Vaso di Pandora

Medici o psicologi?

L’allarme sulla carenza dei medici è cosa nota a tutti.

Il boom di iscrizioni alle facoltà di psicologia, gran parte delle quali non pongono il limite del numero chiuso, forse fa meno notizia.

Il pensiero più comune è che le politiche sanitarie degli ultimi lustri non sono state previdenti e ci ritroviamo con una carenza importante di medici specialisti e con un numero esorbitante di iscritti a psicologia che si troveranno tra qualche anno senza lavoro.

Invece che sostenere ciò che “dicon tutti”, propongo una riflessione per cercare di comprendere  il senso di quello che appare un atto mancato (nel senso psicoanalitico del termine) politico. Che significato può avere in sostanza questa omissione dell’inconscio politico?

Quando parlo di inconscio politico mi riferisco ad un gruppo (appunto quello politico), rappresentante (anche se non sempre legittimato da elezioni) del gruppo più ampio della cittadinanza italiana. Così come nei gruppi terapeutici si parla di un inconscio gruppale, specifico di quel gruppo, allo stesso modo ritengo che anche il gruppo politico abbia un suo inconscio che si esprime, come nell’inconscio individuale o gruppale, attraverso lapsus, atti mancati, motti di spirito, agiti o sintomi. Ma da un punto di vista psicoanalitico sappiamo che l’inconscio ha le sue ragioni, anche se il suo modo di esprimerle non è sempre comodo o funzionale, così come avviene per le gaffe o per i sintomi (Waizsaecker, come riportato in storie di vita e storie di malattia del 1989, scriveva a tal proposito “Si, ma non così”).

Quali professionisti della salute scegliere dunque per la prevenzione, la diagnosi, la cura e la riabilitazione dei cittadini?

Potremmo interpretare questo sbilanciamento a favore dei sanitari “psi” come il bisogno di rinforzare la dimensione psicosociale del sistema biomedico?

A quanti problemi della medicina la psicologia potrebbe offrire un contributo importante e a volte decisivo?

La lista sarebbe molto lunga…

Mi piacerebbe che fossero i lettori a redigere l’elenco.

Propongo intanto un primo punto, la comunicazione medico-paziente che condiziona già da sola numerose questioni psicosociali: dal consenso o dissenso informato, alla medicina difensiva (con pesanti ripercussioni economiche per il sistema sanitario); dalla compliance ai trattamenti, all’effetto nocebo; dal rispetto della privacy, all’alleanza terapeutica. Balint () che parlava di “medico come medicina” sembrava avesse intuito oltre 70 anni fa ciò che le ricerche rilevano oggi: una relazione terapeutica che pone attenzione ai vissuti del paziente può condizionare l’espressione dei suoi geni (2019).

Note Bibliografiche
1

Antoni MH, Dhabhar FS, The impact of psychosocial stress and stress management on immune responses in patients with cancer, Cancer, 2019 May 1;125(9):1417-31.

2

Balint M. (1956), Medico, paziente e malattia, Feltrinelli, Milano, 1961.

3

Weizsacker V.V., Storie fu vita, storie di malattia (opera pubblicata postuma), Quaderni di psicoterapia infantile., vol 19, Borla, Roma, 1989.

Condividi

Commenti su "Medici o psicologi?"

  1. Ritengo che sia giunto il momento che l’ordine degli psicologi si ponga con forza nei confronti dei medici specialisti in psichiatria , rivendicando la competenza nell’ambito di quell’area comunemente definita PSICHIATRIA

    Rispondi
  2. Quando mi sono laureata in psicologia erano gli anni 80 e la nostra professione iniziava a farsi spazio nel mondo del lavoro.
    A Padova pochissimi sceglievano il ramo della clinica.Allora la ricerca di stampo cognitivista era enfatizzata ,volta soprattutto all’impiego del professionista in ambiti legati al sociale.
    Attualmente quasi tutti i giovani psicologi che incontro vogliono lavorare nella clinica,in particolar modo in psichiatria o in criminologia.
    Molte offerte,troppe forse.
    Ho assistito comunque ad un cambiamento nel riconoscimento della nostra professione sia in ambito scolastico,che preventivo ,sia nel mondo della psichiatria stesso,fino a qualche decennio fa luogo indiscusso del dominio dello psichiatra.
    La mia considerazione non riguarda però questo ma la mancanza di programmazione dei corsi di laurea delle varie professionalità legate alla cura.
    Mancano drammaticamente infermieri oltre che psichiatri adesso , a fronte di un esubero imbarazzante della figura dell’oss,senza dubbio utile ma non funzionante senza l’infermiere al quale in teoria dovrebbe essere affiancata.
    Gli psichiatri giovani sono pochi e come gli infermieri praticamente tutti assorbiti dalle strutture pubbliche in estrema sofferenza.
    Non comprendo la scelta delle scuole ,non comprendo il motivo per cui i ragazzi non possano venire indirizzati ,seppur rispettando le loro inclinazioni ,verso quelle professioni che garantiscano loro realizzazione e lavoro ed al cittadino i necessari strumenti umani di cura.
    Non si può fornire un buon servizio medico specialistico se mancano le professionalità deputate a fornirlo .

    Rispondi
  3. Necessità di educatori e di tecnici della riabilitazione per coadiuvare psicologi, psichiatri, infermieri (per dare la terapia?) che dovrebbero però essere formati per i pazienti psichiatrici e psicoterapeuti per parlare e ascoltare i pazienti, i familiari, per protendere alla costituzione dei gruppi multifamiliari e di mutuo aiuti tra pazienti, operatori e pazienti. Divulghiamo queste necessità e lottare per reclutarli ovunque, nelle scuole primarie, superiori, nei posti di lavoro pubblici e privati e abituare la popolazione all’approccio nei centri di salute mentale dove deve essere presente ed accogliente una reception adeguata e pronta per la presa in carico fin dall’esordio della “confusione psichica”!!
    tutto questo manca o è molto scarso. Chi e come fare di più? Vogliamo dare un’occhiata ad alcune dimensioni piu’ nordiche?

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
False credenze sulla psicologia: una ragazza parla con un terapeuta
27 Febbraio 2024

Cinque false credenze sulla psicologia di cui diffidare

Quando si attraversano situazioni di difficoltà o si percepisce forte malessere, è perfettamente naturale avvertire la necessità di richiedere un aiuto specialistico. Talvolta, però, si è restii a farlo, a causa di pregiudizi e falsi…

Frasi di psicologi famosi
26 Febbraio 2024

Le 10 frasi più belle di psicologi famosi

L’ambito della psicologia, con le sue profonde intuizioni sul comportamento umano e sulla mente, ha fornito al mondo un’abbondante collezione di pensieri e riflessioni significative. Gli psicologi di fama mondiale, attraverso il loro impegno costante…

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
L'effetto dei social media sui giovani
26 Febbraio 2024

L’effetto dei social media sui giovani

Ancora prima di affrontare l’articolo affiora un ricordo: forse tredicenne, torno a casa, un pomeriggio dopo la scuola, e all’ingresso registro qualcosa di diverso. Sul telefono grigio della SIP, sul disco, c’è un lucchetto.

25 Gennaio 2024

Facciamo caso…

In un recente articolo, pubblicato sul Corriere della Sera, una delle scrittrici italiane più vivaci, racconta di avere fatto delle ipotesi a proposito di alcune sue problematiche odierne, quali non riuscire ad abbracciare il marito…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd