Vaso di Pandora

La guerra dei sessi

Femminicidio e dintorni
Commento a fatti di cronaca ricorrenti

Oggi, passeggiando sono stato colpito da un manifesto che pubblicizzava un’iniziativa pubblica contro il femminicidio, termine che peraltro non ritroviamo nel vocabolario italiano, ma che evoca tragedie ripetute degli ultimi periodi.

Non so se  l’incidenza degli omicidi di donne , perchè di questo si tratta, sia effettivamente aumentata negli ultimi tempi; di sicuro se ne scrive e parla molto e tutto ciò contribuisce a evidenziare quella che potrebbe apparire la “guerra dei sessi“.

Può essere che tra qualche tempo, come è avvenuto per i pedofili, l’attenzione dei media cali e quindi anche la frequenza sottolineata di episodi del genere,ma  sicuramente la forte passione che sottende il rischio dell’aggressione violenta dell’uomo sulla donna rimane.

Femminicidio appunto, il termine sottolinea intensamente la differenza di genere.
Io parlo di donna qui si parla di femmina, parrebbe quindi che sia l’elemento femminile quello su cui si accanisce la violenza, quindi l’aspetto più biologicamente determinato e come tale più intensamente legato al meccanismo di piacere-dispiacere e di presenza-abbandono.

Tutte le storie hanno a che vedere con periodi d felice convivenza interrotti più  o meno bruscamente da liti e separazioni; l’elemento “gelosia”seppur presente sembra passare insecondo piano rispetto all’abbandono e alla conseguente solitudine e crisi di identità affettiva con intense  e ripetute recriminazioni

Che cosa porta quindi a mettere fine alla vita dell’amata (ex) e alla richiesta di (implicita) punizione che inevitabilmente modificherà anche la vita futura dell’omicida.
Trattandosi di un commento alle diverse notizie di femminicidio, ovviamente non ritengo d poter dare una risposta unica ed esaustiva, ma vorrei fermare la vostra attenzione sulla passione, ovvero su quel trasporto amoroso intenso e spesso apparentemente insensato che condiziona i nostri comportamenti anche giornalieri e che è  fatto di coinvolgimento di psiche e soma in un intreccio psiconeuroendocrino che spesso influenza i nostri comportamenti.

Adamo ed Eva ne furono schiavi e persero il paradiso, Lilith prima ancora rappresentò l’emblema della femmina generatrice di vita e di piacere orgasmico  difficilmente sopportabile se non attraverso una serie di controlli che potremmo definire comportamentali del maschio sulla femmina tendenti a sottolineare il predominio e quindi il controllo dell’uno sull’altra.

Quando appunto questo controllo viene meno c’è la crisi che spesso sfocia in tragedie e violenze individuali o in soprusi sociali, basti pensare a come sono trattate le femmine , pardon le donne, tuttora in molte parti del mondo e come per ottenere da noi parità di diritti ( anche di doveri) abbiano dovuto combattere battaglie lunghe e non del tutto finite: pensate all’assurdità nel dovere nelle pubbliche amministrazioni affermare la necessità delle cosiddette”quote rosa”.

Provocatoriamente mi è venuto in mente di proporre una comunità terapeutica, visto che di questo mi occupo, che si prenda cura con una psicoterapia residenziale di uomini costretti dalla loro momentanea follia (che badate bene non giustifica minimamente l’atto criminoso in sè) ad uccidere l’oggetto della loro passione nella speranza  di punire questo insieme a loro stessi .

Chi vince, chi perde ………?

Condividi

Lascia un commento

Leggi anche
24 Marzo 2023

Ascoltiamoci

Un gruppo di direttori da sempre impegnati nella salute mentale pubblica si organizzano in una chat su whattsapp. Decidono di incontrarsi tutti i mesi per parlare del loro lavoro, dei problemi di tutti i giorni,…

23 Marzo 2023

A proposito di assistenza agli anziani

Negli  ultimi tre anni, le Rsa  si sono trovate a dover fronteggiare, una serie di problematiche che inevitabilmente hanno messo in difficoltà l'ordinario andamento della gestione sanitaria ed amministrativa del lavoro da svolgere.

Giovane donna dopo aver praticato Yoga
23 Marzo 2023

Violenza e abusi: un trauma difficile da superare

La violenza e gli abusi sono esperienze terribili che possono lasciare cicatrici profonde nella vita delle persone. Questi traumi possono manifestarsi in vari modi, tra cui disturbi d’ansia, depressione, PTSD e problemi di autostima. Tuttavia,…

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
23 Marzo 2023

A proposito di assistenza agli anziani

Negli  ultimi tre anni, le Rsa  si sono trovate a dover fronteggiare, una serie di problematiche che inevitabilmente hanno messo in difficoltà l'ordinario andamento della gestione sanitaria ed amministrativa del lavoro da svolgere.

21 Marzo 2023

Un ricordo di Franco Rotelli

Ho conosciuto Franco Rotelli oltre trent’anni fa quando era direttore del dipartimento di salute mentale di Trieste, una città riferimento internazionale per la salute mentale, essendo centro dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

18 Marzo 2023

Storie di ordinaria miopia

I vigili della polizia municipale di Quiliano hanno imposto che si smontasse il palco della lotteria di San Giuseppe, prevista per oggi. Da che si ricordi, ogni anno, a San Giuseppe, la parrocchia di Valleggia…

18 Marzo 2023

La salute e la polvere

E' uscito ieri, 17 marzo 2023, su La Stampa, il racconto reportage "Cocaina Globale". La enorme e crescente diffusione dell’uso di cocaina nel mondo ha raggiunto proporzioni inaspettate, secondo gli analisti del fenomeno. Ma è…

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.