Attualità

“Se il Presidente ha un tratto psicopatico”

Redazione
30 Marzo 2013
1 commento
“Se il Presidente ha un tratto psicopatico”

“Se il Presidente ha un tratto psicopatico” ci presenta un paradosso solo apparente: è ben più di una notazione pittoresca, perchè ci riporta all’eterno  problema dei rapporti fra violenza, potere, norma, Stato, etica.  Dunque i supremi garanti della convivenza civile e della legalità possono essere inclini alla aggressività e alla violenza? Non sono qualcosa di molto diverso da un capo branco?

   Certo lo Stato non può fare a meno della forza, e va già bene quando questa diventa virtuale ed esercitata secondo linee di sufficiente giustizia ed equilibrio. Ciò che è crimine per il privato può divenire prassi  per l’autorità sovrana.

  Nella Bibbia, Jahvè rivendica il proprio diritto – quale incarnazione della norma – ad azioni che ci appaiono proprio criminose, come quelle compiute contro il povero Giobbe; Machiavelli, se in realtà non  proprio  “il fine giustifica i mezzi” ha comunque scritto “l’effetto scusa il fatto”; Hobbes risolveva il problema della guerra “tutti contro tutti” riservando allo Stato Leviatano l’esclusiva della violenza; per Merleau Ponty ogni potere è criminale; Akira Kurosawa in quel grande film che è Kagemusha  faceva dire al protagonista signore della guerra “io sono il più grande criminale”… e fermiamoci qui.

   Nelle rivoluzioni violente, la spinta al cambiamento è ritenuta criminale finchè non diviene norma e riesce a incarnarsi in Diritto, criminalizzando l’avversario. E l’azione politico – militare  certo si differenzia dalla violenza delinquenziale perchè rivolta comunque a finalità collettive e non individuali; ma il confine può divenire labile, come fra gli altri ci ha insegnato Fenoglio – Autore tutt’altro che revisionista – mostrandoci ne “La paga del Sabato” un partigiano che diviene delinquente comune quasi senza transizione. E potremmo continuare….

   Anche vere e proprie patologie individuali possono spianare la strada alla conquista e alla gestione del potere: basta pensare alla paranoia di Stalin e a quella di Hitler che ha compattato dietro di sè una nazione nella guerra interna, prima che esterna, contro il giudaismo.

   Certo, oggi siamo in democrazia, e la divisione dei poteri in legislativo, esecutivo e giudiziario ha limato gli spigoli più evidenti: ma il problema rimane, probabilmente non eliminabile.



Una risposta.

  1. alex ha detto:

    “A ognuno puzza questo barbaro Dominio”, cap. XXVI ed ultimo de “Il Principe”. Machiavelli ha scritto anche questo. Chissà perchè tendiamo a dimenticarcene.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri come vengono trattati i tuoi dati