Vaso di Pandora

Commenti su "Rems tra ipocrisia e amara realtà"

  1. Parole che non possono che essere condivise. Ma nessun percorso può essere buono se vi si inseriscono persone diverse da quelle per cui è pensato.
    La sanità ( pubblica e privata) è chiamata a rispondere sempre più ad un bisogno che di sanitario ha poco o niente, ma che non vedendo altra risposta converge su di essa fungendo da tampone ad una situazione che si sta facendo via via più insostenibile.
    I tamponi come abbiamo imparato in fisiologia si esauriscono se non si argina la causa che li consuma.

    Rispondi
  2. Drammatico divario tra il controllo , l’obbligo intendo del controllo, l’obbligo di relazionare sul comportamento, come a scuola, far promuovere o bocciare, e l’arduo obbiettivo di entrare in un rapporto di fiducia speranza con persone già per storia di difficile comprensione sia di se stessi sia degli altri con eredità culturali diverse, storie di vita poco narrabili.
    Angoscia rabbia stanchezza sfiducia. Comuni a chi opera e a chi è ‘operato’
    Eppure tutto è raccontabile e l’ascolto ti cura …la Rems evidenzia una contraddizione nel compito che si vuol dare agli psichiatri.
    Curare non è garantire la sicurezza la normalità al resto del mondo. Curare è avvicinarsi al limite. Per arrivare ad una comprensione più ampia.
    Senza perdere la ragione! Cioè il compito di alleviare il dolore non affondare nello stesso. Anche se in modi diversi.

    Rispondi
  3. Caro Gianni,
    tu parli di Cura, di Persona, di Progetto, di Comunità , di Atteggiamento Complementare..e ne parli coraggiosamente dal luogo estremo, la REMS.
    La REMS, vero Cuore di Tenebra dove Bene e Male si confondono come in una stella alla deriva in una galassia senza sole.
    REMS, nome ambiguo, dubbio, falso che allude al sogno e non all’incerto, sfuggito dal calamaio di qualche piccolo uomo distratto.
    Luogo impenetrabile e incerto, ma nelle tue parole avverto la necessità del riscatto e il richiamo alla comprensione, al senso, al significato ultimo.
    Vero, dobbiamo sempre parlare anche a chi non ascolta ( il burocrate di turno: ricordi l’Uomo senza Qualità di Musil) e ripetere in modo instancabile quanto riteniamo verosimile.
    Lo dobbiamo alle Persone a noi affidate, lo dobbiamo alla fortuna di fare il lavoro più bello nel mondo (lo diceva il geniale Romolo Rossi),
    Lo dobbiamo perché resistere (anche alla ipocrisia ) è la forza del tuo gruppo di lavoro.
    Li ho visti in azione un tardo pomeriggio invernale nella REMS a PRA’ quando una Persona nello studio medico rivendicava urlando e minacciando il suo diritto al Delirio per 1 ora, con il mio timore di un atto improvviso verso una collega.
    I colleghi erano presenti, attenti, pazienti, calmi, rispettosi e il paziente si è poi allontanato.
    Curare la violenza a volte è meno difficile che curare l’ignoranza e l’ipocrisia.
    A presto
    Λακεδαίμων

    Rispondi
  4. Questo intervento sottolinea una serie di punti fondamentali: fra questi, la necessità di utile inserimento delle REMS nel territorio da servire, nonchè di comunicazione e condivisione fra la struttura abitativa e i Servizi di riferimento. Aggiungerei che questi non raramente si trovano in affanno, anche nel reperire personale quantitativamente e qualitativamente adeguato. Il problema delle REMS è il problema della assistenza psichiatrica.
    In quest’ottica, ritengo poi essenziale che si sfumi la differenza concettuale e gestionale fra gli interventi rivolti all’autore di reato rispetto a chi non lo è. Un elemento favorevole in questo senso è l’esperienza maturata negli anni , nelle Comunità terapeutiche che da tempo ormai usano accogliere ospiti sottoposti a misure di sicurezza alternative a quelli che erano gli OPG.
    Un ostacolo, di carattere apparentemente solo terminologico, è il vetusto concetto di pericolosità. Non che non sia lecito e utile chiedere all’esperto una previsione circa la probabilità c he atti contrari alla legge vengano reiterati; ma il termine “pericoloso” fa riferimento a una presunta qualità intrinseca al paziente, e induce a dimenticare che la probabilità di recidiva riconosce ovviamente una genesi multifattoriale. Per nulla raro, infatti, che al disturbo mentale si aggiunga una serie di elementi – difficoltà economiche, isolamento sociale, difficoltà familiari, differenze culturali ed etniche, condizione di immigrato – che si coagula in un giudizio di “pericolosità”. Puro problema terminologico, si dirà: ma le parole sono pietre, e questo termine contribuisce a far apparire gli autori di reato come una popolazione a sè, quasi, in senso antropologico, nel più vasto ambito dei sofferenti mentali: stigma nello stigma, discriminazione nella discriminazione che può favorire interventi discriminanti.
    Aggiungo che mantiene il suo interesse, la proposta, sostenuta dall’On Corleone, di abolizione del concetto di non imputabilità (fra l’altro debole sul piano teorico): ma qualora essa dovesse concretarsi, la conseguente gestione sarebbe complicata: il “come” garantire al sofferente mentale autore di reato un trattamento individualizzato adeguato alla sua condizione resterebbe un terreno tutto da dissodare.

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
strada di città affollata
23 Maggio 2024

Ansia sociale. 10 tecniche per superarla efficacemente

L’ansia sociale comporta il provare una paura intensa del giudizio altrui, tale da condizionare le interazioni sociali in maniera debilitante: come superarla?Noto anche come fobia sociale, questo disturbo può interferire significativamente con la vita quotidiana,…

Videomodeling per autismo: due adolescenti di fronte a una tv
23 Maggio 2024

Videomodeling per autismo: una tecnica rivoluzionaria

Quella che chiamiamo videomodeling (scritta talvolta anche come video modeling) è una recente tecnica comportamentale. Consiste nel mostrare a un bambino, o a un adolescente, uno o più video di una persona mentre svolge determinate…

DSA e inglese: studenti che entrano a scuola
22 Maggio 2024

DSA e inglese, metodi innovativi per l’apprendimento

Il rapporto tra DSA e inglese è piuttosto delicato. In generale, tutti i nostri studenti fanno una certa fatica ad apprendere l’inglese. Ciò si deve a diverse motivazioni: professori non coinvolgenti, difficoltà fonetica, disinteresse, scarsa…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Workaholic: dipendenti dal lavoro
22 Maggio 2024

Workaholic: dipendenti dal lavoro

Nell’attuale mondo frenetico, la linea tra impegno lavorativo e ossessione può sfumare facilmente. La figura del “workaholic“, o dipendente dal lavoro, emerge come il simbolo di una cultura che celebra l’eccesso come emblema di successo.…

Rissa nella Rems di Subiaco
10 Maggio 2024

Rissa nella Rems di Subiaco. Che fare?

Il 20 aprile si è avuta notizia sul quotidiano Il Tempo di un episodio di violenza di due ospiti della Rems di Subiaco contro un altro paziente. Secondo un sindacalista l’aggressione sarebbe stata determinata da…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd