Vaso di Pandora

La doppia vita di Raffaella Scarpa

La questione è semplice, e arriva senza fatica al lettore l’interesse per questa donna, Raffaella Scarpa, e per quello che propone. Arriva facilmente credo non solo a chi come me si occupa di psichiatria, ma anche a chi semplicemente è attento all’essere umano.
Lei è una linguista, insegna all’università a Torino: il padre medico, la madre che si ammala precocemente di sclerosi multipla.
Così questo suo collocarsi tra malattia e cura fin da bambina sembra dare il via ad un percorso dentro di lei che oggi approda a “Remedia, lingua, medicina, malattia” un progetto di studio presso l’università di Torino. L’oggetto del suo interesse sono le parole, lei ama la poesia. Così comincia a leggere le cartelle cliniche di malati mentali e non cerca il dolore, o il sintomo, o il senso perduto. Al contrario  scruta e trova le parole, quelle che sono dentro quel paziente autistico o nella giovane, ormai vecchia schizofrenica, che ha subito elettroshock, ma che non smette di scrivere, o negli infiniti elenchi di fiori, colori, oggetti che un giovane paziente ha compilato e conservato per anni.
Così la parola, la sua nascita diventa il centro di un discorso che noi sappiamo essere assai vicino al desiderio, alla presenza dell’altro, quale che sia la nostra capacità di riconoscerlo, vederlo, nominarlo, cercarlo.
Nel nostro lavoro quotidiano noi usiamo le parole per curare, per cercare di raggiungere l’altro, la sua storia, speriamo anche la sua sofferenza, e questo è quello che credo tutti noi sappiamo bene. Ma naturalmente noi siamo, come  questa particolare linguista, interessati al fenomeno emotivo che la produce, al fenomeno emotivo che la nasconde, dove la parola, il linguaggio fornisce la possibilità di fare esperienza di sé, e inevitabilmente del mondo, oppure di escluderci da esso.
Per questo restiamo colpiti, (o almeno a me succede così) dal linguaggio con cui si propone alle volte il nostro incontro con il malato mentale, la sua mente che cerca parole, talvolta la parola che abita  la sua mente, curiosa o inquietante, senza apparente senso e siamo attenti agli echi che risuonano dentro di noi, e che nuovamente ci  propongono parole, che restituiamo. Noi psichiatri, psicologi, psi usiamo parole tecniche, transfert, controtransfert, “narrazione”. Ma anche conosciamo il senso di quello che chiamiamo linguaggio, traduzione di fatti psichici, fisici, alle volte il linguaggio del corpo, che parla, urla o semplicemente sussurra o tace. Per questo credo siamo così vicini  al vagare di questa donna che è certa di trovare dentro quelle storie ciò che non è dimenticabile, probabilmente neanche davvero sopprimibile,  “logos” parola , letteralmente da “lego” / raccogliere (la vita) non intesa come segno grafico omologabile che racconta (la vita), ma come evento mentale/ linguistico che  segnala la sua ricerca, più spesso la sua scoperta.
Sono tante le suggestioni letterarie che mi vengono alla mente, scrittori che scrivono dello scrivere, poeti che scrivono del poetare, parole che non sono altro che l’arte di averle: Ferdinando Pessoa, con il  dialogo con se stesso, Amos Oz  “La vita fa rima con la morte” con il suo scrivere senza trama, così credo che  per questa donna essere appassionati di linguistica sia essere immersi nella duplicità del fenomeno del conoscere, a cavallo con il creare e il perdere, con l’ammalarsi e il curare. Per questo cercherò i suoi libri, certamente insoliti come lei.
Fa piacere trovare risonanze anche con chi si occupa di altro, lontano da noi.
Così vorrei salutare questa nuova conoscenza con le parole che precedono un libro di Grosssman a me molto caro (suggerito da una mia paziente).
 “Quando la parola si farà corpo
   e il corpo aprirà la bocca
   e pronuncerà la parola che l’ha creato,
   abbraccerò questo corpo
  e lo adagerò al mio fianco.”
Condividi

Commenti su "La doppia vita di Raffaella Scarpa"

  1. Grazie Paola per le suggestioni in questo tuo commento, le tue parole sono calde e mi trasportano in una dimensione dell’essere umano talvolta perduta, sono parole che restituiscono significato a quello che facciamo. Spesso siamo troppo attenti alle diagnosi e al trattamento senza soffermarci al valore delle parole. Stefano Pirrotta

    Rispondi
  2. Prezioso come il seme che la vita dà è il lavoro di chi prova ad ascoltare le parole che restano mute o strozzate in corpi che lentamente si distruggono.
    Viva Remedia e progetti come questo!

    Rispondi
    • Dopo un po’ di tempo da questo commento e da questa lettura leggo con stupore il tuo commento Francesca,ma mi accade che nuovamente si rinnova il potere nascosto dello scrivere e del leggere,come se questi sorvolassero sul tempo senza alcun peso.
      So che questo continuerà ad accadere.
      Seme prezioso davvero.
      Paola

      Rispondi

Lascia un commento

Leggi anche
soppressione del peso: una ragazza tiene in mano una bilancia
21 Giugno 2024

Soppressione del peso: pericoli e gestione

Si definisce soppressione del peso la differenza tra il peso più alto raggiunto da un individuo e quello registrato quando si giunge alla statura adulta. La massima altezza che possiamo toccare è un valore indipendente…

Nasce Mymentis

L’eccellenza del benessere mentale, ovunque tu sia.

Mymentis

Scopri la nostra rivista

 Il Vaso di Pandora, dialoghi in psichiatria e scienze umane è una rivista quadrimestrale di psichiatria, filosofia e cultura, di argomento psichiatrico, nata nel 1993 da un’idea di Giovanni Giusto. E’ iscritta dal 2006 a The American Psychological Association (APA)

Attualità
Leggi tutti gli articoli
Psichiatria e Psicoterapia: nemiche o alleate?
19 Giugno 2024

Psichiatria e Psicoterapia: nemiche o alleate?

Partecipando all’’Open day della Scuola di Psicoterapia Istituzionale, avvenuta a Genova, il 17 maggio scorso, mi ha offerto l’opportunità di sviluppare una riflessione: è possibile prendere in considerazione la Psichiatria e la Psicoterapia come i…

Tecnologia e innovazione per l’inclusione
18 Giugno 2024

Tecnologia e innovazione per l’inclusione LGBTQ+

Giugno è il mese del Pride: occasione unica, opportunità,  pretesto, espediente di marketing, tutto vero e tutto falso, o perlomeno, tutto potenzialmente vero e falso allo stesso tempo. Nel mondo LGBTQ+ ogni argomentazione è complessa,…

Nuove Rems?
13 Giugno 2024

Nuove REMS?

Nella bozza dell’annunciato provvedimento del Ministro Schillaci sulle liste di attesa vi è l'art. 21 che stanzia 40 milioni di Euro per la realizzazione di nuove REMS o la manutenzione di quelle esistenti.

Storie Illustrate
Leggi tutti gli articoli
8 Aprile 2023

Pensiamo per voi - di Niccolò Pizzorno

Leggendo l’articolo del Prof. Peciccia sull’ intelligenza artificiale, ho pesato di realizzare questa storia, di una pagina, basandomi sia sull’articolo che sul racconto “Ricordiamo per voi” di Philip K. Dick.

24 Febbraio 2023

Oltre la tempesta - di Niccolò Pizzorno

L’opera “oltre la tempesta” narra, tramite il medium del fumetto, dell’attività omonima organizzata tra le venticinque strutture dell’ l’intero raggruppamento, durante il periodo del lock down dovuto alla pandemia provocata dal virus Covid 19.

Pizz1 1.png
14 Settembre 2022

Lo dico a modo mio - di Niccolò Pizzorno

Breve storia basata su un paziente inserito presso la struttura "Villa Perla" (Residenza per Disabili, Ge). Vengono prese in analisi le strategie di comunicazione che l'ospite mette in atto nei confronti degli operatori.

سكس شباب english blue film video hot movies in hindi petite inked thai teen with hairy pussy rides dick in pov video sex melayu boleh ariana marie romance roses more itunda net kunyaza indian sex videos big titted vanesa will satisfy her dick thirst by deflowering a young and shy teacher main dengan adik ipar free sex video uk ashley adams in why daddy xxx bf video indian ब प ट र पल एक स ब प स क स द न ब स तर म एक मज द र र मप क ल ए एर क क जग त ह indian school girl sex hd