Vaso di Pandora

Soli… si muore

La notizia dell’omicidio della cinquantacinquesima donna uccisa con rabbia e con violenza assurde passa velocemente su tutti i notiziari e non può che suscitare altrettanta rabbia e angoscia. Uomini apparentemente normali, equilibrati, con un lavoro e una vita sociale improvvisamente si trasformano in assassini spietati. Lei descritta come bella e intraprendente. Lui come il ragazzo innamorato, lasciato, disperato, ma (per chi lo conosceva prima di questa tragedia) “normale”.

Io di “normale” in questi fatti vedo molto poco. Normale è innamorarsi, normale è anche lasciarsi quando l’amore finisce. Normale è che ciascuno, seppur con la propria sofferenza, continui a vivere e a lasciar vivere. Allora non posso che interrogarmi su cosa succeda nella mente di quelle persone che “uccidono per amore”.

Persone si, perché parlare di “uomini fragili” e di ” donne libere” in me risuona una categorizzazione che non sento appartenermi, una differenziazione di genere che, seppur nell’intento di proteggere, richiama nella mia mente inevitabilmente l’etichettare uomini e donne posizionandoli su pIano diversi. Tutti siamo liberi (o almeno dovremmo) tutti siamo fragili.

Pochi (anche se troppi) si spingono oltre il limite delle possibilità, del rispetto risvegliando aspetti che di umano hanno ben poco, ma che ricordano più gli istinti di predomino, possessione che ormai dovrebbero essere superati da tempo. Ma forse è vero, che è difficile per qualcuno accettare che l’altro in una relazione affettiva, possa decidere anche per noi, decidere di lasciare, decidere di vivere altro suscitando il desiderio di riaffermare un ruolo e un potere decisionale, che sembra essere stato portato via, con qualunque mezzo. Allora ecco che gli strumenti che abbiamo, quelli che ci aiutano a fare i conti con gli interrogativi che magari non troveranno risposte soddisfacenti, con i limiti e con le sofferenze, lasciano il posto alla follia intesa come il mondo in cui tutto è possibile.

Il costruire un mondo nel quale tutto parte da se stessi, dalle esigenze personali e dal tentativo di mantenere inalterato uno stato di benessere (apparente e sicuramente non progettuale) porta inevitabilmente a rendere prive di significato le ragioni altrui, seppur viste o sentite, spiegate o raccontate. Ma questo non è vivere. Ancora meno lasciar vivere. In questa condizione nessuno è libero, perche vittima di un amore sbagliato o perché schiavo di sentimenti che non riesce a governare. In questa condizione nessuno detetiene un potere, perché vittima di gesti atroci o vittima delle proprie emozioni ingestite. L’altro sparisce inghiottito in un vortice dal quale è difficile uscire perché troppo spesso difficilmente ci si rende conto di esserne imprigionati o perché anche chiedere aiuto fa paura.

Talvolta si racconta ad amici e famigliari cosa sta accadendo, talvolta normalizzando, perché più facilmente sopportabile. Ma ripeto, di normale non c’è proprio niente. La normalità, a mio avviso, sta nel rispetto dell’altro e la libertà è possibile solo se esiste anche la comprensione e l’accettazione dei limiti.
Troppe sono ad oggi queste tragedie e non posso non interrogarmi su quale possa essere il modo per evitarle, perché appartengono alla storia vicina o lontana ma di tutti noi.

Lavoro ogni giorno a contatto con adolescenti che sperimentano le prime relazioni affettive, il primo innamoramento, le prime gioie ma anche le prime sofferenze e non posso non interrogarmi su quale sia (e quale sarà) il loro modo di affrontarle. Sono spinta a riflettere non solo sulla capacità di “sentirsi” vivi e liberi nonostante le sofferenze ma anche sulla capacità di rispettare l’altro, le scelte dell’altro. Ma anche su come sia possibile proteggere e proteggerci da situazioni che potrebbero potenzialmente essere così pericolose. La prima risorsa a cui penso è il confrontarsi, il raccontarsi sapendo ascoltare e sapendo chiedere e accettare l’aiuto degli altri. Forse questo potrebbe uno strumento. Perché il sentirsi impotenti annienta. E il sentirsi soli nel vivere una relazione pericolosa ancor di più.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
una persona prende molte patatine da un tavolo pieno di cibo
16 Aprile 2024

Abbuffate compulsive: comprendere e gestire il disturbo

Le abbuffate compulsive, anche conosciute come disturbo da alimentazione incontrollata (Binge Eating Disorder, BED), sono un disturbo alimentare caratterizzato da episodi ricorrenti di eccessivo consumo di cibo, in cui si ha la sensazione di perdere…

Amare la solitudine: un uomo solo seduto su una panchina
16 Aprile 2024

Amare la solitudine: elementi da considerare

Si tende a pensare che le persone amanti della solitudine siano timide, riservate o addirittura asociali. In realtà, però, si tratta soltanto di pregiudizi, che spesso hanno poco a che fare con la verità. Imparare…

come calmare l'ansia velocemente
16 Aprile 2024

5 piccoli consigli su come calmare l’ansia velocemente

L’ansia è una condizione comune che può manifestarsi in diverse situazioni, causando sensazioni di paura, preoccupazione e disagio. Quando l’ansia diventa travolgente, può influire negativamente sulla qualità della vita. In questo articolo, vi daremo 5…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
9 Aprile 2024

Suicidi in carcere: riflessioni

Nei primi tre mesi del 2024 sono 28 i suicidi nelle carceri. Un fenomeno complesso dove si intrecciano molteplici fattori: carenze della prevenzione, sovraffollamento, violenze, precarietà, scarse occasioni studio, lavoro e alloggi, povertà, migrazioni, uso…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd