio 2024

Ansia da caldo: come gestirla durante l’estate

L’estate è una stagione attesa da molti per le lunghe giornate di sole e le vacanze. Tuttavia, per alcune persone, l’aumento delle temperature può portare a un incremento dell’ansia. L’ansia da caldo è una condizione…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Le Ultime dall'Italia e dal Mondo
Leggi tutti gli articoli
Inside Out, il significato psicologico del film
19 Luglio 2024

Inside Out, il significato psicologico del film

La società in cui viviamo sembra desiderare la rimozione delle emozioni. La realtà virtuale e la comunicazione in rete stanno sempre più spersonalizzando l’importanza emotiva, concentrandosi molto sul contenuto e molto poco sullo stato d’animo…

ansia da caldo
19 Luglio 2024

Ansia da caldo: come gestirla durante l’estate

L’estate è una stagione attesa da molti per le lunghe giornate di sole e le vacanze. Tuttavia, per alcune persone, l’aumento delle temperature può portare a un incremento dell’ansia. L’ansia da caldo è una condizione…

misoneista significato
18 Luglio 2024

Misoneista: resistenza al cambiamento e come superarla

È innegabile che in un contesto mutevole come quello odierno, la capacità di adattamento al cambiamento è vitale. Tuttavia, alcune persone mostrano una resistenza marcata a queste trasformazioni, un fenomeno noto come misoneismo. Questo articolo…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd