Vaso di Pandora

Un nuovo modello di formazione per psichiatria e psicoterapia

In un precedente articolo proponevo che, oggi, non c’è più motivo di tenere separati i mondi della psichiatria da quelli della psicoanalisi e delle psicoterapie in genere. Nel senso che dovremmo abbandonare l’idea della inconoscibilità dei sintomi di una categoria di pazienti, gli psicotici e della conoscibilità di un’altra categoria dei pazienti, i nevrotici.

Il mondo della patologia

Parlavo del fatto che, se si passa, anzi si torna, dal considerare fondamentali i traumi in fantasia, a pensare che, viceversa i traumi che contano sono quelli reali e non riguardano solo il paziente ma anche le generazioni che lo hanno preceduto e il meccanismo di difesa principale è costituito dalla scissione, tanto per gli psicotici che per i nevrotici e non la rimozione, come facciamo a seguitare a pensare che il mondo è diviso in due parti? Il mondo è uno e gli strumenti per comprenderlo sono gli stessi.

Non solo: il mondo della patologia è uno e il modo per intervenire non poggia sostanzialmente su un trattamento allopatico, ma sulla capacità del terapeuta di costruire una situazione in cui il paziente e chi è intorno a lui, altrettanto se non più problematico, trovino la forza di farsi delle domande e di prendere in mano nuovamente la loro vita. Sicuramente seguitando ad usare i farmaci antipsicotici, antidepressivi, ansiolitici e stabilizzatori, nella maniera e nella quantità appropriata, però sapendo e rendendo noto, progressivamente magari, non subito, che sono sintomatici e non in grado di curare nessuna delle cause che causano il disturbo, ma solo di attenuarne i sintomi. Ribadisco, un’attenuazione della pericolosità e dei danni che quei sintomi possono provocare necessaria e utile ma non risolutiva. E questo va detto con chiarezza, cosa che abitualmente la psichiatria non fa.

La necessità di una formazione corale per psichiatria e psicoterapia

Se le cose stanno così o, se preferite, seguendo questa ipotesi esplicativa che rimette in discussione dalle fondamenta psichiatria e psicoterapia, in particolare la psicoanalisi, ad un certo punto si arriva a chiedersi: che cosa significa questo discorso sul piano della formazione? Come si forma uno psichiatra o psicologo psicoterapeuta, infermiere, assistente sociale, terapista della riabilitazione psichiatrica, Oss, che si muove in questo universo di pensiero? O possiamo seguitare a formare le persone dividendole arbitrariamente prima in due categorie che non corrispondono alla realtà e, poi, provare a riunificare queste due culture, psichiatrica e psicoterapeutica?

Io penso che questo è il problema che si trova di fronte la Scuola di Formazione in Psicoterapia Istituzionale appena entrata in funzione ad opera della Redancia.

Un nuovo modello di formazione per psichiatria e psicoterapia

La mia esperienza in una CT Redancia

Due esempi: ho partecipato ad un gruppo in una CT Redancia che si occupa di giovani che sono stati molto male, una si era defenestrata per es. e che, stando in CT migliorano, diventano, in tempi ragionevoli, un anno, due, altre persone, pronte per tornare a casa, anche perché, nel frattempo, ci si è preoccupati di curare anche le famiglie di origine che, così, sono cambiate.

Che cosa ha funzionato in quella CT? Secondo me il discorso che il distacco tra madre e figlia, legato all’entrata in CT della figlia, aveva contribuito in maniera essenziale a che quella madre iniziasse a chiedersi che cosa ci entrava con la sofferenza della figlia. E che queste due cose, la permanenza in CT della figlia e il lavoro della madre le avesse portate a concludere che prima erano troppo vicine, che avevano sofferto allontanandosi l’una dall’altra e che, poi, si sono ri-incontrate e sono pronte a tornare a vivere insieme, per ora, finché la più giovane se la sentirà di provare a vivere la sua vita. Ora è possibile perché la madre ha ricostruito la sua e non si occupa più, soprattutto, della figlia malata.

Comunità Terapeutiche e Gruppi di Psicoanalisi Multifamiliare: questa è la formula che propone il Gruppo Redancia che da tempo si muove come se la Psichiatria fosse stata sempre quella di Bleuler e la Psicoanalisi quella che lavora sull’Inconscio non rimosso, da 0 a tre anni, dove non può arrivare nessuna forma di psicoterapia tradizionale.

La formazione necessaria

Se siamo d’accordo su tutto ciò, come si forma un operatore che ci deve lavorare? Può seguitare a formarsi pensando che psicotici e nevrotici appartengono a due categorie sostanzialmente diverse anche se, nella realtà delle Comunità Terapeutiche li trattiamo nello stesso modo. Cioè pensando che quello che fanno di fuori luogo, di esagerato, di matto, un senso ce l’ha e noi possiamo, dobbiamo essere in grado di trovarlo, con l’aiuto suo e di chi gli vuole più bene, anzi noi possiamo-dobbiamo costruire una situazione in cui loro possano-debbano ritrovarlo, divenendo attori-autori della loro ricerca e del loro trattamento.

Io penso che anche la formazione debba essere ripensata dalle fondamenta, come la prassi terapeutica.

A questo punto porto un’altra testimonianza: il 17 febbraio tre persone hanno terminato il master in Psicoanalisi Multifamiliare, altre sei persone hanno concluso il primo anno dei due previsti.

Ognuno di loro ha portato un lavoro di fine anno. Nove lavori, ognuno diverso dall’altro, ognuno in grado di testimoniare la loro passione ma anche la loro originalità.

La prima lavora al CSM ed ha preso in carico il figlio, dopo un ricovero e la famiglia che già seguiva il Gruppo di Psicoanalisi Multifamiliare (GPMF) presso il Laboratorio italiano di Psicoanalisi Multifamiliare (LiPsiM). Integrazione pubblico privato, GPMF, terapia familiare, trattamento individuale etc.

La seconda coordina una CT per giovani da 15 a 25 anni al centro di Roma; ci ha raccontato che gli operatori sono riusciti a superare cambiamenti che li hanno messi a dura prova (Pandemia e riassestamenti istituzionali traumatici) proprio seguitando a partecipare al GPMF, cioè lavorando insieme a pazienti, familiari e agli altri operatori;

Il terzo lavora in una CT storica nei dintorni di Roma che, nonostante tutto, attraversa un periodo difficile e alla cui rinascita lui ha in mente di partecipare donando loro la sua acquisita capacità di aprire al suo interno un GPMF, con tutto quello che questo significa.

Potrei andare avanti con le storie di altri sei colleghi: tutti ci hanno mostrato una creatività che ha sconcertato i vecchi docenti. Ci siamo trovati davanti un gruppo di persone che, pur facendo ognuno una cosa diversa ma facendolo con la stessa filosofia, avevano imparato a farlo insieme, dandosi una mano.

Io penso che noi dobbiamo costruire una situazione di apprendimento in cui sia possibile che tutto ciò si verifichi se vogliamo stare al passo con i tempi: la realtà è già cambiata, abbiamo contribuito in maniera sostanziale a che cambiasse. Ora dobbiamo costruire una situazione di apprendimento coerente con quello che già facciamo.

Mi piacerebbe che si aprisse una discussione in merito.

Argomenti in questo articolo
Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
Animal hoarding: una cucciolata di gattini
12 Aprile 2024

Animal hoarding: cos’è la sindrome di Noè?

L’espressiona animal hoarding si può tradurre in italiano con accumulo di animali. Il fenomeno non è molto noto nel nostro Paese, ma ciò non significa che non ci riguardi. Non è conosciuto non perché non…

Frasi del cappellaio matto: Alice con un coniglio in braccio
12 Aprile 2024

Le più iconiche frasi del Cappellaio Matto

Il Cappellaio Matto, senza ombra di dubbio, è uno dei più amati personaggi all’interno del coloratissimo mondo di Alice nel paese delle Meraviglie. Nonostante sia passato oltre un secolo dalla prima pubblicazione dell’opera di Lewis…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
9 Aprile 2024

Suicidi in carcere: riflessioni

Nei primi tre mesi del 2024 sono 28 i suicidi nelle carceri. Un fenomeno complesso dove si intrecciano molteplici fattori: carenze della prevenzione, sovraffollamento, violenze, precarietà, scarse occasioni studio, lavoro e alloggi, povertà, migrazioni, uso…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd