Vaso di Pandora

Nuove frontiere per il male oscuro

Commento all’articolo: Scoperte le probabili cause biologiche della depressione, apparso su “La Repubblica” il 4 Aprile 2023

Nell’approcciare l’articolo in esame, mi è subito tornata alla mente l’importanza della sensibilizzazione rispetto la salute mentale ed i vari disturbi ad essa associati.

A questo proposito si può sottolineare come, negli ultimi anni, parrebbe che tal aspetti siano tenuti maggiormente in considerazione dai media di comunicazione di massa: non mancano, infatti, testate giornalistiche cartacee e online interessate a trattare questo tipo di tematiche, così come pagine internet e canali dedicati (spesso gestiti da una rete di professionisti) all’interno dei più noti Social Network.

Si può tuttavia sottolineare come non ci si possa permettere di “abbassare la guardia” in tal senso e di come tale sensibilizzazione rimanga una priorità, anche alla luce dell’aumento di incidenza di alcune tipologie di disturbo, per esempio il disturbo depressivo maggiore, riportato peraltro all’interno dell’articolo stesso.

In quest’ottica, l’articolo in esame non può che essere considerato positivamente. Nello specifico, si sottolinea la particolare utilità della divulgazione circa specifiche tematiche, relative gli ultimi sviluppi della ricerca, riportate attraverso l’utilizzo di un linguaggio accessibile anche al comune cittadino, privo di una specifica formazione in merito.

In questo senso posso ritenermi piacevolmente colpito dal modo in cui sono stati introdotti temi quali l’individuazione del recettore GPR158, la specifica funzione della glicina (a tratti eccitante, a tratti responsabile di segnali di rallentamento a seconda della cellula bersaglio) nonché delle possibili implicazioni terapeutiche utilizzando una terminologia perfettamente comprensibile anche da una popolazione non medica.

Da un punto di vista clinico, i risultati della ricerca paiono promettenti, seppur al momento ancora in fase di sperimentazione animale. Si può sottolineare come possibili sviluppi potrebbero avere particolare rilevanza considerando il (possibile e sempre auspicabile) impatto rispetto l’efficacia, la riduzione di effetti collaterali e la rapidità di azione: tutti aspetti che, come molti colleghi potranno confermare, possono acquisire una grande importanza anche a fini di compliance con il paziente e prevenzione del drop-out della terapia.

Da questo punto di vista non si può che incoraggiare i ricercatori nel proprio lavoro, evidenziando l’importanza di rimanere aggiornati su eventuali nuovi sviluppi.

Condividi

Commenti su "Nuove frontiere per il male oscuro"

  1. Non si può che condividere il favore con cui si considerano i continui progressi delle neuroscienze e in particolare della neurochimica: oltre a promettere nuove frontiere nell’approccio farmacologico, contribuiscono a rendere il “male oscuro” meno oscuro, meno inquietante, un po’ più padroneggiabile.
    Non è però da dimenticare un possibile risvolto negativo, che si possa ripetere quanto accaduto tanti decenni fa, già in era pre-farmacologica: ci si era messi in attesa delle “magnifiche sorti e progressive” della ricerca sulle basi organiche della follia, lasciando in penombra e trascurando le possibili modalità di intervento sociale e relazionale. E’ chiaro che le due dimensioni non vanno contrapposte e messe in concorrenza, ma integrate

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
L'acquisizione di maturità
23 Luglio 2024

L’acquisizione di maturità

Ogni anno, a giugno, il tema degli esami di maturità torna sui giornali con le  previsioni e i commenti sugli argomenti dei temi, con le interviste agli esperti che suggeriscono le strategie di studio e…

Scala Griffiths cosa è
23 Luglio 2024

Scala Griffiths: valutazione dello sviluppo infantile

La scala Griffiths è uno strumento fondamentale per la valutazione dello sviluppo infantile, utilizzata da decenni in ambito pediatrico e psicologico. Sviluppata negli anni ’50 da Ruth Griffiths, questa scala rappresenta un punto di riferimento…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Patologia
Leggi tutti gli articoli
Sindrome da stanchezza cronica
11 Luglio 2024

Sindrome da stanchezza cronica

Tra i vincitori del Sundance Film Festival 2017 troviamo “Unrest”, che ha vinto un premio speciale della giuria. Il montaggio del documentario è stato curato da un bravo  autore italiano, Emiliano Battista di Isernia e…

Effetto placebo: il segreto si nasconde tra i neuroni
27 Giugno 2024

Effetto placebo: il segreto si nasconde tra i neuroni

Nella medicina moderna, il termine effetto placebo viene usato per indicare qualsiasi sostanza o terapia medica che può produrre un certo effetto terapeutico che non dipende dalla sua attività biologica. Cos’è l’effetto placebo L’effetto placebo…

Narcisi e narcisismo
25 Giugno 2024

50 sfumature di Ego: Narcisi e narcisismo

Il nostro Io trova sempre occasione per emergere. Nel modo di comunicare, per come ci presentiamo all’altro, addirittura nell’interesse verso l’altro e persino nella cura del prossimo siamo a contatto ravvicinato con il nostro Ego.…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.