Vaso di Pandora

Suicidi in carcere: riflessioni

Nei primi tre mesi del 2024 sono 28 i suicidi in carcere. Un fenomeno complesso dove si intrecciano molteplici fattori: carenze della prevenzione, sovraffollamento, violenze, precarietà, scarse occasioni studio, lavoro e alloggi, povertà, migrazioni, uso di sostanze e persone con disturbi mentali, carenze di risorse e di personale Letture semplicistiche talora alimentano lo stigma dei malati mentali ritenuti responsabili sia dei disordini interni agli istituti di pena sia dei suicidi. Per punti, sulla base dei dati derivati dalla Relazione[1] del Garante Nazionale, verranno sviluppate alcune riflessioni.

I dati sui detenuti in carcere

Gli studi epidemiologici[2] sulla popolazione generale indicano che il 3-5% dei crimini è attuato da persone con disturbi mentali, una bassa percentuale se confrontata con la prevalenza/anno dei disturbi mentali (15-20%). Va poi precisato che esiste una differenza tra l’essere affetto da disturbi mentali e l’infermità mentale (non imputabilità). In base al Codice Rocco (1930) “non è imputabile chi al momento in cui ha commesso il fatto era per infermità, in tale stato di mente da escludere la capacità di intendere e volere” (art 88). Vige cioè il c.d. “doppio binario”: uno per le persone imputabili che vengono processate e se colpevoli condannate e l’altro, per i non imputabili che sono prosciolti e se pericolosi socialmente (il che è praticamente sempre) sottoposti a misura di sicurezza della libertà vigilata o residualmente, sulla base della legge 81/2014, alla misura di sicurezza detentiva.

Quindi solo una parte limitata delle persone con disturbi mentali è giuridicamente “inferma di mente”.

Le persone con misura di sicurezza detentiva definitiva in REMS sono 331 ed occupano il 51% dei posti REMS. Ne deriva che se queste venissero utilizzate solo per i “definitivi” gli attuali posti REMS sarebbero più che sufficienti.

Suicidi in carcere: I detenuto sine titulo

Le persone arrestate in carcere, ancor prima del processo possono essere oggetto dell’applicazione delle misure di sicurezza detentive provvisorie. Ciò le fa diventare detenute “sine titulo” in quanto la misura di sicurezza sotto il profilo giuridico non è eseguibile in carcere.

Si tratta di persone, è bene sottolinearlo, presunte innocenti e per le quali l’infermità è ancora da accertare. Per prevenire le detenzioni sine titulo, a novembre 2023 sono 42, potrebbe essere adottata una concertazione dei tempi tra giudici, avvocati, periti e i DSM al fine di trovare le modalità per il trasferimento in altre sedi sanitarie o a domicilio secondo le indicazioni dei DSM  (che sul territorio nazionale seguono circa 6.000 persone con misure giudiziarie) o residualmente come estrema ratio in REMS.

In termini gestionali 42 persone rappresentano un piccolo numero (7%) rispetto ai 640 posti delle REMS nazionali il cui utilizzo potrebbe essere migliorato riservandoli alle sole misure di sicurezza detentive definitive, abolendo invece quelle provvisorie e quelle ex art 219 per i seminfermi di mente i quali prima scontano una pena in carcere e poi vengono sottoposti a misure di sicurezza detentiva. Questi ultimi occupano circa il 10% dei posti REMS. Quindi per risolvere il problema servono Protocolli operativi e un appropriato utilizzo dei posti REMS esistenti, come per altro è previsto dall’accordo Stato Regioni 30 novembre 2022.

Suicidi in carcere: riflessioni

Le persone con disturbi mentali nei carceri

Nelle carceri che dovrebbero essere l’estrema ratio, vi sono persone con disturbi mentali che sono imputabili. Se nella popolazione generale i disturbi mentali hanno una prevalenza annua del 15% è lecito supporre che tale percentuale vi sia anche in carcere, dove per altro si concentrano condizioni di povertà, emarginazione, l’uso di sostanze che correlano con un maggiore incidenza di disturbi mentali. I servizi di salute mentale e dipendenze patologiche assicurano un attività di cura negli istituti di Pena e negli stessi vi sono le Articolazioni Tutela Salute Mentale (ATSM) che in Italia ospitano circa 230 persone. Le persone detenute con “diagnosi psichiatrica accertata” sono 350 su circa 56.000 detenuti.

Lo studio[3] promosso dal Garante Nazionale Mauro Palma, evidenzia che nel 2022 su 85 suicidi 11 (13%) erano affetti da patologie psichiatriche certificate ed una era in attesa di posto in REMS. Le diagnosi erano: 3 psicosi, 2 depressione, 2 non specificata, 3 disturbi della personalità, uso di sostanze, 1 disturbo neurocognitivo. 28 persone su 85 pari al 33% del totale avevano già tentato il suicidio. Al momento del suicidio 19 persone su 85 erano soggette ad alta sorveglianza il che fa riflettere sulla efficacia di questo strumento.

E’ evidente che non si tratta di psichiatrizzare il disagio, tornare agli OPG o aumentare le REMS ma dare piena applicazione alle leggi e di completare la legge 81/2014. Al contempo occorre fare diverse politiche sociali e sanitarie che siano articolate e organiche in particolare per quanto attiene le persone con uso di sostanze, i migranti e le povertà.

La prevenzione dei suicidi in carcere

Circa un terzo dei detenuti presenta problemi da uso di sostanze e sono stranieri. Sono queste situazioni ad essere rilevanti sia per la vita negli Istituti di Pena, sia al fine di prevenire il suicidio. Le difficoltà sono dimostrate anche dall’uso degli psicofarmaci nei detenuti, 5 volte superiori alla popolazione generale come evidenzia la ricerca pubblicata nel 2023 da Altraeconomia n.263. Queste persone, con psicopatia, uso di sostanze non possono e non devono essere destinate alle REMS ma possono essere attivate misure alternative, anche in deroga (applicazione della sentenza 99/2019 Corte Costituzionale). 

Questione sociale e di genere

  • Questione sociale Il tema dei suicidi ha un’ampia parte sociale in quanto, come rileva il Garante, 68 persone su 85 (pari all’80%) erano in condizioni di vulnerabilità e 20 (23,5%) suicidi su 85 erano persone straniere senza tetto.
  • Questione di genere: 5 suicidi su 85 hanno riguardato persone di genere femminile, una percentuale apparentemente bassa e tuttavia superiore (2,1 per mille detenuti) a quella maschile (1,48 per mille detenuti) se rapportata al totale della popolazione femminile detenuta (2.372).

Va ricordato anche che in carcere risultano ancora 20 madri con 21 bambini.

La posizione giuridica

Posizione giuridica: il 54% è costituito da persone con misure non definitive e il 37% è in attesa del primo giudizio.  Per la prevenzione è nota la rilevanza dei periodi critici (udienze, fine pena ed al.) e delle sedi della detenzione (media sicurezza ecc.).

Infine va ricordato che gli agenti della polizia penitenziaria hanno tassi di suicidio doppi rispetto alle altre Forze dell’Ordine e tripli rispetto alla popolazione generale.  Un ulteriore elemento per riflettere sugli effetti della privazione della libertà e le condizioni della detenzione. I detenuti stanno arrivando a circa 61 mila con un incremento di 400-500 persone al mese.

Suicidi in carcere: le conclisioni

Per concludere: la prevenzione dei suicidi in carcere può avvenire solo mediante un concertato lavoro interistituzionale e prima dell’ingresso in carcere. Nonostante la gravità dei dati e il richiamo del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella non sembra emergere una volontà politica comune ed una condivisa linea che porti ad affrontare il tema mediante proposte di legge su indulto, amnistia, liberazione anticipata, misure alternative, superamento della non-imputabilità (proposta di legge Magi 1.119/2023), case per il fine pena ed altre misure come le riforme della legislazione sulla droga e le migrazioni.

Provvedimenti che avrebbero la finalità di ridurre il numero delle persone detenute, creare alternative e migliorare qualità di vita e dare speranza. In questo quadro sono fondamentali le telefonate, le relazioni affettive e sessuali in attuazione dell’importante sentenza 10 /2024 della Corte Costituzionale. Servono risorse sanitarie, sociali e giudiziarie per adeguate dotazioni organiche del personale (e la sua formazione) e combattere la povertà e la deprivazione sociale e sanitaria e prevenire i suicido durante la detenzione ma anche prima e dopo.


[1] Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale Relazione al Parlamento 2023, 15 giugno 2023 https://www.garantenazionaleprivatiliberta.it/gnpl/pages/it/homepage/pub_rel_par/?frame4_item=1

[2] Nivoli A. Milia P.,DEpalmas C., Nivoli G, Biondi M., Taras G., Lorettu L Sulla psichiatrizzazione e imprevedibilità del comportamento violento sulla persona. Suppl. Riv. Psichiatr. 2020; 55 (6): S33-S39

[3] Garante Nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale. Per un’analisi dei suicidi negli istituti penitenziari, 18 aprile 2023 https://www.garantenazionaleprivatiliberta.it/gnpl/pages/it/homepage/pub_rel_par/?frame4_item=2

Argomenti in questo articolo
Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
uomo si gratta la testa guardando fuori dalla finestra
28 Maggio 2024

Tricotillomania: cos’è e come trattarla

Cos’è la tricotillomania esattamente? In questo articolo andremo a esplorare i sintomi, le cause e le strategie di trattamento di questa condizione poco nota rispetto ad altri disturbi della categoria ossessivo-compulsiva (DOC), cui appartiene anche…

due donne comunicano tra loro gesticolando
28 Maggio 2024

Comunicazione paraverbale: di che si tratta?

Molti di noi non sanno esattamente cosa sia la comunicazione paraverbale o non ne hai mai sentito parlare prima. Eppure, con comunicazione paraverbale si indica un aspetto fondamentale della comunicazione umana. Questa si compone di…

Due esperienze in CT di Roma
28 Maggio 2024

Due nuove esperienze in CT di Roma

Nel corso dell’ultimo anno, mi sono recato in due Comunità Terapeutiche facenti parte del DSM della Asl Roma 1, in qualità di volontario, in base all’esistenza di una Convenzione tra la Asl Roma 1 e…

extrasistole e ansia
28 Maggio 2024

Extrasistole e ansia: come capire il collegamento

Il cuore, motore instancabile del nostro corpo, scandisce il ritmo della vita con una precisione sorprendente. Tuttavia, a volte, questa armonia può essere interrotta da un battito improvviso e inaspettato: l’extrasistole. Questa sensazione, spesso descritta…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Due esperienze in CT di Roma
28 Maggio 2024

Due nuove esperienze in CT di Roma

Nel corso dell’ultimo anno, mi sono recato in due Comunità Terapeutiche facenti parte del DSM della Asl Roma 1, in qualità di volontario, in base all’esistenza di una Convenzione tra la Asl Roma 1 e…

Workaholic: dipendenti dal lavoro
22 Maggio 2024

Workaholic: dipendenti dal lavoro

Nell’attuale mondo frenetico, la linea tra impegno lavorativo e ossessione può sfumare facilmente. La figura del “workaholic“, o dipendente dal lavoro, emerge come il simbolo di una cultura che celebra l’eccesso come emblema di successo.…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd