Vaso di Pandora

Quali sono le tue passioni?

Nella pratica psichiatrica, declinata nel giro visite, nell’appuntamento al CSM (centro di salute mentale) o nell’attività del proprio studio, uno dei momenti più complessi e delicati è quello di instaurare un dialogo efficace con l’interlocutore, a maggiore ragione se si tratta di una persona sofferente.

La presenza di sintomi depressivi, ansia o semplicemente timidezza, possono ostacolare la comunicazione, rendendo difficile esprimere i propri pensieri e sentimenti. In questi casi, trovare un punto di accesso empatico e umano può aiutare

Andare dallo “strizzacervelli” evoca ancora tensione: “Ora leggerà la mia mente, mi considererà strambo, mi rinchiuderà da qualche parte.”

Per fortuna la situazione è cambiata e di conseguenza la sua percezione, ma non per tutti e dobbiamo trovarci preparati a sbrogliare la matassa.

Come giovane psichiatra, ho scoperto che chiedere ai pazienti delle loro passioni è un metodo efficace per rompere il ghiaccio e facilitare il dialogo.

Di certo non da usare durante una crisi pantoclastica o in pieno scompenso paranoide, ma da tenere nella propria cassetta degli attrezzi comunicativi e utilizzare a ragion veduta.

Il potere delle passioni

Le passioni sono parte integrante della nostra identità, fanno sentire la vita e rappresentano un rifugio emotivo dove troviamo conforto e felicità. Chiedere delle passioni non è solo una strategia per avviare una conversazione, ma anche un modo per conoscere meglio le persone al di là della loro malattia. 

Quando un paziente inizia a parlare di ciò che ama, emerge spesso un cambiamento nel tono della voce e nell’espressione facciale. Si abbozza un sorriso, si accende lo sguardo. La mente, anche se temporaneamente intrappolata nel buio della depressione, riesce a risplendere per un momento, grazie al ricordo di esperienze piacevoli.

Ricordiamoci che per un paziente scompensato, magari psicotico, il terapeuta rappresenta un baluardo di realtà, un salvagente verso il quale cercare di aggrapparsi. 

E come ogni aspetto della complessa salute mentale, anche questo pensiero apparentemente condivisibile nasconde possibile astio: “Come può questo terapeuta ritenersi sano e considerarmi malato! Lo odio, è lui la causa dei miei mali! Senza le sue cure starei benissimo!”

Riuscire a fare comprendere la necessità di cure o semplicemente di sostegno è una parte cardine di questo affascinante ambito e la comunicazione è il nostro secondo fonendoscopio.

Un esempio pratico

Ricordo un paziente, Mario per la privacy, se non sbaglio Rossi,  che durante il primo colloquio era particolarmente chiuso e faticava a rispondere alle domande. Dopo diversi tentativi di dialogo falliti, gli chiesi semplicemente: “Qual è la tua passione?”. 

Mario, inizialmente sorpreso, iniziò a raccontarmi del suo amore per la fotografia. Parlava con entusiasmo dei suoi scatti preferiti, delle tecniche che usava e delle emozioni che cercava di catturare attraverso l’obiettivo. 

Questa conversazione ci permise non solo di instaurare una connessione umana, ma anche di aprire un canale di comunicazione che ci aiutò nei successivi incontri terapeutici.

Benefici terapeutici del parlare delle proprie passioni

Chiedere delle passioni dei pazienti offre diversi benefici:

  • Riduce l’ansia: parlare di qualcosa di positivo e familiare aiuta a staccarsi dal pensiero ansiogeno e rievoca momenti belli della vita.
  • Costruisce fiducia: dimostra interesse genuino per la persona al di là del paziente, non focalizza l’attenzione solo sui sintomi, ma sulle emozioni.
  • Fa scoprire le risorse interne: le passioni possono rivelare risorse interne e strategie di coping che il paziente può utilizzare nel percorso di miglioramento personale o di  guarigione.
  • Migliora la comunicazione: facilita l’apertura, la condivisione e pone l’inizio di una spinta al cambiamento e al superamento degli ostacoli.

Conclusioni

In qualità di terapeuti, siamo chiamati a sviluppare approcci empatici e personalizzati per ogni paziente. Chiedere delle passioni è un modo semplice ma potente per instaurare un rapporto terapeutico significativo. 

Questa strategia non solo facilita il dialogo, ma aiuta anche i pazienti a riconnettersi con aspetti positivi della loro vita, promuovendo un percorso di guarigione più efficace, umanizzato e umanizzante.

Non rappresenta certo una bacchetta magica ma il potere delle passioni non va sottovalutato nel contesto terapeutico. 

E tu che leggi, qual’è la tua passione? Se ti fa piacere, scrivilo nei commenti.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
signora all'aria aperta
12 Luglio 2024

Le origini della psicologia della Gestalt

La psicologia della Gestalt, una scuola di pensiero che ha avuto origine in Germania all’inizio del XX secolo, offre un approccio unico e olistico alla comprensione della mente umana. Questa corrente psicologica si distingue per…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Quali sono le tue passioni?
1 Luglio 2024

Quali sono le tue passioni?

Nella pratica psichiatrica, declinata nel giro visite, nell’appuntamento al CSM (centro di salute mentale) o nell’attività del proprio studio, uno dei momenti più complessi e delicati è quello di instaurare un dialogo efficace con l’interlocutore,…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd