Vaso di Pandora

Marco Cavallo: un simbolo per chi?

Quando Marco Cavallo prendeva forma io avevo 10 anni. Nel manicomio di Trieste, Tinta guardava con occhi di bambino la sagoma di cartapesta che prendeva forma nelle mani degli artisti e dei volontari che ci credevano, insieme a Basaglia.

Tinta non toccava niente, così come tutti gli altri internati in manicomio. Avevano conosciuto il cavallo in carne ed ossa che portava la biancheria ed i rifiuti di cucina, che quando diventò vecchio fu sostituito da un motocarro. Avevano chiesto di tenerlo con loro, anche se non era più capace di rendersi utile, ma non glielo permisero.

Dopo qualche anno , le lotte politiche del 68 portavano le idee di liberazione anche in Manicomio e così qualcuno pensò di ridare vita a Marco come immagine  di ciò che resta e cresce, con altri significati che porta con se’.

Marco Cavallo aveva le ruote e la pancia piena di desideri. Per i pazienti i desideri erano un orologio, un paio di scarpe, vedere la propria casa o vedere il mare; per gli operatori rappresentava qualcosa di meno concreto, il simbolo di un processo di liberazione per tutti quelli che soffrivano la vita manicomiale( le condizioni di lavoro in manicomio allora erano estremamente disagiate, vi era scarsità di personale, turni di lavoro faticosi ed alienanti, mancanza di igiene e di dignità  per chi custodiva e per chi era custodito. La differenza non era così marcata).

Quando il cavallo di cartapesta fu terminato, fu spinto fuori dalla porta del laboratorio e fuori dal recinto delle mura del manicomio; dietro a lui un corteo di centinaia di persone si riversava nelle vie di Trieste.

Era  giugno del 1973

Il cavallo era di colore azzurro, come voleva Tinta, che è stato accontentato.

Questo simbolo esiste ancora ed ogni tanto ritorna, a ricordarci la storia.

Ritorna in questi giorni a Genova, negli spazi dell’ex manicomio di Quarto, rispolverato come vecchio simbolo di liberazione ora che si parla di “chiusura degli OPG”.

Da allora tante cose sono cambiate, tante aspirazioni si sono realizzate. Altri fantasmi sono drammaticamente presenti.

Conoscere la storia del nostro lavoro è essenziale, ma credo sia importante inserire Marco Cavallo nel momento in cui viviamo, altrimenti rischia di diventare una grottesca macchina teatrale.

Non credo si debba più pensare alla segregazione ed alla chiusura , perché’ i nostri pazienti  non sono più spettatori come Tinta , ma sono i protagonisti del lavoro, insieme a noi che operiamo tutti i giorni  con ideologia più sfumata, ma sicuramente con una maggior coscienza di appartenere al mondo.


Il simbolo per una nuova psichiatria ideato da Franco Basaglia sarà il testimonial della due giorni di iniziative per chiedere la chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari e avviare la riconversione dell’area di Quarto [Repubblica.it GE: http://genova.repubblica.it/cronaca/2013/11/12/news/marco_cavallo_-70846118/]

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
Animal hoarding: una cucciolata di gattini
12 Aprile 2024

Animal hoarding: cos’è la sindrome di Noè?

L’espressiona animal hoarding si può tradurre in italiano con accumulo di animali. Il fenomeno non è molto noto nel nostro Paese, ma ciò non significa che non ci riguardi. Non è conosciuto non perché non…

Frasi del cappellaio matto: Alice con un coniglio in braccio
12 Aprile 2024

Le più iconiche frasi del Cappellaio Matto

Il Cappellaio Matto, senza ombra di dubbio, è uno dei più amati personaggi all’interno del coloratissimo mondo di Alice nel paese delle Meraviglie. Nonostante sia passato oltre un secolo dalla prima pubblicazione dell’opera di Lewis…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
9 Aprile 2024

Suicidi in carcere: riflessioni

Nei primi tre mesi del 2024 sono 28 i suicidi nelle carceri. Un fenomeno complesso dove si intrecciano molteplici fattori: carenze della prevenzione, sovraffollamento, violenze, precarietà, scarse occasioni studio, lavoro e alloggi, povertà, migrazioni, uso…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd