Vaso di Pandora

Perché una psichiatra muore uccisa

La tragedia di Bari e la difficoltà innegabile ad elaborare un lutto che ci accomuna come categoria, spinge alcuni sull’onda della comprensibile emozione a chiedere della azioni correttive, che possono anche diventare, magari opportunamente, punitive.

L’esplosione di violenza da parte di pazienti affetti da malattia mentale è sicuramente uno dei problemi che possono porsi soprattutto per soggetti non curati o che si fanno curare solo saltuariamente; lo è altrettanto ed anche in modo più rilevante, per persone cosiddette normali che compiono atti efferati per sfuggire alle proprie responsabilità (vedi caso della hostess brasiliana uccisa dall’amante) o per depredare o per sadismo ( vedi gli adolescenti che hanno ucciso per gioco).

La psichiatria ha sempre avuto a che fare oltre che con la sofferenza mentale con la marginalità e l’esclusione sociale ed è stata anche da regimi totalitari utilizzata per escludere ed eliminare i dissidenti.

Il modello organizzativo dell’assistenza psichiatrica deve tutelare il paziente dalla prepotenza degli psichiatri, ma gli psichiatri devono opportunamente tutelarsi per non essere oggetto di atti violenti che non hanno nulla a che vedere col rapporto terapeutico e con la terapia.

La voglia di contrapporre alla forza della follia la forza della normalità in uno scontro simmetrico no ha ma sortito effetti benefici né per gli uni né per gli altri.

Non penso sinceramente che ci sia un problema di genere che garantisca il contenimento dell’esplosione violenta, penso che sicuramente ci debba essere un filtro maggiore tra la domanda e la risposta e che alcuni accorgimenti strutturali e procedurali possano meglio garantire il lavoro di ciascuno di no.

Sicuramente la collega oggetto della barbara uccisione era stata lasciata sola e, come ben comprendete, questa solitudine ha concorso nel favorire l’esito tragico.

In un momento in cui prevale il concetto del risparmio a tutti i costi mi sento di poter dire che questo è un costo inaccettabile.

In un paese allo sbando bisogna saper investire  in formazione non fine a se stessa ma centrata sull’individuare e risolvere i problemi che ci si pongono tra cui quello della sicurezza reciproca ma anche quello della tempestività e della appropriatezza delle cure Non è certo con la militarizzazione dei servizi per la salute mentale che risolveremo questi problemi.

Condividi

Commenti su "Perché una psichiatra muore uccisa"

  1. certo, non è con la militarizzazione dei servizi: non è con la guerra che si risponde alla violenza, ma è con la consapevolezza, la conoscenza, la cultura, l’attenzione, la cura di non andare alla deriva della superficialità, dell’improvvisato, della fiducia non controbilanciata da un pensiero critico, reale. Ma anche dalla solitudine che a volte si prova lavorando in psichiatria, dalla scarsa emozione degli altri che guardano con occhio appannato il dramma del malato, del tosicodipendente, del deviante, e se uno se ne prende cura rischia di precipitare in un salvataggio pericoloso per se solo, preso da un desiderio salvifico o da una routine mortifera. Non so come è stata la drammatica vicenda nè penso che lo si possa sapere dalle notizie, quindi la mia è una riflessione libera, lontana dall’accaduto ma rivolta a stimolare la nostra capacità di condividere e di pensare insieme per evitarci ed evitare drammatici errori.

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
famiglia con bambini passeggia su un molo al tramonto
24 Maggio 2024

Siblings e Autismo: guida per famiglie e fratelli

Ricevere la diagnosi di autismo in un bambino rappresenta un momento delicato e significativo per tutta la famiglia, ed è importante in questa fase guidare alla comprensione e all’accettazione della condizione del bambino i cosiddetti…

donna sta per andare al wc
24 Maggio 2024

Vescica iperattiva psicosomatica: cause e soluzioni

Con vescica iperattiva si indica la condizione per cui si avverte il bisogno urgente e frequente di urinare, spesso accompagnato da incontinenza. Questa condizione non è solo la conseguenza di problematiche e disfunzioni fisiche, ma…

L'empatia: la relazione che cura
24 Maggio 2024

L’empatia: la relazione che cura

Il concetto di empatia venne introdotto da  Robert Vischer, filosofo tedesco e professore di storia dell’arte, a fine ‘800, deriva dal termine empátheia, ovvero «sentire dentro» e definisce la capacità di introiezione dell’oggetto artistico da parte dello spettatore

grooming
24 Maggio 2024

Grooming: riconoscere e prevenire l’abuso online

Il grooming è una forma di adescamento online che coinvolge i minori, con l’obiettivo di stabilire una relazione di fiducia per poi sfruttarli sessualmente. In un’era sempre più digitale, è fondamentale che genitori, educatori e…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Workaholic: dipendenti dal lavoro
22 Maggio 2024

Workaholic: dipendenti dal lavoro

Nell’attuale mondo frenetico, la linea tra impegno lavorativo e ossessione può sfumare facilmente. La figura del “workaholic“, o dipendente dal lavoro, emerge come il simbolo di una cultura che celebra l’eccesso come emblema di successo.…

Rissa nella Rems di Subiaco
10 Maggio 2024

Rissa nella Rems di Subiaco. Che fare?

Il 20 aprile si è avuta notizia sul quotidiano Il Tempo di un episodio di violenza di due ospiti della Rems di Subiaco contro un altro paziente. Secondo un sindacalista l’aggressione sarebbe stata determinata da…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd