Attualità

Un giorno di ordinaria follia

Giovanni Giusto
30 Aprile 2013
Nessun commento
Un giorno di ordinaria follia

Un giorno di ordinaria follia

un commento di Giovanni Giusto

La liturgia degli interventi tesi a definire, catalogare, spiegate, stigmatizzare un atto come quello della persona che ha sparato in piazza Montecitorio mi porta ad una serie di considerazioni .

1) ogni liturgia ha bisogno dei propri officianti che ne convalidino l’esistenza ed il senso. In questo caso gli psichiatri vengono a proposito; non più medici specialisti che devono curare persone sofferenti, ma garantì del bene e del male della società, alienisti perfetti: ma il manicomio non era forse pieno di medici alienisti? Ecco che ritorna la tentazione di spiegare e indottrinare, l’ascia della follia viene dissotterrata pronti a rivolgerla verso chi più conviene in modo premeditato o meno.

2) bisogna recuperare rigore e coerenza di scopo, ha ben ragione Mencacci ad invocare la paranoia come substrato di un malessere sociale diffuso, ma attenzione a non  cadere nel tranello di interpretare il ruolo di sacerdoti di un tempo che non riesce a definire modelli culturali ed ideali credibili che corrispondano a valori umanamente in grado di generare benessere valorizzando la persona per quello che è piuttosto che riconducibile a schemi predefiniti.

3) guardando la televisione e ascoltando la radio e leggendo i giornali appare peraltro evidente il gusto ed il bisogno persino perverso di mettere brutalmente in scena emozioni violente per nulla filtrate o elaborabili .
Ed allora ecco la figlia del povero carabiniere costretta alla conferenza stampa, ecco lo psichiatra che tra il prete,lo stregone ed il gentil salottiero ci spiega chi è sacro e chi è profano.
4)  Allora evviva le messe in scena, forse utili certamente drammatiche ma se non gestite opportunamente, tragiche



Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri come vengono trattati i tuoi dati