Vaso di Pandora

Solitudine

Su La Repubblica del 3 maggio, Vittorio Lingiardi riprende “l’ambizioso cri de coeur”, il richiamo di Vivak Murthy, esperto riconosciuto di sanità pubblica e per questo eletto portavoce del  governo federale degli Stati Uniti in materia di Sanità. Il tema è la ricaduta della “solitudine” sulla salute mentale dei cittadini americani.

Il problema politico della solitudine è così rilevante che nel 2018 veniva creato per la prima volta, in Inghilterra, il Ministero della solitudine, cui veniva affidato l’incarico di risolvere i problemi sociali legati alla solitudine. Una sottolineatura dell’importanza del problema, con tutte le sue intersezioni nel mondo del lavoro, nella sanità, nell’organizzazione delle risorse assistenziali.

Lingiardi offre una definizione di “solitudine”, termine “ombrello per condizioni emotive e esistenziali variegate e complesse”, quali possono essere la non appartenenza, l’assenza di referenti, il sentirsi inutili, emarginati, alienati, esclusi, e di isolamento, “invisibilità sociale, disoccupazione, emarginazione, perdita di legame, vuoto di cultura”.

Solitudine e isolamento sono due termini che spesso si sovrappongono e che faticano a differenziare il piano soggettivo, personale, psicologico, ma anche corporeo, da quello sociale, esistenziale, culturale.

Per intenderci, il Verdone di Un sacco bello (1980) che affannosamente cerca compagnia per andare in macchina a vivere avventure in Polonia, è isolato, non solo. Diventa pateticamente solo quando sperimenta l’impossibilità di soddisfare il suo bisogno e il vuoto della sua agendina.

Proverei quindi a considerare la solitudine come la condizione che si sperimenta quando, in una situazione di bisogno di cure, si sperimenta la sensazione che la vita è solo nostra, non è condivisa, e che spetta a noi soli affrontare le difficoltà, cercare gli aiuti necessari per salvaguardarla.

Un’esperienza che chi pratica un mestiere di aiuto rischia sperimentare continuamente per sé nell’offrire aiuto, e che riconosce nelle condizioni del curato che si approccia spaventato, timoroso della fragilità che lo espone alla potenza di chi si offre di aiutarlo.

Mi limito a considerare la condizione psicologica individuale della solitudine, e mi discosto dall’approccio di Vivek Murthy che si sofferma sulla ricaduta sociale delle conseguenze della solitudine.

Riprendo per questo tre esperienze che ho fatto in queste settimane.

La prima l’intervista a Mario Marazziti (www.psicoanalisiesociale.it, autore di La grande occasione (Piemme, gennaio 2023) in cui racconta la sua esperienza sui corridoi umanitari. Marazziti, aggiornato sui dati approfonditi da Vivek Murthy sulla solitudine e ripresi da Lingiardi, valorizza gli inserimenti di famiglie di migranti in piccole comunità destinate all’estinzione perché abitate solo da anziani.

La denatalità e la lontananza dei giovani a loro volta emigrati in città, se non all’estero, alla ricerca di stimoli sociali e culturali e di successo economico, sono alla base della solitudine di chi resta. La solitudine è quello che si prova nell’osservare la fine del proprio mondo per estinzione degli abitanti, per la mancanza della possibilità di trasmettere il proprio mondo a nuove generazioni, per il contemporaneo progressivo allontanamento dei servizi di base e dei centri di aggregazione sociale.

La seconda è la fortunata esperienza di ricovero e cura per un intervento, la cataratta, sia pur più di manutenzione che di cura. La condivisione con parenti e amici dell’evento, e la conoscenza dell’équipe curante, mi hanno reso condivisa la mia solitudine di fronte al problema.

Il sostegno che ho avvertito è stato di grande importanza e vitalità. Ho potuto ripensare a quanto osservavo da curante: la vertigine che avvertivo nei pazienti che uscivano dal SPDC da soli, l’insistenza nell’avere regole nell’assunzione dei farmaci da parte dei pazienti ambulatoriali, il dolore nel non potere più dialogare con i propri familiari morti nel Gruppi di Psicoanalisi Multifamiliare, la puntualità a partecipare alle visite di controllo pur in assenza di elementi clinici nuovi.

La terza è stata la possibilità di condividere il percorso, durato tre mesi, che ha portato alla morte di un familiare. In tutti i passaggi importanti della vita la condivisione è certamente utile per sostenere il peso dell’andare avanti, per facilitare il passaggio, per dividere il prima dal dopo, per separarsi: ripenso alla maturità, al matrimonio, alla sala parto, al pensionamento.

La morte è evento per definizione di “solitudine”, non solo per chi muore, ma anche per chi sopravvive e comincia ad avvertire la perdita, l’assenza della persona cara. Per il morente, la morte ha connotati diversi se accompagnata da chi può ricordare, ricevere valori, testimoniare.

Così per chi perde qualcuno, vedere  il proprio dolore negli occhi degli altri rende il dolore riconoscibile, umano, tollerabile. Sappiamo il valore sociale e culturale delle giornate del ricordo, così come quello, più personale, della celebrazione dei funerali e degli anniversari. Si tratta di momenti e luoghi nei quali gli assenti, familiari, maestri, tornano ad essere presenti. Il vuoto del lutto viene ricolmato dai ricordi, dai racconti; è condiviso.

La solitudine del sopravvissuto si attenua, l’assenza resta sospesa nella rievocazione, nella comune rivitalizzazione del ricordato.

Argomenti in questo articolo
Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
famiglia con bambini passeggia su un molo al tramonto
24 Maggio 2024

Siblings e Autismo: guida per famiglie e fratelli

Ricevere la diagnosi di autismo in un bambino rappresenta un momento delicato e significativo per tutta la famiglia, ed è importante in questa fase guidare alla comprensione e all’accettazione della condizione del bambino i cosiddetti…

donna sta per andare al wc
24 Maggio 2024

Vescica iperattiva psicosomatica: cause e soluzioni

Con vescica iperattiva si indica la condizione per cui si avverte il bisogno urgente e frequente di urinare, spesso accompagnato da incontinenza. Questa condizione non è solo la conseguenza di problematiche e disfunzioni fisiche, ma…

L'empatia: la relazione che cura
24 Maggio 2024

L’empatia: la relazione che cura

Il concetto di empatia venne introdotto da  Robert Vischer, filosofo tedesco e professore di storia dell’arte, a fine ‘800, deriva dal termine empátheia, ovvero «sentire dentro» e definisce la capacità di introiezione dell’oggetto artistico da parte dello spettatore

grooming
24 Maggio 2024

Grooming: riconoscere e prevenire l’abuso online

Il grooming è una forma di adescamento online che coinvolge i minori, con l’obiettivo di stabilire una relazione di fiducia per poi sfruttarli sessualmente. In un’era sempre più digitale, è fondamentale che genitori, educatori e…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Workaholic: dipendenti dal lavoro
22 Maggio 2024

Workaholic: dipendenti dal lavoro

Nell’attuale mondo frenetico, la linea tra impegno lavorativo e ossessione può sfumare facilmente. La figura del “workaholic“, o dipendente dal lavoro, emerge come il simbolo di una cultura che celebra l’eccesso come emblema di successo.…

Rissa nella Rems di Subiaco
10 Maggio 2024

Rissa nella Rems di Subiaco. Che fare?

Il 20 aprile si è avuta notizia sul quotidiano Il Tempo di un episodio di violenza di due ospiti della Rems di Subiaco contro un altro paziente. Secondo un sindacalista l’aggressione sarebbe stata determinata da…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd