Vaso di Pandora

Pensieri sparsi sul bello

L’esperienza del bello è fondamentalmente comunicativa: può significare condivisione, o anche accoglienza del possibile creatore nei confronti del fruitore. Lo sapevano i Greci, col concetto di  kalos kagathos. Per Paolo Portoghesi la bellezza salverà il mondo; l’architettura è anche un modo per voler bene alla gente.  E c’è da aggiungere che, a differenza di altre forme di godimento, quello della bellezza è condivisibile, quindi non occorre spartirla: avvicina, non allontana, le persone l’una dall’altra. 

  Portando il discorso nel nostro campo, l’aspetto dell’edificio che accoglie gli utenti “dice”  qualcosa sulla immagine che io ho di essi, ritenuti capaci di fruirne e goderne. Per contro, l’ambiente brutto conferma la visione fondamentalmente tragica che il paziente ha di sé stesso e degli altri.  Ricordo in contrapposizione l’ottica  arcaica che dominava la psichiatria pubblica: un anziano Direttore di manicomio sosteneva che  “per gli schizofrenici tutto è uguale”, e questa argomentazione pseudoscientifica  giustificava ai suoi occhi la bruttezza  degli ambienti spogli e alienanti  che venivano offerti.

 Molto è oggi cambiato: comprendiamo che un bell’ambiente può risvegliare nel paziente la fondamentale capacità di provare piacere. Ciò non significa che il percorso sia lineare ed esente da problemi: può accadere che la doverosa offerta di un ambiente bello e accogliente incontri risposte paradossali, che potrebbero rivelarsi  volte a deteriorare. 

 Un modello utile può essere il concetto meltzeriano di  conflitto estetico: “il sentimento della bellezza contiene nel suo profondo la possibilità della sua stessa distruzione”. Per Donald Meltzer, la bellezza del seno è gratificante ma mai appagante, collegata com’è ad una esperienza di precarietà, di insicurezza, forse collegata anche a sentimenti invidiosi. A dire il vero, già Francesco Petrarca scriveva “cosa bella e mortal passa e non dura”.

Ma tutto ciò  invita al compito di fruire senza distruggere, di riparare, di esplorare per capire cosa è accaduto al bell’oggetto che è scomparso; e, a livello di quotidianità, a impegnarsi in una manutenzione pensata. Ritorna il concetto bioniano: il pensiero nasce e si sviluppa in contesto depressivo.

Condividi

Commenti su "Pensieri sparsi sul bello"

  1. Grazie del tuo scritto!Mi fa venire in mente l’Arca di Noè del racconto biblico : la fine del mondo c’è già stata ,ma è concesso un secondo tempo…ci sono immagini di bellezza straordinaria come la colomba che torna con il ramo di ulivo nel becco . Buona domenica

    Rispondi
  2. ed io penso agli spazi belli delle comunità costruiti insieme agli ospiti, belli per un senso di appartenenza per un significato dato a quello o questo oggetto messo a quel manifesto a quel mobile spostato in quel modo. Penso alla sede dell’associazione così vissuta e calda da essere bella non solo per il bel panorama e il giardino …. e poi penso ad Andrea che ci vive da quando è vedovo e che esprime gratitudine ed anche benessere ma anche malessere “non ho la mia privacy”…… o invece forse vorrei che questo bello fosse solo mio.
    Ed io vivo bella perché l’ho caricata di un significato di una emozione a volte anche una cosa brutta forse…e provo piacere. Così sto attenta quando entro nella casa dell’altro, e vedo cose che mi paiono brutte non sposto non tocco non dico… chiedo magari perché gli piace…
    Bello mah? ma mi fa piacere

    Rispondi
  3. Per accedere al bello ed al piacere bisogna essere educati ad apprezzarlo e avere un imprinting adeguato che non può che derivare da un sereno ed equilibrato sviluppo dell’apparato psichico.
    I nostri pazienti vanno aiutati in tal senso a appropriarsi o riappropriarsi di ciò.
    Il progetto arte che cura che su mia iniziativa il gruppo redancia sta portando avanti si colloca in tale ottica

    Rispondi
  4. non sempre si è raggiunto o è raggiungibile un sereno ed equilibrato sviluppo dell’apparato psichico… certo si lavora in questa direzione . Bello il progetto arte che cura, che in tal senso si muove. .Ma anche capire là dove il brutto piace e capirne i motivi gli attaccamenti il significato mi ha aiutato nel contatto e nella comprensione dell’altro. Emozioni ad un bello diverso, espressioni di tragedia o sofferenza non altrimenti comunicabili.
    Oggi ho spinto a vedere un bel film un appassionato di invece ‘storie maledette’ orripilanti scenari resoconti di delitti… una musica classica accesa sul cellulare ha fermato la violenza di un incontro, ha interrotto un fiume di insulti disperati (beh conoscevo la sua sensibilità alla musica , nel caso Schubert) e il bello ci ha fermato. Ma quando lo posso introdurre se non ho capito anche il senso del brutto che piace copre assorda allontana ?

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
Frasi di psicologi famosi
26 Febbraio 2024

Le 10 frasi più belle di psicologi famosi

L’ambito della psicologia, con le sue profonde intuizioni sul comportamento umano e sulla mente, ha fornito al mondo un’abbondante collezione di pensieri e riflessioni significative. Gli psicologi di fama mondiale, attraverso il loro impegno costante…

L'effetto dei social media sui giovani
26 Febbraio 2024

L’effetto dei social media sui giovani

Ancora prima di affrontare l’articolo affiora un ricordo: forse tredicenne, torno a casa, un pomeriggio dopo la scuola, e all’ingresso registro qualcosa di diverso. Sul telefono grigio della SIP, sul disco, c’è un lucchetto.

Tabellone bianco con frase motivazionale
26 Febbraio 2024

Come diventare coach motivazionale

Il coach motivazionale è una figura che affianca l’individuo per conoscere i meccanismi della sua motivazione e per imparare a riconoscerli, in modo tale da imparare ad ascoltare il corpo e la mente così da…

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
L'effetto dei social media sui giovani
26 Febbraio 2024

L’effetto dei social media sui giovani

Ancora prima di affrontare l’articolo affiora un ricordo: forse tredicenne, torno a casa, un pomeriggio dopo la scuola, e all’ingresso registro qualcosa di diverso. Sul telefono grigio della SIP, sul disco, c’è un lucchetto.

25 Gennaio 2024

Facciamo caso…

In un recente articolo, pubblicato sul Corriere della Sera, una delle scrittrici italiane più vivaci, racconta di avere fatto delle ipotesi a proposito di alcune sue problematiche odierne, quali non riuscire ad abbracciare il marito…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd