Vaso di Pandora

Non ci resta che credere

Non amo le cerimonie e tantomeno i funerali.

Purtroppo è deceduto prematuramente dopo una impari lotta contro il cancro un caro e Valente collaboratore del nostro gruppo, nonchè fratello di un caro amico di gioventù.
Sono stato quindi al funerale, molto partecipato affettuosamente, come Giorgio meritava e si attendeva.

Riflettendo sulla natura effimera di ciascuno di noi e di conseguenza sul senso della vita e sul mistero dell’esistenza mi sono incontrato con l’Impensabile mentre ascoltavo alcuni commenti dei presenti che oscillavano tra la convinzione che non ci fosse altro oltre la vita terrena e la fede nella resurrezione come il celebrante esponente della chiesa cattolica sosteneva.
Nel mentre ero tempestato dalle notizie sull’Afganistan e sul ritorno dei talebani che mi facevano riflettere sulle contraddizioni della natura umana e sulla distruttività della nostra specie.
Alla fine di queste frammentarie e brevi riflessioni, mentre il feretro usciva dalla chiesa, mi è venuto in mente la necessità per sopravvivere di credere e sperare.
Ciascuno scelga (liberamente) l’oggetto di queste funzioni…

Argomenti in questo articolo
Condividi

Commenti su "Non ci resta che credere"

  1. Mi pare che la chiave del discorso sta nella parola “impensabile” che tu molto opportunamente impieghi. Tanti credono a una vita dopo la morte perchè è impensabile non esserci, anzi non essere. Come faccio a dire “io non sono?”. E’ un discorso impossibile. Molto più accettabile dire “io sono da qualche altra parte”

    Rispondi
  2. Caro Gianni ricorderemo tutti Giorgio per il suo impegno la sua dedizione la sua energia sia nelle cose positive che nella lotta contro la malattia.
    Mi dispiace molto di non essere stata presente ma il mio cuore era con voi e con lui e spero continueremo a pensarlo tutti noi che lo abbiamo conosciuto e voluto bene.

    Rispondi
  3. Nonostante tutto ,l’esistenza deitalebani i potenti che ci raccontano impossibili verità, in realtà sciocchezze e grandi umane miserie, noi possiamo credere nell’umanita dolente
    Penso che il pessimismo sull’uomo , mai come in questi gg ,sembrerebbe ben inevitabile
    Ma poi c’il dolore per il bravo collega mancato, c’è il dolore per la morte di Gino Strada e ci sono tante persone che combattano, lavorano per un mondo migliore…ci sono le donne ed i giovani scesi in piazza a Kabul rischiando e morendo ,
    da sempre L’ uomo combatte contro la sua disumanità! Forse qui c’è una specie di immortalità in cui credere
    Anche se a piccolissimi passi il mondo è migliorato e
    migliorerà ( voglio ricordare il bellissimo libro Speranze del filosofo Paolo Rossi)er tutti quelli che credono ed operano perché migliori un po’ .
    Gianni , in questa possibilità noi crediamo
    Pur sapendo che Eros e Thanatos operano sempre insieme, nel mondo ed in noi
    Ma il dolore per il collega morto ci avvicinano e ci fanno sentire L importanza di salvare il nostro essere umani

    Rispondi
  4. Caro Gio’
    Siamo qui che ti facciamo festa,come tu volevi
    Non volevi un funerale ma un matrimonio
    Abbiamo lasciato gli abiti consueti e ci raccogliamo insieme alla tua famiglia per te
    Per te che ci hai rallegrato e fatto ridere tante volte,che sei stato capace di sdrammatizzare in momenti critici,che hai amato la vita sopra ogni cosa
    Oggi è la tua festa,so che ridi guardandoci e sicuramente ci fai qualche appunto sullo stile.
    Onore a te ed alla tua forza
    Onore a chi ha provato in tutti i modi a sconfiggere il destino che beffardamente ti ha scelto
    Ora vai e tieni allegro il tuo nuovo gruppo di lavoro.

    Questo era ciò che volevamo dirti ma non ne abbiamo avuto il tempo
    Te lo abbiamo lasciato scritto sul tuo cuscino,bianco di fiori come tu lo volevi.
    Grazie per averci regalato anni di lavoro allegro di combriccola scanzonata ma moralmente ineccepibile.
    Eri dedicato ai pazienti,che volevi ben vestiti,ben sbarbati e pettinati anche se non avevano impegni esterni
    Tu hai incarnato il rispetto,elemento fondamentale del nostro modello di lavoro.
    E poi,sei stato un collega amico confidente esigente e comprensivo,presente e severo nel sottolineare i nostri difetti.
    Lo skipper parla ancora di te
    Quei tromp d’oeil credo nessuno li toglierà dalle scale della Caup.
    Ci stanno proprio bene

    Rispondi
  5. Sollievo…pensavo a lui stasera e la parola che mi è venuta subito in mente è stata questa. Secondo me tra le altre già usate anche questa gli si addice. Il sorriso di Giorgio era sollievo per me, tirocinante infermiera immersa in un reparto in cui sofferenza e dolore erano una costante sui volti dei pazienti. Un sorriso fortemente in contrasto con l’avanzare della malattia che lo torturava, ma che ha regalato lo stesso a chi lo accudiva, fino a quando ha potuto e oltre. Sollievo è la sensazione che trasmetteva il suo viso anche oltre la vita. Sollievo è la sensazione che provo ogni volta che fa e farà capolino tra i miei pensieri. Un abbraccio lassù ❤️

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
Animal hoarding: una cucciolata di gattini
12 Aprile 2024

Animal hoarding: cos’è la sindrome di Noè?

L’espressiona animal hoarding si può tradurre in italiano con accumulo di animali. Il fenomeno non è molto noto nel nostro Paese, ma ciò non significa che non ci riguardi. Non è conosciuto non perché non…

Frasi del cappellaio matto: Alice con un coniglio in braccio
12 Aprile 2024

Le più iconiche frasi del Cappellaio Matto

Il Cappellaio Matto, senza ombra di dubbio, è uno dei più amati personaggi all’interno del coloratissimo mondo di Alice nel paese delle Meraviglie. Nonostante sia passato oltre un secolo dalla prima pubblicazione dell’opera di Lewis…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
9 Aprile 2024

Suicidi in carcere: riflessioni

Nei primi tre mesi del 2024 sono 28 i suicidi nelle carceri. Un fenomeno complesso dove si intrecciano molteplici fattori: carenze della prevenzione, sovraffollamento, violenze, precarietà, scarse occasioni studio, lavoro e alloggi, povertà, migrazioni, uso…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd