Vaso di Pandora

QUANDO TRA LA VITA E LA MORTE CRESCE LA FOLLIA DI CHI SI CREDE DIO

Commento alla notizia apparsa su La Stampa il 1° Aprile 2016

QUANDO TRA LA VITA E LA MORTE CRESCE LA FOLLIA DI CHI SI CREDE DIO

di Piero Gianotti

“Senza relazioni di cura la vita umana cesserebbe di fiorire. Senza relazioni di cura nutrite con attenzione, la vita umana non potrebbe realizzarsi nella sua pienezza. Una cura adeguata richiede un forte senso della giustizia”.

                                                      Ruth E. Gtornhout

 

L’aspetto imprescindibile nella professione infermieristica è il rispondere al bisogno di cura del paziente; la motivazione alla cura, se opportunamente conosciuta ed elaborata dentro di sé, rappresenta la possibilità più importante di dare significato a professioni in cui il “prendesi cura” e dedicarsi quotidianamente all’assistenza della sofferenza e della malattia sono requisiti irrinunciabili.

Scegliere una relazione professionale di cura implica scegliere un rapporto dinamico basato sull’interazione tra due o più persone, delle quali una delle due si trova in una situazione di difficoltà. Non è mai per caso che si valuta l’idea di optare per un lavoro di cura, c’è sempre una motivazione alla base: scegliere di occuparsi della sofferenza altrui ha senz’altro radici profonde che vanno ricercate nella storia personale, nelle vicende familiari, negli incontri importanti e significativi che si fanno. A volte le motivazioni non sono di stampo puramente umanitario, ma possono essere inizialmente razionali o anche casuali, che tuttavia sono destinate a modificarsi in qualcosa di più profondo che trasforma la logicità in un rapporto di tipo affettivo/relazionale.

Inoltre, essere utili agli altri ha anche il suo “tornaconto”, che si viene a creare una situazione di reciprocità. “La posizione di reciprocità vede compresente il proprio e l’altrui bisogno e spiega l’ambivalenza sempre presente in campo relazionale. Infatti, se il riferimento solo a sé è sintomo di posizione egocentrica, l’altruismo “puro” è anch’esso sospetto, perché tende a nascondere l’altra faccia della medaglia: l’individuo è portato ad attribuire ad “alter” bisogni suoi e a non vedere i propri” (Bramanti D.).

Può essere rischioso affrontare un lavoro di cura quando si è particolarmente provati dal punto di vista emotivo e umano, perché si è portati ad orientare l’azione più verso se stessi, e nel tentativo salvifico di aiutare gli altri a risolvere i loro problemi si vuole, in realtà, superare i propri. Il pericolo diventa che la motivazione alla cura venga influenzata da un atteggiamento di “Oblatività coatta” (compulsive careging): prendersi cura intensamente e spesso eccessivamente, del benessere altrui, con le problematiche emotive e di burnout che ciò comporta. L’istanza motivazionale a prendersi cura degli altri nell’ipotesi di Bowlby (1980) è legata ad esperienze infantili di dolore, che vengono affrontate occupandosi del dolore di altri, piuttosto che elaborando la propria sofferenza. Si arriva a nutrire l’altro in modo compulsivo ed ossessivo di attenzioni, non per aiutarlo, ma per possederlo, per controllarlo, nello strenuo tentativo di colmare un vuoto interiore di tipo depressivo e innalzare la propria autostima, dal momento che ogni situazione di fatto si percepisce in una condizione di inferiorità, inferiorità che si ritiene di poter superare soltanto rinunciando al proprio sé per occuparsi dell’altro con il quale ci si identifica (“rinuncia altruistica”).

Il controllo sulla vita e sulla morte sembra essere filo conduttore di chi si trasforma da colui che cura ed assiste, a colui che distrugge, utilizzando gli strumenti di cura come armi letali. Il pensiero sottostante a chi toglie la vita ai pazienti che sta curando, non sembra essere lenire la sofferenza, bensì sentirsi potenti, “giocare a fare Dio”, guidati da un delirio di onnipotenza, spesso accompagnato da abuso di alcool o altre sostanze.

Il passaggio al divenire un “angelo della morte” non è certo così semplice e scontato. La definizione stessa è un ossimoro, come lo è “curare fino ad uccidere”, e porta ad interrogarsi sull’assurdità di gesti così violenti, commessi con così tanta attenzione e amorevolezza. Si parla di persone, infatti, che per anni assistono con dedizione e sacrifici la malattia per curare, fino a decidere di utilizzare i loro mezzi per sentirsi onnipotenti, scegliendo chi far vivere o morire. Come un “giano bifronte”, l’angelo della morte racchiude in sé due volti contrapposti.
Per questo risulta difficile capire, non è opportuno condannare o demonizzare.

Piuttosto occorre domandarci quale percorso affrontare per prevenire questi casi o se più semplicemente, qualunque percorso venga instaurato, se questi casi saranno sempre presenti nel nostro mondo. Certo abbiamo l’obbligo di approfondire, per poter raccontare anche “l’altra storia” che non raggiunge mai le cronache quotidiane, ovvero quello di coloro che assistono i loro pazienti in qualunque condizione, pur di dare delle risposte, silenziosamente e con dignità.

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
uomo si gratta la testa guardando fuori dalla finestra
28 Maggio 2024

Tricotillomania: cos’è e come trattarla

Cos’è la tricotillomania esattamente? In questo articolo andremo a esplorare i sintomi, le cause e le strategie di trattamento di questa condizione poco nota rispetto ad altri disturbi della categoria ossessivo-compulsiva (DOC), cui appartiene anche…

due donne comunicano tra loro gesticolando
28 Maggio 2024

Comunicazione paraverbale: di che si tratta?

Molti di noi non sanno esattamente cosa sia la comunicazione paraverbale o non ne hai mai sentito parlare prima. Eppure, con comunicazione paraverbale si indica un aspetto fondamentale della comunicazione umana. Questa si compone di…

Due esperienze in CT di Roma
28 Maggio 2024

Due nuove esperienze in CT di Roma

Nel corso dell’ultimo anno, mi sono recato in due Comunità Terapeutiche facenti parte del DSM della Asl Roma 1, in qualità di volontario, in base all’esistenza di una Convenzione tra la Asl Roma 1 e…

extrasistole e ansia
28 Maggio 2024

Extrasistole e ansia: come capire il collegamento

Il cuore, motore instancabile del nostro corpo, scandisce il ritmo della vita con una precisione sorprendente. Tuttavia, a volte, questa armonia può essere interrotta da un battito improvviso e inaspettato: l’extrasistole. Questa sensazione, spesso descritta…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Due esperienze in CT di Roma
28 Maggio 2024

Due nuove esperienze in CT di Roma

Nel corso dell’ultimo anno, mi sono recato in due Comunità Terapeutiche facenti parte del DSM della Asl Roma 1, in qualità di volontario, in base all’esistenza di una Convenzione tra la Asl Roma 1 e…

Workaholic: dipendenti dal lavoro
22 Maggio 2024

Workaholic: dipendenti dal lavoro

Nell’attuale mondo frenetico, la linea tra impegno lavorativo e ossessione può sfumare facilmente. La figura del “workaholic“, o dipendente dal lavoro, emerge come il simbolo di una cultura che celebra l’eccesso come emblema di successo.…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd