Vaso di Pandora

La salute e la polvere

E’ uscito ieri, 17 marzo 2023, su La Stampa, il racconto reportage “Cocaina Globale”.
La enorme e crescente diffusione dell’uso di cocaina nel mondo ha raggiunto proporzioni inaspettate, secondo gli analisti del fenomeno. Ma è proprio così? A me non stupisce affatto.

La salute è il bene più prezioso. Come tutti gli altri beni eravamo abituati a cercarli attraverso interlocutori capaci di adattare i nostri bisogni all’offerta. La carne dal macellaio, la verdura al banco del mercato, avevamo sempre un intermediario, direbbe Zapparoli, tra i nostri bisogni e i poteri che li detengono. Avevamo un rapporto.

Poi abbiamo scoperto che senza intermediazione ci sentivamo più liberi. Siamo corsi con i carrelli ai supermercati, perché risparmiavamo tempo e trovavamo tutto. Poi i centri commerciali e poi neppure siamo più usciti, abbiamo imparato a fare arrivare tutto a casa, neppure l’intermediario alla cassa, tutto nel telefono, tutto da soli.

È così che vogliamo la salute. Prendere quello che serve, scegliere liberamente, faticare poco.

A chi viene nei servizi pubblici è sempre più difficile rispondere che la cura si fa insieme, che si deve cercare, che curarsi è fatica. Abbiamo dispensato antidepressivi a pioggia e abbiamo capito, dopo molti anni, che all’inizio fanno bene, poi fanno così così, poi si deve lottare per toglierli, e spesso non si riesce.

La Coca Cola ha conquistato il mondo, è il prodotto tipico del novecento. Se la coca è il prodotto tipico di questo secolo io non mi scandalizzo affatto. Ci sono ancora molti mercati da conquistare, menti affrante da curare con la polvere magica che arriva a domicilio e corre tra le strade nelle tasche, invece che nei borsoni di Glovo.

Alla fine chi legge dirà: ma che c’entra la salute? La cocaina è droga.
Vista su vasta scala la cocaina sta diventando il doping della vita. O cambiano le regole del gioco, o sarà dura controllare il fenomeno.

Condividi

Commenti su "La salute e la polvere"

  1. Avidità, voglie di soddisfazione immediata, Mac Donald, rifiuto delle mediazioni, sviluppo squilibrato… Poco di nuovo sotto il sole. Giordano Bruno, 1584: “bastava il condimento della fame a far più suave e lodevol pasto le ghiande, li pomi, le castagne, le persiche e le radici, che le benigna natura administrava…che non possano far giamai tanti artificiosi condimenti ch’ha ritrovato l’Industria e lo Studio, ministri di colei, i quali, ingannando il gusto e allettandolo, amministrano come cosa dolce il veleno; e mentre son prodotte più cose che piaceno al gusto, che quelle che giovano al stomaco, vegnono a noiar alla sanità e vita, mentre sono intenti a compiacere alla gola. Tutti magnificano l’età dell’oro, e poi stimano e predicano per virtù quelle manigolda che la estinse, quella che ha trovato il mio e il tuo; quelle ch’ha divisa e fatta propria a costui e colui non solo la terra ( la quale è data a tutti gli animanti suoi) ma, ed oltre, il mare, e forse l’aria ancora… questi, a suo malgrado, crapulano, quelli altri si muoion di fame”.
    Facciamo la tara, ovvio, alla mitica età dell’oro: ma queste parole continuano a riguardarci.

    Rispondi
  2. E vi preghiamo, quello che succede ogni giorno non trovatelo naturale. Di nulla sia detto: “è naturale” in questi tempi di sanguinoso smarrimento, ordinato disordine, pianificato arbitrio, disumana umanità, così che nulla valga come cosa immutabile.
    Bertolt Brecht

    Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
L'effetto dei social media sui giovani
26 Febbraio 2024

L’effetto dei social media sui giovani

Ancora prima di affrontare l’articolo affiora un ricordo: forse tredicenne, torno a casa, un pomeriggio dopo la scuola, e all’ingresso registro qualcosa di diverso. Sul telefono grigio della SIP, sul disco, c’è un lucchetto.

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd