Vaso di Pandora

Quando il disturbo tossicomanico impedisce la terapia residenziale. Ovvero, lavorare nel paradosso per abitare il limite: una breve riflessione

Il Rododendro di Sampeyre, luogo di villeggiatura per lo sci e per vacanze estive sotto il Monviso, è una R.A.F., Residenza Assistenziale Flessibile. Si occupa di pazienti disabili psico-fisici, uomini e donne.
La struttura è posta nel centro del paese di montagna al confine con la Francia.
Questa disposizione geografica non delimita solamente il nostro perimetro d’intervento, tra Cuneo Saluzzo, Savigliano, Fossano, ma definisce anche una collocazione mentale: quella di un lavoro decentrato e lontano, al limite.

La nostra è una struttura cosiddetta “chiusa” ma paradossalmente “aperta”, vale a dire non rigida ma flessibile, perché nonostante sia effettivamente cintata, accoglie tipologie diverse di utenti, con differenti livelli di emancipazione: dal paziente che si alimenta con pasti tritati, a quello che svolge la borsa lavoro.
Benché sia destinata ad accogliere pazienti oligofrenici o comunque regrediti, buona parte di essi sono psicotici, schizofrenici con ritardo mentale ma produttivi, floridi, anche se alcuni molto deliranti. Vi sono pazienti verso i quali viene offerto un intervento di esclusiva assistenza, ma ve ne sono altri, più evoluti, ai quali viene proposto un programma terapeutico rivolto maggiormente agli aspetti ricreativi e riabilitativi.
Inoltre, da alcuni anni, anche il Rododendro, come tutte le strutture del gruppo, ha risentito del cambiamento generale dell’utenza, che evidenzia un incremento di diagnosi con disturbo di personalità. Alcuni di loro sono soprattutto alcolisti ed ex tossicodipendenti, anche autori di reato, che giungono da noi con un quadro clinico caratterizzato da accentuata regressione e restrizione della libertà personale.
È il caso di Franco che, con diagnosi di disturbo di personalità, lunga carcerazione alle spalle, ex tossicodipendente, permane nella nostra struttura da più di un anno, in regime di libertà vigilata. Anche se spesso è motivo di scissione nel gruppo, al contempo manifesta molta comprensione verso i pazienti più regrediti, il che può esser letto anche come una forma di auto-accudimento.
Paolo è un paziente con problemi di alcolismo e carcerazione alle spalle, con diagnosi di disturbo di personalità non precisato, forse antisociale. Anch’egli però ha manifestato un atteggiamento di grande comprensione verso gli utenti più regrediti.
Un simile, inatteso cambiamento in Enrico, sposato con figli, meccanico di professione, che per qualche mese ha soggiornato nella nostra struttura a motivo di allontanamento dal nucleo familiare e per frequenti stati di abuso alcolico.
Laura, proveniente da un precedente fallito inserimento presso alloggio protetto, inviata da SSM con diagnosi di disturbo borderline di personalità, presentava all’ingresso forti disturbi psicosomatici legati alle difficoltà di ambientamento. Dopo un anno queste manifestazioni si sono ridotte notevolmente, permettendo così una sua maggiore adesione al progetto terapeutico.
In ultimo il caso di Marco, con molti anni passati in carcere, ex alcolista il quale, dopo un periodo iniziale di refrattarietà alle cure e alle regole, si è coinvolto in una relazione di amicizia verso un altro ospite di cui egli stesso ha beneficiato.
Questi esempi paiono dimostrare come paradossalmente anche pazienti al limite, con un’anamnesi psichiatrica grave: psicosi, disturbo di personalità e con un passato di tossicodipendenza o di alcolismo, abbiano potuto beneficiare della permanenza nella nostra RAF.
Nonostante inizialmente alcuni di loro abbiano manifestato anche forti perplessità a essere curati in un posto così decentrato, poi hanno abbandonato atteggiamenti ostativi per intraprendere un percorso di cura quasi insperato.
Una possibile risposta può derivare dal ritenere che talvolta gli esiti terapeutici dei nostri programmi di cura non sempre riflettano le nostre attese.
In questa direzione può essere rintracciato l’effetto paradossale della relazione di accudimento, che nella sua accezione più ampia crea una forma di dipendenza riformulando così l’approccio terapeutico attraverso una relazione che vede il soggetto in questione protagonista attivo dell’intervento.
In questi casi l’accudimento ricevuto e talvolta prestato si potrebbe pensare agisca quale paradossale sana alternativa alla dipendenza alcolica o alla tossicodipendenza.
Pertanto se l’accudimento esprime un determinato tipo di relazione e di forma d’intervento, come ad esempio la terapia assistenziale-residenziale, può offrire nello stesso tempo anche la possibilità di tentare il trattamento di patologie che paradossalmente si pongono al limite di un intervento terapeutico nella RAF.
È interessante ancora rilevare come durante il percorso vi sia stata una grande integrazione tra gli ospiti più regrediti e quelle persone che come detto hanno avuto percorsi di vita completamente differenti.
Questi sperimentali e inattesi percorsi terapeutici hanno fortemente stimolato la riflessione nel gruppo degli operatori, determinando una maggiore consapevolezza dell’importanza dell’intervento prestato, anche in quelli che inizialmente si dimostravano più scettici.
In conclusione, abitare il limite, in questo contesto, significa tentare di interpretare quel paradosso, che talvolta permette di curare anche il disturbo tossicomanico senza che questi impedisca di fatto la terapia residenziale.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
famiglia con bambini passeggia su un molo al tramonto
24 Maggio 2024

Siblings e Autismo: guida per famiglie e fratelli

Ricevere la diagnosi di autismo in un bambino rappresenta un momento delicato e significativo per tutta la famiglia, ed è importante in questa fase guidare alla comprensione e all’accettazione della condizione del bambino i cosiddetti…

donna sta per andare al wc
24 Maggio 2024

Vescica iperattiva psicosomatica: cause e soluzioni

Con vescica iperattiva si indica la condizione per cui si avverte il bisogno urgente e frequente di urinare, spesso accompagnato da incontinenza. Questa condizione non è solo la conseguenza di problematiche e disfunzioni fisiche, ma…

L'empatia: la relazione che cura
24 Maggio 2024

L’empatia: la relazione che cura

Il concetto di empatia venne introdotto da  Robert Vischer, filosofo tedesco e professore di storia dell’arte, a fine ‘800, deriva dal termine empátheia, ovvero «sentire dentro» e definisce la capacità di introiezione dell’oggetto artistico da parte dello spettatore

grooming
24 Maggio 2024

Grooming: riconoscere e prevenire l’abuso online

Il grooming è una forma di adescamento online che coinvolge i minori, con l’obiettivo di stabilire una relazione di fiducia per poi sfruttarli sessualmente. In un’era sempre più digitale, è fondamentale che genitori, educatori e…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Workaholic: dipendenti dal lavoro
22 Maggio 2024

Workaholic: dipendenti dal lavoro

Nell’attuale mondo frenetico, la linea tra impegno lavorativo e ossessione può sfumare facilmente. La figura del “workaholic“, o dipendente dal lavoro, emerge come il simbolo di una cultura che celebra l’eccesso come emblema di successo.…

Rissa nella Rems di Subiaco
10 Maggio 2024

Rissa nella Rems di Subiaco. Che fare?

Il 20 aprile si è avuta notizia sul quotidiano Il Tempo di un episodio di violenza di due ospiti della Rems di Subiaco contro un altro paziente. Secondo un sindacalista l’aggressione sarebbe stata determinata da…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd