Vaso di Pandora

Miriam e Gaetano: viaggio attraverso la Psicosi

Miriam è una persona che ha affrontato e superato un’esperienza di psicosi negli anni ’70. Nonostante la sua identità specifica rimanga sconosciuta, sappiamo che la sua malattia è durata undici anni e ha avuto un impatto profondo sulla sua vita. Gaetano Benedetti è stato lo psicoanalista che ha accompagnato Miriam durante gli ultimi sei anni del suo viaggio attraverso la psicosi.

Miriam ha iniziato a dipingere poco dopo l’inizio della psicoterapia, circa cinque anni dopo l’insorgenza della psicosi. La sua produzione artistica si è conclusa contemporaneamente alla fine della terapia e alla sua guarigione. Tutti i suoi lavori sono stati realizzati durante i sei anni di psicoterapia.

I quadri prodotti da Miriam lungo il suo percorso di trasformazione rivestono un’importanza storica fondamentale nella psicoterapia delle psicosi, e costituiscono il primo esempio di ciò che Gaetano Benedetti, uno dei pionieri della psicoterapia delle psicosi, ha definito “psicoterapia dell’espressione psicotica”.

Dalla Psicopatologia dell’Espressione Figurativa psicotica alla Psicoterapia dell’Espressione terapeutica

Fino agli anni ’70, le opere d’arte realizzate da persone affette da gravi disturbi mentali, come la psicosi, venivano analizzate al fine di svelare e mettere in luce gli aspetti psicopatologici o i conflitti psicodinamici presenti in esse, ma non immediatamente evidenti.

Questo approccio, noto come psicopatologia dell’espressione figurativa, si concentrava sulla decodifica degli elementi psicopatologici o psicodinamici presenti nei quadri, e veniva condotto dall’esterno da psichiatri o psicoanalisti. Benedetti, negli anni ’70, introdusse, invece, una prospettiva fenomenologica ed esistenziale, immergendosi all’interno delle opere e considerandole come creazioni dotate di una vita psichica indipendente dall’artista-paziente che le aveva prodotte.

In questa nuova luce, le opere di Miriam rivelano una propria dimensione di esistenza intersoggettiva, che riflette la relazione duale tra paziente e terapeuta. Tale relazione è immaginata come dotata di una vita psichica autonoma rispetto alla paziente e al terapeuta stessi.

Questo cambiamento di prospettiva segnò il passaggio dalla psicopatologia dell’espressione figurativa alla psicoterapia dell’espressione terapeutica. Non si trattava più solo di interpretare e analizzare le opere d’arte dappl di fuori, ma di immergersi in esse, entrando in contatto con la vita psichica che vi era racchiusa e aprendo così nuove possibilità di comprensione e trasformazione.

L’arte della relazione terapeutica

I quadri realizzati da Miriam rappresentano un’importante testimonianza della vitalità della relazione terapeutica tra Miriam e Gaetano. Ogni colore riflette le emozioni condivise nel loro profondo incontro, espressione dell’amore terapeutico che ha rigenerato una nuova possibilità di essere di Miriam trascendendo la sua intensa sofferenza psicotica.

In questo articolo, mi concentrerò sul primo di una serie di 15 opere che testimoniano sia le capacità artistiche della paziente, sia la forza della relazione terapeutica in grado di trasformare il dolore mentale condividendolo nello spazio intersoggettivo analitico.

 Il dipinto è diviso in tre sezioni, ognuna delle quali rappresenta una fase importante del viaggio di Miriam e Gaetano attraverso la psicosi.

 Prima sezione: un eccessivo adattamento sociale

 Nella prima sezione del quadro, le formule chimiche che riempiono lo sfondo richiamano la professione di Miriam. La dimensione è pervasa da tonalità grigie, che suggeriscono una perdita delle sfumature colorate, vitali della sua esistenza. Miriam nella fase pre-psicotica riesce a funzionare, è laureata, ha un lavoro ma il suo adattamento alla realtà sociale è eccessivo, la sua vita è totalmente plasmata sul rispondere alle esigenze della realtà esterna. Questo la porta a sacrificare parti essenziali della sua vita interiore, con una intollerabile perdita del contatto del suo “Vero Sé” come direbbe Winnicott.

 Seconda Sezione: l’ingresso nella psicosi

 Nella seconda parte del quadro, un’immagine emblematica rappresenta l’esplosione della malattia. Una figura femminile, armata di un martello, frantuma la testa di Miriam, simboleggiando l’irruzione della psicosi nella sua vita. La percezione del mondo esterno si trasforma radicalmente e distorce il rapporto della paziente con la realtà esterna che diventa persecutoria.

Terza Sezione: guarigione e rinascita

Nella terza e ultima parte del dipinto, Miriam rappresenta l’uscita dalla dolorosa esperienza psicotica. La paziente si auto-raffigura  tenuta per mano all’interno di una coppia che la protegge. L’immagine simboleggia il sostegno e l’amore materno e paterno del terapeuta che l’ha accompagnata lungo il suo percorso di guarigione.

L’Arte come Strumento di Espressione e Guarigione

 I dipinti di Miriam evidenziano il ruolo dell’espressione artistica nel processo psicoanalitico. Attraverso la creazione delle sue opere, che illustrerò brevemente in una serie di prossimi articoli, Miriam ha trovato un modo originale di dare forma e significato alla sua esperienza psicoterapeutica, affrontando la sfida della psicosi e trasformando il proprio dolore psichico in un percorso di guarigione.

Condividi

Commenti su "Miriam e Gaetano: viaggio attraverso la Psicosi"

  1. L’irruzione della psicosi trova nei quadri di Miriam una sua espressione, ma ciò che stupisce dal punto di vista intersoggettivo è che, attraverso la relazione e la possibilità di esprimersi in un’ambiente nel quale non è più la paziente ad iperadattarsi all’ambiente esterno, ma lo stesso ambiente di Holding in termini Winnicottiani, che si adatta alle esigenze e bisogni di Miriam. Questo permette l’uscita dalla frammentazione psicotica abbracciando la nascita del vero sé all’interno del contenimento dato da Benedetti. È affascinante comprendere quanto questo permetta alla paziente di esistere da un punto di vista psichico e quanto questa nascita si esplichi e prenda espressione all’interno del disegno speculare progressivo. Il percorso di costruzione esistenziale di Miriam, che parte dall’inferno delle psicosi raggiunge, grazie alla cura del campo analitico e dei suoi personaggi, ciò che potremmo denominare come paradiso psichico, un mondo non più frammentato e persecutorio. Ringrazio il prof. Maurizio Peciccia per aver condiviso tale nascita esistenziale.

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
una persona prende molte patatine da un tavolo pieno di cibo
16 Aprile 2024

Abbuffate compulsive: comprendere e gestire il disturbo

Le abbuffate compulsive, anche conosciute come disturbo da alimentazione incontrollata (Binge Eating Disorder, BED), sono un disturbo alimentare caratterizzato da episodi ricorrenti di eccessivo consumo di cibo, in cui si ha la sensazione di perdere…

Amare la solitudine: un uomo solo seduto su una panchina
16 Aprile 2024

Amare la solitudine: elementi da considerare

Si tende a pensare che le persone amanti della solitudine siano timide, riservate o addirittura asociali. In realtà, però, si tratta soltanto di pregiudizi, che spesso hanno poco a che fare con la verità. Imparare…

come calmare l'ansia velocemente
16 Aprile 2024

5 piccoli consigli su come calmare l’ansia velocemente

L’ansia è una condizione comune che può manifestarsi in diverse situazioni, causando sensazioni di paura, preoccupazione e disagio. Quando l’ansia diventa travolgente, può influire negativamente sulla qualità della vita. In questo articolo, vi daremo 5…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
9 Aprile 2024

Suicidi in carcere: riflessioni

Nei primi tre mesi del 2024 sono 28 i suicidi nelle carceri. Un fenomeno complesso dove si intrecciano molteplici fattori: carenze della prevenzione, sovraffollamento, violenze, precarietà, scarse occasioni studio, lavoro e alloggi, povertà, migrazioni, uso…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd