Vaso di Pandora

Se la religione dei corpi riduce l’uomo a merce

Commento all’articolo apparso su La Repubblica il 25 LUGLIO 2016

La religione dei corpi, con la sua conseguente declinazione esclusiva del benessere, descritta nell’articolo è, a mio parere, un chiaro, quasi paradigmatico, prodotto della società post-moderna occidentale.

Il passaggio dalla società tradizionale, quella dell’autorità dell’eterno ieri, a quella moderna, dove era la scienza e l’incondizionata fiducia nel progresso da essa promesso ad imperare, all’attuale, infine, società post-moderna, dove il dispositivo ultimo di legittimazione dei comportamenti è la libertà personale, ha prodotto/determinato il passaggio dal benessere di natura essenzialmente relazionale, di cui ci parlava Aristotele, a quello di natura prettamente individuale/individualistica a cui è approdato l’homo dieteticus.

Il progressivo affermarsi della libertà individuale e del pluralismo culturale ha portato con sé la scomposizione delle forme tipiche del credere tradizionale e, nel contempo, una ricomposizione inedita che legittima la creatività individuale nella costruzione dei propri percorsi di senso.

L’ Homo dieteticus, con la sua religione del corpo e le sue liturgie alimentari, è pertanto, secondo l’autore dell’articolo, una manifestazione (o forse un sintomo?) di quella mercificazione della vita umana che l’utilitarismo estremo, supportato dalla sacralità della libertà personale come unico assioma della società post-moderna, ha prodotto. La persona è stata trasformata in risorsa umana e non ci si è forse accorti di un ribaltamento totale di prospettiva: non è più lo sviluppo a servizio dell’umano ma è l’umano al servizio dello sviluppo e, al contrario di una logica razionale, non si produce più ciò che è necessario per soddisfare i bisogni delle persone ma si “sostengono e sollecitano” i consumi per poter produrre.

L’autore ci spiega come l’homo dieteticus sia in preda a mille insicurezze e ciò perché il dogma della libertà personale, legittimando in ultima istanza i singoli comportamenti, d’altro canto, comporta inevitabilmente la perdita di forza e di significato del legame comunitario/relazionale, l’ emarginazione di quelle dimensioni legate al piacere e alla condivisione: se da un lato questo processo mira a difendere la nostra perfezione estetica, dall’altro può causare un danno alla salute con l’insorgenza di fobie e nuove malattie sociali.

Per concludere, Bauman mette a fuoco il nocciolo della questione qui discussa quando dice che la comunità senza libertà significa schiavitù ma la libertà senza comunità significa pazzia e che la questione da risolvere è come sacrificare quel poco di libertà necessario a rendere il tormento dell’incertezza tollerabile e sopportabile.

Ovviamente, tutto questo, è riferibile esclusivamente alla società occidentale, in altre parti del mondo le questioni qui dibattute si stanno declinando in maniera significativamente diversa… Ma questa è un’altra storia.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
effetto pigmalione
3 Marzo 2024

Effetto Pigmalione: cos’è e come si manifesta?

L’effetto Pigmalione è un fenomeno psicologico per cui le aspettative che una persona nutre nei confronti di un’altra possono influenzare in modo significativo il comportamento e le performance di quest’ultima. Il nome deriva dalla figura…

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
L'effetto dei social media sui giovani
26 Febbraio 2024

L’effetto dei social media sui giovani

Ancora prima di affrontare l’articolo affiora un ricordo: forse tredicenne, torno a casa, un pomeriggio dopo la scuola, e all’ingresso registro qualcosa di diverso. Sul telefono grigio della SIP, sul disco, c’è un lucchetto.

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd