Vaso di Pandora

Mali dell’attuale assistenza psichiatrica

Leggo l’articolo dell’Espresso sui mali dell’attuale assistenza psichiatrica, e in particolare quella riguardante i pazienti autori di reato.

Certo, non tutte le realtà sono uguali: ne conosciamo non poche in cui il rispetto del paziente è fondamento dell’operare, e dove non si dimentica che fondamentalmente è lui, il nostro datore di lavoro.

Ma non c’è dubbio che il sistema è in affanno: l’articolo ne evidenzia diversi aspetti, dall’impropria lista d’attesa delle REMS alla permanenza in carcere di persone affette anche da gravi patologie e perfino riconosciute non imputabili. Si può addirittura  aggiungere che il perito può sentirsi indotto a non riconoscere la ridotta capacità, per non gravare sul sistema.

Che fare? La classica risposta, che purtroppo comincia a delinearsi – aumentare la disponibilità di posti REMS – è chiaramente impropria: riproduce il vecchio meccanismo che, infine, aveva  condotto a edificare istituzioni monstre. Sappiamo tutti quel che ci vorrebbe: rafforzare soprattutto  qualitativamente i dispositivi di cura, a tutti i livelli residenziali e non, a partire dalla preparazione e motivazione del personale di ogni qualifica, prevenendo la demotivazione, la noia, il pessimismo terapeutico, arginando il crescere del ben noto “manicomio interno”. Inoltre, è importante mantenere un’adeguato rapporto con il territorio di riferimento, il che comporta la necessità di una appropriata distribuzione geografica delle strutture e dei servizi.

Un crescere quantitativo di patologie gravi e gravissime è la via finale comune in cui questi aspetti della risposta tecnico – sociale confluiscono insieme al “naturale” decorso del disturbo.

Senza tornare alla ingenua e ormai usurata riduzione del disturbo mentale a divergenza politica, è indubbia la dimensione politica del problema. Purtroppo, dopo una parentesi non molto lunga, il problema del disturbo mentale grave ha cessato di essere problema di tutti; le istituzioni non si sentono più incalzate dalla pubblica opinione.

E’ un terreno questo che avevamo pazientemente dissodato, soprattutto a partire dagli anni ‘60 – ‘70: è destinato a tornare incolto? E’ per questo che dobbiamo salutare con favore articoli come questo che ripropongono la problematica, che aiutano a non dimenticare, al di là delle possibili superficialità e inesattezze.  Ma qualche articolo di giornale non basta; bisognerebbe riuscire a dare il debito peso ai primi interessati, i pazienti; a dar voce a chi non ne ha. Come?

Condividi

Commenti su "Mali dell’attuale assistenza psichiatrica"

  1. Caro Lino,
    Grazie dei pensieri che hai voluto condividere: certo abbiamo bisogno di persone che si dedichino ad un faticoso e continuo lavoro di inclusione anzichè di separazione ed alienazione.
    Certo dobbiamo riformare e rinforzare i servizi territoriali ed anche quelli residenziali rendendoli permeabili ad un’umanità che è im paurosa decrescita.
    La differenza la fanno le idee e le persone io punto ancora su queste
    Ciao

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
test bipolarità
28 Febbraio 2024

Bipolarità: il test di autoscreening fai da te

La bipolarità, nota in passato come disturbo maniaco-depressivo, è un disturbo dell’umore che causa alterazioni del tono dell’umore, oscillando tra fasi depressive e fasi maniacali o ipomaniacali. Si tratta di una condizione complessa da diagnosticare,…

False credenze sulla psicologia: una ragazza parla con un terapeuta
27 Febbraio 2024

Cinque false credenze sulla psicologia di cui diffidare

Quando si attraversano situazioni di difficoltà o si percepisce forte malessere, è perfettamente naturale avvertire la necessità di richiedere un aiuto specialistico. Talvolta, però, si è restii a farlo, a causa di pregiudizi e falsi…

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
L'effetto dei social media sui giovani
26 Febbraio 2024

L’effetto dei social media sui giovani

Ancora prima di affrontare l’articolo affiora un ricordo: forse tredicenne, torno a casa, un pomeriggio dopo la scuola, e all’ingresso registro qualcosa di diverso. Sul telefono grigio della SIP, sul disco, c’è un lucchetto.

25 Gennaio 2024

Facciamo caso…

In un recente articolo, pubblicato sul Corriere della Sera, una delle scrittrici italiane più vivaci, racconta di avere fatto delle ipotesi a proposito di alcune sue problematiche odierne, quali non riuscire ad abbracciare il marito…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd