Vaso di Pandora

Schizofrenia: scienziati USA bloccano sintomo-chiave nei topi

Commento all’articolo del  18 febbraio 2016

Nel numero della rivista Neuron dello scorso 18 febbraio è stato pubblicato un articolo scientifico, a nome di Gogos e collaboratori, del Columbia’s Mortimer B. Zuckerman Mind Brain Behaviour Institute, Columbia University Medical Center (CUMC) e del New York State Psychiatric Institute (NYSPI), che ha avuto grossa risonanza sia nel mondo accademico, sia sulla stampa divulgativa.

Lo studio è di assoluto interesse in quanto riporta, come spiegato più oltre, la possibilità di intervenire sugli effetti di una mutazione genetica, responsabile di alcuni sintomi presenti nella schizofrenia, in un modello animale della malattia. Mentre i ricercatori stessi e i referee hanno espresso giudizi prudenti sia sulla riproducibilità dei risultati nell’uomo, sia sulla portata dell’eventuale ricaduta terapeutica, la stampa divulgativa ha invece subito propagandato l’imminente disponibilità di una nuova cura per la schizofrenia.

Ma andiamo con ordine. Innanzitutto lo studio: Gogos e collaboratori,che da anni hanno dedicato la loro carriera allo studio dei correlati neurobiologici della schizofrenia, sviluppando modelli di ricerca della malattia fra cui quello animale, hanno usato un composto chimico per ripristinare le connessioni neuronali, interrotte a causa di un difetto genetico, in un modello murino di schizofrenia.

In particolare i topi sono portatori della microdelezione 22q11.2, che si verifica nell’1% della popolazione di pazienti affetti da schizofrenia e che provoca una disregolazione nella produzione di Gsk3 beta (glycogen synthase kinase 3 beta, un enzima associato alla fosforilazione e inattivazione di altri enzimi importanti nella sintesi del glicogeno ma coinvolto soprattutto nel metabolismo energetico, nello sviluppo delle cellule neuronali e nella formazione dello schema corporeo), la quale a sua volta blocca la formazione delle corrette connessioni neuronali fra ippocampo e corteccia prefrontale negli stadi di sviluppo, conducendo a deficit cognitivi, soprattutto nell’ambito della memoria (memoria spaziale procedurale) e attività neuronale finalizzata ad un compito.

I ricercatori hanno impiegato un antagonista del Gsk3beta, verificando che in questo modo si ristabilivano una normale crescita neuronale e corrette connessioni, con ripristino delle funzioni mnesiche nel modello murino.

Questa microdelezione è presente nell’1% dei pazienti affetti da schizofrenia. La presenza di questa mutazione genetica aumenta l’incidenza di malattia dall’1/100 della popolazione generale a 1/3.

La scoperta scientifica è sicuramente rilevante, dimostrando non solo il substrato biologico di alcuni sintomi cognitivi presenti nella schizofrenia, che fra l’altro, allo stato attuale, sono quelli meno passibili di intervento terapeutico, ma anche indicando un possibile ed efficace rimedio mirato.

Allo studio hanno partecipato ratti giovani e quindi resta da valutare se la stessa efficacia nell’uso dell’antagonista del Gsk3beta sia riproducibile una volta che le alterate connessioni neuronali siano stabilite da anni: la schizofrenia viene in genere diagnosticata nella prima età adulta e quindi in una fase di minore plasticità.

Ancora prima è tutta da verificare la riproducibilità dell’intervento nell’uomo sotto il profilo di parametri squisitamente farmacologici, quali farmacocinetica, efficacia e tollerabilità. Inoltre è da valutare l’applicabilità e l’efficacia dell’intervento anche a chi non sia portatore della mutazione genetica in questione, dato che appunto solo l’1% della popolazione schizofrenica lo è.

Quindi, per quanto sia evidente che le ricerche stiano rapidamente chiarendo i meccanismi neurobiologici che sottendono la sintomatologia psichiatrica, la disponibilità di nuovi approcci terapeutici è una strada aperta ma ancora lunga da percorrere e saranno sicuramente necessari ancora diversi anni prima di avere interventi sicuri, efficaci e di ampia portata.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
strada di città affollata
23 Maggio 2024

Ansia sociale. 10 tecniche per superarla efficacemente

L’ansia sociale comporta il provare una paura intensa del giudizio altrui, tale da condizionare le interazioni sociali in maniera debilitante: come superarla?Noto anche come fobia sociale, questo disturbo può interferire significativamente con la vita quotidiana,…

Videomodeling per autismo: due adolescenti di fronte a una tv
23 Maggio 2024

Videomodeling per autismo: una tecnica rivoluzionaria

Quella che chiamiamo videomodeling (scritta talvolta anche come video modeling) è una recente tecnica comportamentale. Consiste nel mostrare a un bambino, o a un adolescente, uno o più video di una persona mentre svolge determinate…

DSA e inglese: studenti che entrano a scuola
22 Maggio 2024

DSA e inglese, metodi innovativi per l’apprendimento

Il rapporto tra DSA e inglese è piuttosto delicato. In generale, tutti i nostri studenti fanno una certa fatica ad apprendere l’inglese. Ciò si deve a diverse motivazioni: professori non coinvolgenti, difficoltà fonetica, disinteresse, scarsa…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Workaholic: dipendenti dal lavoro
22 Maggio 2024

Workaholic: dipendenti dal lavoro

Nell’attuale mondo frenetico, la linea tra impegno lavorativo e ossessione può sfumare facilmente. La figura del “workaholic“, o dipendente dal lavoro, emerge come il simbolo di una cultura che celebra l’eccesso come emblema di successo.…

Rissa nella Rems di Subiaco
10 Maggio 2024

Rissa nella Rems di Subiaco. Che fare?

Il 20 aprile si è avuta notizia sul quotidiano Il Tempo di un episodio di violenza di due ospiti della Rems di Subiaco contro un altro paziente. Secondo un sindacalista l’aggressione sarebbe stata determinata da…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd