Vaso di Pandora

LA PERDITA DEL CENTRO PSICHICO, COSÌ L’IO È DIVENTATO LIQUIDO

Commento all’articolo apparso su La Repubblica il 13 ottobre 2015

LA PERDITA DEL CENTRO PSICHICO, COSÌ L’IO È DIVENTATO LIQUIDO

Pasquale Pisseri

 

Ho appena visto un film che dà occasione per commentare questo articolo.

Recalcati prende spunto dal parallelo articolo di Enrico Franceschini sulla crisi dell’identità sessuale, inquadrandola in un contesto più ampio: quello – rifacendosi a Bauman – dell’odierno carattere liquido dell’identità, non solo di genere. Essa “vacilla, barcolla, pare dissolversi in un camaleontismo permanente… per la psicanalisi non è il deficit dell’Io a causare la sofferenza mentale, ma una sua amplificazione ipertrofica… se l’Io non è più padrone nemmeno in casa propria… se non è più il centro permanente della nostra vita psichica tutto appare più libero, senza confini e delimitazioni rigide…”.

Rilievi importanti: ma quanto all’identità di genere, non è da oggi che viene messa in discussione, certo più sporadicamente. Lasciamo perdere le Amazzoni, anche se nella realtà (prei)storica (improbabile) o piuttosto nel mito rinunciavano letteralmente a metà della loro identità di genere, amputandosi un seno per meglio tendere l’arco in un gesto tipicamente maschile. Lasciamo perdere anche le mitiche donne guerriere come Pentesilea, Marfisa, Bradamente, Clorinda, o figure storiche come Giovanna d’Arco, che è stata accusata di eresia anche perché vestiva da uomo. Erano eccezioni inquietanti.

Ma abbiamo qualche esempio molto più recente – ma in ambito arcaico, molto lontano dal nostro – che mostra non solo una limitata accettazione del cambiamento ma addirittura una sua cooptazione nei codici sociali.

 

Veniamo al film: Hana, la protagonista, vive in uno sperduto paese sulle montagne albanesi (fra parentesi, è ammirevolmente reso l’ambiente scabro e ostile). Stanca della pesante condizione di inferiorità come donna e dei veri e propri soprusi, segue il consiglio del padre che affettuosamente le indica la via d’uscita: trasformarsi in maschio!

Mi risulta, fra l’altro, che questa possibilità non sia puro frutto di fantasia registica, ma sia stata davvero concreta e addirittura formalizzata quale istituzione fino a tempi recenti, e persino ancora adesso in qualche luogo sperduto. Il film mostra, credo attendibilmente, una precisa procedura: occorre vestirsi da maschio, comprimere le mammelle nascondendole, rinunciare solennemente di fronte agli anziani del villaggio alla propria identità di donna, anche giurando perenne verginità. Il padre annuncia a tutti e altrettanto solennemente, con salve di fucile, che in casa è “nato” un maschio. Da quel momento Hana potrà e dovrà vivere da maschio anche armandosi di fucile, ciò che prima le era vietato.

Ma verrà il giorno che, trasferitasi in un meno repressivo ambiente urbano, potrà recuperare faticosamente e dolorosamente la propria femminilità.
Dunque, in quel contesto così lontano dal nostro, l’identità di genere può svincolarsi dal dato anatomico, in funzione della scelta della persona e del consenso della collettività: lì non occorre il chirurgo, che d’altronde qui da noi a quanto ne so riesce a realizzare, sul piano strettamente anatomico, poco più che una superficiale imitazione del sesso richiesto.

Certo, si può obiettare fondatamente che nell’arcaico ambiente delle montagne illiriche il cambiamento non è nato da una generale liquefazione dei valori e dei modelli ma, quasi al contrario, da una ricerca, da parte di una “debole” femmina, di un’identità immaginata solida come una roccia e socialmente ritenuta superiore: quella maschile. Ma la cosa resta suggestiva.

Si aprirebbe qui un discorso molto complicato: cos’è l‘identità di genere una volta che, come fosse un carciofo, se ne sono sfogliate – come sta oggi accadendo – le parti evidentemente connesse ai modelli sociali: dalla scelta dei giocattoli a quella dell’abbigliamento, all’interessamento o rifiuto per gli sport violenti, e via dicendo… Del nostro mondo interno fa parte un’essenza della mascolinità o femminilità svincolata dagli accidenti storici?

 

L’orientamento del desiderio non è una risposta, poiché l’omosessualità non rovescia l’identità di genere.
E allora questa che cos’è? Domanda troppo grossa per me.

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
famiglia con bambini passeggia su un molo al tramonto
24 Maggio 2024

Siblings e Autismo: guida per famiglie e fratelli

Ricevere la diagnosi di autismo in un bambino rappresenta un momento delicato e significativo per tutta la famiglia, ed è importante in questa fase guidare alla comprensione e all’accettazione della condizione del bambino i cosiddetti…

donna sta per andare al wc
24 Maggio 2024

Vescica iperattiva psicosomatica: cause e soluzioni

Con vescica iperattiva si indica la condizione per cui si avverte il bisogno urgente e frequente di urinare, spesso accompagnato da incontinenza. Questa condizione non è solo la conseguenza di problematiche e disfunzioni fisiche, ma…

L'empatia: la relazione che cura
24 Maggio 2024

L’empatia: la relazione che cura

Il concetto di empatia venne introdotto da  Robert Vischer, filosofo tedesco e professore di storia dell’arte, a fine ‘800, deriva dal termine empátheia, ovvero «sentire dentro» e definisce la capacità di introiezione dell’oggetto artistico da parte dello spettatore

grooming
24 Maggio 2024

Grooming: riconoscere e prevenire l’abuso online

Il grooming è una forma di adescamento online che coinvolge i minori, con l’obiettivo di stabilire una relazione di fiducia per poi sfruttarli sessualmente. In un’era sempre più digitale, è fondamentale che genitori, educatori e…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Workaholic: dipendenti dal lavoro
22 Maggio 2024

Workaholic: dipendenti dal lavoro

Nell’attuale mondo frenetico, la linea tra impegno lavorativo e ossessione può sfumare facilmente. La figura del “workaholic“, o dipendente dal lavoro, emerge come il simbolo di una cultura che celebra l’eccesso come emblema di successo.…

Rissa nella Rems di Subiaco
10 Maggio 2024

Rissa nella Rems di Subiaco. Che fare?

Il 20 aprile si è avuta notizia sul quotidiano Il Tempo di un episodio di violenza di due ospiti della Rems di Subiaco contro un altro paziente. Secondo un sindacalista l’aggressione sarebbe stata determinata da…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd