Attualità

L’insospettabile ingenuità dei nativi digitali

Veronica Marasso
28 Gennaio 2017
Nessun commento
L’insospettabile ingenuità dei nativi digitali

Commento all’articolo apparso su La Repubblica il 19 gennaio 2017

Ingenuo dal latino ingenuus, «onesto, schietto, semplice», persona che, per semplicità d’animo e soprattutto per inesperienza degli uomini e del mondo, conserva l’innocenza e il candore nativi ed è aliena perciò dal pensare il male e dal supporlo in altri.
Nell’antica Roma, indicava la condizione giuridica e sociale di chi era nato libero, e più precisamente di chi, essendo nato da padre libero al momento del concepimento, era perciò libero lui stesso.

Interessante come il concetto di Ingenuità sia intimamente legato a quello di libertà; libertà al momento della nascita nell’antica Roma come qualcosa di non così scontato come apparentemente sembra ai giorni nostri.

La libertà di un individuo, a mio parere, non può prescindere dalla libertà di pensiero ed espressione e per verificarsi presuppone la possibilità di fruire di informazioni da un lato e la capacità di processarle, ragionarle e decidere se farle nostre o prenderne consapevolmente le distanze.

Tema complesso e complicato che meriterebbe una riflessione profonda, storica, politica, sociale, ma soprattutto etica.
Credo che ognuno di noi si trovi immerso potenzialmente in un enorme paradosso: se da un lato infatti oggi l’accesso all’informazione è di tutti e per tutti, presupponendo una assoluta e trasversale libertà di fruizione, dall’altro le medesime informazioni vengono sapientemente artefatte, manipolate e inserite in “abiti” attraenti, che impressionano le nostre aree cerebrali come un’immagine fa con la pellicola fotografica ingannando abilmente la nostra capacità di critica e giudizio.

Nei giovani ciò è, se possibile, ancora più amplificato dalla duttilità e plasticità del loro mondo interno in cui è più facile fare breccia, dalla tendenza fisiologica all’idealizzazione ed all’illusione così semplici da stimolare, e molto altro.

Unitamente a ciò non si può tralasciare il fattore tempo: la rete offre l’opportunità di avere risposte immediate, con apparente soddisfacimento rapido di qualunque bisogno, contribuendo alla sempre crescente difficoltà ad attendere, a pensare, a costruire strategie dinamiche che portino ad un obiettivo ed in conseguenza non permettendo alcuna o quasi sperimentazione del se in costruzione, non fornendo stimoli all’incremento dell’autostima, rendendo impossibile la noia, inducendo la perdita della “patria potestà” della propria fantasia!

Per concludere a fronte di una “naturale” predisposizione alla tecnologia, i giovani affrontano la rete completamente sguarniti di strumenti che li aiutino a discernere ed a essere persone con un pensiero proprio.
Senza dimenticare la reale dipendenza che ciò può creare.

Per cui la libertà della rete che tutto permette, tutto mostra è per me la più grande illusione dei nostri tempi, con le conseguenze spesso anche di profonda sofferenza che portano con se tutte le illusioni!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri come vengono trattati i tuoi dati