Vaso di Pandora

Le sevizie nelle sevizie: i malati ebrei del manicomio

Commento breve e immediato alle notizie ANSA:

“Gli ebrei deportati da ‘manicomi’ di Venezia”, 23/01/2015

“I disabili uno sterminio dimenticato”, 27/01/2015

 

LE SEVIZIE NELLE SEVIZIE: I MALATI EBREI DEL MANICOMIO

di Monica Carnovale & Elena Firpo

È notizia di questi giorni, in occasione dell’anniversario della Shoah, lo sterminio dei disabili mentali ebrei nei manicomi del nord est italiano, ad opera di psichiatri nazisti.
La notizia non mi stupisce: il senso di angoscia che ho provato giorni fa vedendo alla Tv un filmato girato nel lager di Dachau, nell’ anno ‘45 ad opera degli inglesi, non accresce pensando che anche i pazienti del manicomio abbiano subito la stessa sorte.

D’altra parte chi conosce la storia della psichiatria sa che i pazienti psichiatrici sono stati considerati in più periodi storici, al livello più basso della scala della dignità umana ed hanno rappresentato il materiale umano più idoneo, a causa della loro ingenua incoerenza e bizzaria, per chi aveva bisogno di scaricare la propria aggressività distruttiva attraverso la legittimità del potere.

…Per non dimenticare, quindi, ben venga la mostra organizzata in questi giorni a Venezia sulle cartelle cliniche che documentano questi avvenimenti.

Non so se queste iniziative possano servire veramente a non dimenticare…

Certamente, quando rifletto sul nostro operare quotidiano con le stesse persone che ora abitano le nostre Comunità Terapeutiche, che hanno avuto solo la fortuna di nascere dopo, altrimenti sarebbero finite tutte in manicomio, e sento che qualcuna di loro attacca in modo aggressivo il nostro intervento sento quanto l’attacco possa suscitarmi rabbia e desiderio espulsivo per proteggere in qualche modo quelli che invece riconoscono il bisogno e l’offerta conseguente.

Per quanto frustrante risulta il trovarsi di fronte a chi dice NO! ad un trattamento proposto possiamo leggere nel rifiuto anche l’espressione di un piccolo frammento di libertà
Un paziente (psicotico grave) dopo un lungo ricovero in CT, desideroso di proseguire l’esperienza in una CAUP perché riconosce di avere ancora bisogno di sostegno, ma sente la forza di sperimentarsi in una situazione di maggiore autonomia dice NO! quando gli viene proposto l’inserimento in alloggio degradato trascurato ed avvilente.
Le sevizie e gli esperimenti che facevano gli insigni psichiatri tedeschi riportano al concetto di negazione della dignità umana delle persone malate; quindi ricordiamo per non ripetere aberrazioni simili ma anche per non dimenticare mai, che curare significa anche offrire un luogo dignitoso che possa essere ripulito e riparato in continuazione dove un uomo possa scegliere senza sentire su di sé la violenza del degrado.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
una persona prende molte patatine da un tavolo pieno di cibo
16 Aprile 2024

Abbuffate compulsive: comprendere e gestire il disturbo

Le abbuffate compulsive, anche conosciute come disturbo da alimentazione incontrollata (Binge Eating Disorder, BED), sono un disturbo alimentare caratterizzato da episodi ricorrenti di eccessivo consumo di cibo, in cui si ha la sensazione di perdere…

Amare la solitudine: un uomo solo seduto su una panchina
16 Aprile 2024

Amare la solitudine: elementi da considerare

Si tende a pensare che le persone amanti della solitudine siano timide, riservate o addirittura asociali. In realtà, però, si tratta soltanto di pregiudizi, che spesso hanno poco a che fare con la verità. Imparare…

come calmare l'ansia velocemente
16 Aprile 2024

5 piccoli consigli su come calmare l’ansia velocemente

L’ansia è una condizione comune che può manifestarsi in diverse situazioni, causando sensazioni di paura, preoccupazione e disagio. Quando l’ansia diventa travolgente, può influire negativamente sulla qualità della vita. In questo articolo, vi daremo 5…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
9 Aprile 2024

Suicidi in carcere: riflessioni

Nei primi tre mesi del 2024 sono 28 i suicidi nelle carceri. Un fenomeno complesso dove si intrecciano molteplici fattori: carenze della prevenzione, sovraffollamento, violenze, precarietà, scarse occasioni studio, lavoro e alloggi, povertà, migrazioni, uso…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd