Vaso di Pandora

Marco Cavallo torna a casa?

La notizia che il nostro Marco Cavallo verrà sfrattato dall’attuale sede a Muggia, dove risulta indesiderato, per quanto strana e inaspettata apre a una prospettiva utilizzabile.

Fatto di cronaca di poco rilievo, potrebbe magari farci osservare meglio certi sentimenti e l’idea di essere in pericolo i nostri valori come i più deboli, insieme agli emarginati che possono illuminare debolezza e fragilità, ma forse per qualcuno costituire indicatori di  disordine e trasgressione tanto da sfrattare un cavallo di cartapesta!

Cavallo che attraverso la sua umile operosità tuttavia  si era guadagnato l’affetto e l’onore di riprodurre simbolicamente  un universo altro… quello delle immagini interiori dei reclusi,  di esprimere un’immaginazione attiva e comunitaria.

Siccome poco tempo fa avevo avuto modo di parlare proprio della storia di Marco Cavallo a proposito della sua rilevanza nella Conferenza ISPS di Perugia, mi ha toccato questa notizia per me in risonanza con una forte sensazione di smarrimento rispetto al distacco, allo scollamento tra popolazione e politica (in Italia 16milioni e mezzo di cittadini non ha votato) segnalata da molti pazienti riguardo al dover reggere una situazione globale dove ogni atto politico è ambiguo e clamoroso caraterizzandosi troppo spesso per  mancanza di  empatia , sensibilità e tatto.

Sento opportuno metaforicamente domandarci se Marco Cavallo tornerà a Trieste o in “Manicomio”.

Argomenti in questo articolo
Condividi

Commenti su "Marco Cavallo torna a casa?"

  1. Questa notizia arriva in un momento in cui la scuola di pensiero che si ispira a Basaglia si attiva inviando alla nostra Email – e suppongo non solo a questa – quasi quotidiane riflessioni e ricerche. E’ una coincidenza? Cosa sta accadendo in quei contesti? Crisi di quel movimento? Spinta a rilanciarlo? Sinceramente non lo so, ma mi piacerebbe capirlo.

    Rispondi
  2. leggo nell’inserto della domenica del Secolo XIX un delitto di uno psichiatra ‘paranoico’, l’uccisione di un collega che lo aveva curato, E’ di un pò di anni fa… sento pesare la colpa sulla follia attraverso questi continui forse non casuali rimandi alla pericolosità alla violenza all’incomprensibilità dovuta alla follia. Sembra ci sia una linea definita tra follia e normalità, è normale aggradire difendersi competere truffare appartiene alla vita normale poi si passa all’incomprensibile e quindi folle. Come se non fosse possibile capire come se parte del cervello fosse chiusa facilitata appunto da una comunicazione che dice già che non mi riguarda, etichetta di non interesse e di competenza di altri dai tutori dell’ordine ai medici della mente la presunta follia e la cura della stessa. Ecco questo mi pesa… perché mai devo leggere un racconto che mi allontana ancor più da una comprensione magari anche ben scritto… perché mi devo stupire che ci sia così un distacco da un pensiero più complesso che non sia ecco i folli vanno trattati da bravi medici Basaglia è stato bravo a far vedere che i manicomi erano luoghi di violenza ed emarginazione ma ora bisogna aver solo medici tecnicamente attrezzati ed avere più risorse di cura e controllo. . Ecco perché Marco Cavallo esce dal mio interesse. Ecco perché esce da quel legame che aveva con una politica che coinvolgeva una riflessione forse più difficile, forse quasi impossibile ma a cui tendere per non diventare inumani.

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
L'acquisizione di maturità
23 Luglio 2024

L’acquisizione di maturità

Ogni anno, a giugno, il tema degli esami di maturità torna sui giornali con le  previsioni e i commenti sugli argomenti dei temi, con le interviste agli esperti che suggeriscono le strategie di studio e…

Scala Griffiths cosa è
23 Luglio 2024

Scala Griffiths: valutazione dello sviluppo infantile

La scala Griffiths è uno strumento fondamentale per la valutazione dello sviluppo infantile, utilizzata da decenni in ambito pediatrico e psicologico. Sviluppata negli anni ’50 da Ruth Griffiths, questa scala rappresenta un punto di riferimento…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
L'acquisizione di maturità
23 Luglio 2024

L’acquisizione di maturità

Ogni anno, a giugno, il tema degli esami di maturità torna sui giornali con le  previsioni e i commenti sugli argomenti dei temi, con le interviste agli esperti che suggeriscono le strategie di studio e…

D'aria, la storia della mia passione per il volo
22 Luglio 2024

D’aria, la storia della mia passione per il volo

Sono nata d'aria. Una foglia al vento. Senza radici, appoggiata alla chioma instabile di alberi granitici ed austeri, solide erinni ma elastiche di prospettive mutevoli. Così camminavo a naso all'insù: nulla era più fantastico delle…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.