Vaso di Pandora

Le vittime di ludopatia

Mi interessa fermarmi sulla perizia di Crepet. Se ho capito bene,  interviene come perito di parte incaricato da Lottomatica ( che sta facendo propaganda al gioco d’azzardo anche promettendo bonus tramite Email). Ciò rende necessario fare una tara alle sue dichiarazioni.

Nel suo ruolo, ha mantenuto il giusto equilibrio fra l’obbligo contrattuale di sostenere le ragioni del cliente e quello etico – deontologico di ricorrere ad argomentazioni tecnicamente difendibili? Su questo, preferisco non pronunziarmi.
 Il problema della ludopatia è troppo importante e complesso per essere liquidato rapidamente. Certo, non ogni azzardo è per definizione patologico: ma le correlazioni sono importanti e significative.
 L’epidemiologia ci dice che i giocatori patologici hanno un rischio lifetime di suicidio pari al 20%. Una notevole parte di essi presenta  alterazioni della personalità rientranti in linea di massima nel cluster B, quello che include i tipi borderline, antisociale, istrionico, narcisistico, con tratti prevalenti di incostanza e inaffidabilità, tendenza a drammatizzare, instabilità emotiva, impulsività.  E’ stato prospettato anche un collegamento con il disturbo dell’attenzione con iperattività. In ogni caso, si associano frequentemente sintomi ansioso – depressivi e uso di sostanze.
Esistono, fra l’altro,  situazioni di patogenesi sicuramente psicoorganica, che autorizza a collocarle nel campo della psicopatologia:  la somministrazione di alte dosi di dopaminergici, come nel Parkinson, ha un ben dimostrato ruolo nello svilupparsi di ludopatie anche gravi. Ho visto un  paziente affetto da ludopatia con questa patogenesi che, da uomo d’affari di successo quale era, è giunto al totale dissesto. Vive ormai in una casa di riposo e la ex moglie gli passa per le piccole spese 10 euro al giorno, che egli immediatamente si gioca. Il suo benessere economico si è spostato, andando a incrementare quello dei gestori delle macchinette. Viene in mente Marx, che paragona il gioco d’azzardo al furto: entrambe attività che non producono beni, ma realizzano un semplice trasferimento di valore.
E’ dunque assolutamente superficiale sostenere la fondamentale sanità di ogni attività di gioco comportante azzardo, come d’altronde il ritenerlo sempre patologico. Certo, può appagare alcune importanti nostre esigenze: in un’ottica etologica, può far rivivere l’esperienza del rischio che forse in qualche modo ci manca, in paradossale contrasto con il nostro incessante impegno nel procurarci una esistenza totalmente garantita; in un’ottica psicodinamica, il gioco ci dà l’occasione di vivere l’illusione onnipotente di ottenere molto con poco, di  padroneggiare la sorte, di capovolgerla in un sol colpo: è un classico il frequente atteggiamento superstizioso del giocatore – tipo.
E’ uno dei temi che si intrecciano ne “Il fu Mattia Pascal” di Pirandello: il protagonista trova in una vittoria al gioco molto remunerativa la possibilità di sostituire una condizione di vita, ormai poco tollerabile, con un’altra nuova di zecca, anche perché il contemporaneo falso annuncio della sua morte lo libera da ogni condizionamento lasciandogli in apparenza aperta ogni strada, compresa l’assunzione di un nuovo nome; ma la speranza di cancellare le difficoltà della vita si rivela una illusione.
Il gioco può dunque avere un suo ruolo (consolatorio?) nella nostra economia mentale, non diversamente da quell’uso di sostanze che entro certi limiti tolleriamo, forse necessariamente, con la tazzina di caffè o il bicchiere di vino; ma come accade con queste, se ne può non raramente perdere il controllo così da cadere in una vera addiction con conseguente aggravamento dei tratti abnormi di personalità eventualmente preesistenti, e possibile rovina economica.
 E’ forse inevitabile l’ambiguità della nostra posizione nei confronti di queste attività; quel che è certo è che comportano un rischio. Non mi pare quindi ammissibile il rifiutare all’autorità politico –amministrativa il diritto – dovere di porre  –  senza giungere a un futile proibizionismo – dei paletti che la contengano.
Condividi

Commenti su "Le vittime di ludopatia"

  1. assolutamente corretto…
    aimè l”interesse’ fa perdere il buon senso. Non farsi fuorviare da un eccessivo interesse al soldo sembra sempre più difficile….

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
una persona prende molte patatine da un tavolo pieno di cibo
16 Aprile 2024

Abbuffate compulsive: comprendere e gestire il disturbo

Le abbuffate compulsive, anche conosciute come disturbo da alimentazione incontrollata (Binge Eating Disorder, BED), sono un disturbo alimentare caratterizzato da episodi ricorrenti di eccessivo consumo di cibo, in cui si ha la sensazione di perdere…

Amare la solitudine: un uomo solo seduto su una panchina
16 Aprile 2024

Amare la solitudine: elementi da considerare

Si tende a pensare che le persone amanti della solitudine siano timide, riservate o addirittura asociali. In realtà, però, si tratta soltanto di pregiudizi, che spesso hanno poco a che fare con la verità. Imparare…

come calmare l'ansia velocemente
16 Aprile 2024

5 piccoli consigli su come calmare l’ansia velocemente

L’ansia è una condizione comune che può manifestarsi in diverse situazioni, causando sensazioni di paura, preoccupazione e disagio. Quando l’ansia diventa travolgente, può influire negativamente sulla qualità della vita. In questo articolo, vi daremo 5…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Patologia
Leggi tutti gli articoli
10 Ottobre 2023

Aveva un occhio nero ed uno blu

Scrivere di Claudia non è semplice. Ci ha lasciati giovedì mattina, spiazzati ed impreparati. Claudia non era ammalata fisicamente. Aveva un male che si chiama solitudine, che si chiama mancanza. Cristian, il suo unico figlio,…

29 Settembre 2023

Nei peggiori bar di Bologna

L'atro giorno ero in un bar. Guardavo le persone dal mio tavolino. Alcuni solitari leggevano la Gazzetta dello sport, altre coppie di anziani chiacchieravano davanti ad un cappuccino. Guardavo la barista cinese che svogliatamente batteva…

9 Maggio 2023

Meglio soli…

Credo che un buon punto di partenza ce lo fornisca proprio Vittorio Lingiardi, psichiatra e psicanalista che in questo articolo propone una distinzione fra solitudine e isolamento.

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd