Vaso di Pandora

Memorie di un allievo

Ho conosciuto Fausto Petrella nei primi giorni di settembre del 1975 quando iniziai la frequenza della scuola di specializzazione. Avevo 25 anni, lui ne aveva 37.

Mi piace ricordarlo come il grande solista di una straordinaria orchestra diretta da Dario De Martis con primi violini Ambrosi, Barale, Bezoari, Caverzasi, Ucelli, Vender, Weiss. Dialogava con l’orchestra con virtuosismo, originalità, arguzia.Mi piace ricordarlo come il grande solista di una straordinaria orchestra diretta da Dario De Martis con primi violini Ambrosi, Barale, Bezoari, Caverzasi, Ucelli, Vender, Weiss. Dialogava con l’orchestra con virtuosismo, originalità, arguzia.
Noi coristi di ultima fila, specializzandi del primo anno, venivamo coinvolti attivamente nell’attività clinica, nella formazione e nella preparazione di eventi speciali. Ricordo la stesura dei casi clinici per “Il paese degli specchi” e la preparazione del congresso “Istituzione, famiglia, equipe curante”.
Nella discussione dei casi, che erano pazienti del manicomio tra cui gravi oligofrenici e alcolisti dementi, Petrella annodava le nostre osservazioni per costruire storie verosimili con un linguaggio ricco di sfumature e allusioni, quasi sempre privo di termini tecnici, riuscendo a trasformare la mortificazione della cronicità in dazione di senso ai più piccoli segnali provenienti dal mondo interno.
Questa resta per me la sua lezione fondamentale, quella in cui è stato insuperabile, all’interno dell’ alto profilo etico, culturale e tecnico della grande orchestra. In quegli anni i suoi articoli e le sue relazioni congressuali furono una miniera di suggestioni, spunti, intuizioni originali.
Cito solo, come esempio paradigmatico, il lavoro sul racconto di Kafka “OdradeK”. Ci fece conoscere autori in cui difficilmente ci saremmo imbattuti da soli come il semiologo estone (allora sovietico) Jurij Lotman. Anche negli spazi interstiziali, come il pranzo al “Tram” di Voghera, potevamo ascoltare le sue impressioni e quelle di De Martis sugli ultimi film di Bertolucci o Polanski e anche quelle erano straordinarie lezioni. Furono anni travolgenti e stimolanti, tanto che, alla fine della specializzazione, mi iscrissi a Filosofia per poter parzialmente colmare le mie lacune in materie che avevo compreso fondamentali per lo psichiatra: antropologia, etnologia, linguistica, semiotica.
Dopo, tra il 1979 e il 1989 vennero i dieci anni delle supervisioni di gruppo del mercoledì sera, prima a Milano, nella sede degli “Argonauti”, poi a casa sua a Pavia. Tanti ricordi, alcuni ancora vivissimi. Una volta, prima di iniziare, gli raccontai di un Mefistofile rappresentato a Genova con la regia di Ken Russel in cui c’era un’astronave il cui combustibile erano delle suore. Lui si divertì moltissimo, conosceva bene l’opera e mi diede qualche chiave di lettura. Ricordo la supervisione di quella sera come una delle sue migliori, era in gran forma e ci guidò nelle pieghe della paranoia partendo da un’assemblea di condominio e arrivando a Massa e potere di Canetti. Nonostante la fatica del viaggio e le partite della Sampdoria perse nelle coppe europee, avrei continuato ancora quella straordinaria esperienza ma vinsi il concorso a Imperia e mi fu impossibile.

Da allora ho visto Fausto più raramente ma con una certa continuità.
Venne diverse volte a Genova, e, in una di queste, nella biblioteca di Quarto, ci disse che era morto Giorgio Weiss, il mio capo reparto in Clinica a Voghera.
Lo incontrai alla Scala nel 2002 a una rappresentazione di Moise et Pharaon di Rossini. Gli chiesi “cosa dici?” mi rispose “una grandissima goduria”, poi anche quella volta fece alcune delle sue osservazioni originali. In effetti, ripensandoci, tutte le volte che ho avuto l’occasione di chiacchierare  con lui negli ultimi anni, abbiamo parlato di musica e di opere.

L’ultima volta che l’ho visto è stato a Milano alla presentazione del suo ultimo libro.
Non lo vedevo da tempo, c’era anche Vanna sua moglie. Alla fine ebbi la possibilità di parlare un po’ con lui. Ricordammo i vecchi tempi, gli feci i complimenti per il libro che era appena uscito e non avevo letto, lui mi parlò del capitolo sul Flauto magico, io gli raccontai del Parsifal visto l’estate prima e gli dissi che la settimana successiva avrei visto Chovanscina. Lui mi disse “preparati bene!”. Io conclusi “magari vengo a trovarti a Pavia per parlare un po’ di Wagner”. Lo avevamo già detto altre volte ma non l’ho fatto e ora non posso più farlo.

Martedì sera, come quando sono morti mia suocera, mia madre e mio padre ho ascoltato il Requiem di Fauré.
Prendetevi un po’ di tempo e ascoltatelo anche voi. Vi consolerà della perdita di Fausto Petrella e di tutti quelli che stanno morendo in questo terribile momento.

Condividi

Commenti su "Memorie di un allievo"

  1. Bravo Lino! Formidabili davvero quegli anni. Siamo stati fortunati. Aggiungo un episodio che ricordo di Fausto avvenuto nel Settembre 2016 nella giornata dedicata a D. De Martis. Te la riassunsi in una lettera perchè tu non potevi esserci:
    …Tocca a Petrella che ricorda i primissimi anni con De Martis il loro fraterno sodalizio ma anche i tentativi di individuarsi di ognuno; per lui un po’ padre un po’ fratello maggiore…si commuove e se ne dispiace quando difende con orgoglio la storia della psichiatria di quegli anni alla vista di quella odierna ….ne ha da dire, ne ha ancora tante da dire …
    Fu una difesa orgogliosa ed anche un po’ rabbiosa la sua da ricordare !!

    Rispondi
  2. Grazie Lino per il consiglio di ascolto e per la condivisione dei tuoi ricordi! Siamo stati fortunati a conoscerlo e avere in quegli anni un’esperienza straordinaria di autenticità e intelligenza da raccontare …

    Rispondi
  3. Io ho a Casa Sanremo un caso con decorso strano due tamponi negativi il 27 marzo con un quadro toracico da covid19 ma i sierologici negativi e PCR alta. Sentita la radiologia e primario Malattie Infettive preoccupati, ho ottenuto di fare il Tampone a tutti gli ospiti a breve.
    Ora pz in isolamento e attendiamo per gli ospiti i tamponi e per noi operatori i sierologici. Grazie al dr. Dario Nicora per la sua disponibilità e preziosa consulenza che mi ha molto tranquillizzato.

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
Animal hoarding: una cucciolata di gattini
12 Aprile 2024

Animal hoarding: cos’è la sindrome di Noè?

L’espressiona animal hoarding si può tradurre in italiano con accumulo di animali. Il fenomeno non è molto noto nel nostro Paese, ma ciò non significa che non ci riguardi. Non è conosciuto non perché non…

Frasi del cappellaio matto: Alice con un coniglio in braccio
12 Aprile 2024

Le più iconiche frasi del Cappellaio Matto

Il Cappellaio Matto, senza ombra di dubbio, è uno dei più amati personaggi all’interno del coloratissimo mondo di Alice nel paese delle Meraviglie. Nonostante sia passato oltre un secolo dalla prima pubblicazione dell’opera di Lewis…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
9 Aprile 2024

Suicidi in carcere: riflessioni

Nei primi tre mesi del 2024 sono 28 i suicidi nelle carceri. Un fenomeno complesso dove si intrecciano molteplici fattori: carenze della prevenzione, sovraffollamento, violenze, precarietà, scarse occasioni studio, lavoro e alloggi, povertà, migrazioni, uso…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd